Lavoro 30 Ottobre 2018

Commissione Garanzia boccia lo sciopero del 9 novembre. Ettore (Fesmed): «Ci uniremo agli anestesisti il 23»

L’intersindacale medica non ha rispettato la regola dell’intervallo, ma continua la protesta contro il mancato rinnovo del contratto e il definanziamento della sanità pubblica

Immagine articolo

La Commissione di Garanzia non ha autorizzato lo sciopero del 9 novembre indetto dall’intersindacale medica. Come preannunciato a Sanità Informazione da Giuseppe Ettore, presidente Fesmed, medici e dirigenti sanitari incroceranno le braccia, per ora, solo il 23 novembre, data inizialmente scelta da Aaroi-Emac per la protesta dei soli anestesisti. La ragione della mancata autorizzazione, come si legge nella comunicazione indirizzata dalla Commissione a tutti i sindacati, è il mancato rispetto della regola dell’intervallo, secondo la quale «in caso di scioperi distinti nel tempo, sia della stessa che di altre organizzazioni sindacali, incidenti sullo stesso servizio finale e sullo stesso bacino di utenza, l’intervallo minimo tra l’effettuazione di un’azione di sciopero e la proclamazione della successiva è fissato in 48 ore».

LEGGI QUI LA COMUNICAZIONE

L’intenzione dei sindacati di scioperare, dunque, resta, e la protesta, che ieri ha visto migliaia di medici riuniti in assemblea nelle strutture ospedaliere, continua. La nuova bozza della manovra, che inizia a circolare in via ufficiosa, non soddisfa quindi la categoria: «È ancora prematuro dare un giudizio – commenta il presidente Fesmed – perché non è chiaro quali saranno gli obiettivi finali. La richiesta è il finanziamento del rinnovo del contratto dei medici e dei dirigenti sanitari: sappiamo che il ministero dell’Economia non aveva dato alcuna risposta alle richieste del ministro Grillo relative alle risorse necessarie. Auspichiamo che questa piccola manovra possa dire con chiarezza, e in tempi brevi, quali saranno le risorse per il contratto».

«In particolare – spiega – noi non abbiamo condiviso che l’imponibile non comprenda l’indennità di esclusività. Per farlo servirebbero 60 milioni, quindi parliamo di una cifra abbastanza dimensionata. E poi c’è la parte normativa, nei confronti della quale abbiamo visto un muro che non fa progredire la qualità, la soddisfazione e la sicurezza del lavoro dei medici. Sono argomenti che vanno affrontati seriamente, e speriamo che possano essere oggetto di ulteriori incontri con il ministro Grillo, che ci aveva dato grande disponibilità».

LEGGI ANCHE: PROTESTA MEDICI, BONFILI (UIL): «SANITÀ’ ALLO STREMO. SBLOCCARE ASSUNZIONI, IN OSPEDALE CAMICI BIANCHI PIÙ GIOVANI HANNO 55-56 ANNI»

Ma come è ormai chiaro, non è solo il mancato rinnovo del contratto ad aver portato i medici alla protesta: c’è anche la tutela della sanità pubblica, messa a repentaglio da una ormai cronica carenza di medici, causata dall’insufficiente numero di borse di specializzazione e destinata ad aggravarsi con l’approvazione di “Quota 100”. Senza calcolare l’esodo di professionisti che fuggono il pubblico per rifugiarsi nelle migliori condizioni di vita del privato: «In tanti ospedali mancano i medici – prosegue Ettore – mentre migliaia di giovani camici bianchi sono bloccati nell’imbuto formativo che strozza il loro percorso formativo. Nel frattempo, i pochi medici rimasti ancora a erogare servizi sono veramente stanchi e insoddisfatti, e molti stanno andando in pensione senza aver raggiunto il limite pensionistico. Sono dati che devono far riflettere, senza dimenticare che quella generazione che se ne va porta con sé una ricchezza di contenuti professionali ed una capacità che non abbiamo nemmeno avuto modo di trasferire ai più giovani».

«E chi ne paga le conseguenze, alla fine, sono i cittadini. Avranno anche il reddito di cittadinanza – conclude il presidente Fesmed -, ma poi dovranno pagarsi le cure. Ecco perché crediamo che la nostra sia una battaglia globale, sociale, non solo sanitaria. Noi non molleremo e presidieremo le scelte che verranno fatte in un settore, quello della salute, che continua a non interessare a partiti e Governo, e non si capisce perché».

LEGGI ANCHE: PROTESTA MEDICI, MAGLIOZZI (CISL): «PREOCCUPATI DA COMPLETA ASSENZA DI ISTITUZIONI. CITTADINI INCONSAPEVOLI DI RISCHI SSN»

Articoli correlati
Infermieri, le proposte Nursing Up: «È tempo di un contratto analogo a quello dei dirigenti medici»
Categoria E per tutti i professionisti sanitari, ES e posto di ruolo per gli specialisti, intramoenia ed indennità di esclusività. Ecco le proposte che il sindacato degli infermieri Nursing Up porta oggi alla Commissione paritetica dell'Aran
Contratto medici, arriva la proposta Aran-Regioni: 200 euro lordi in più al mese e ‘doppia carriera’
Ora si attende la risposta dei sindacati. Previste due tipologie di incarichi: gestionali e professionali. Le Regioni pronte a stanziare circa 550 mln di euro per il triennio 2016-2018 e 458 milioni di euro a regime dal 2019 per un totale di oltre 1 mld di euro
Contratto medici, CIMO-FESMED: «Non arretriamo sulla tutela dei diritti»
La Federazione ritiene «peggiorative» le proposte di Aran e Regioni, e aggiunge: «L'accorpamento dei fondi contrattuali di dirigenza medica, sanitaria non medica e professioni sanitarie prefigura un danno a carico esclusivo dei medici dipendenti del SSN. Adotteremo ogni strumento e azione utile a tutelare gli interessi di tutti i camici bianchi»
Contratto medici, trattativa a una svolta. Filippi (Cgil): «Chiarito nodo finanziamento, ora anche a noi aumento del 3,48%»
Il segretario della Cgil medici si dice ottimista sull’esito della trattiva dopo l’ennesimo incontro in Aran: «Il nodo resta il 2018 per arrivare ad avere una parametratura sovrapponibile a quella di tutti gli altri comparti della sanità. Su questo ci siamo battuti, dovremmo farcela». Poi annuncia: «Aspettiamo l’integrazione all’atto di indirizzo che dovrebbe sostanzialmente spostare quel parametro che era fissato al 2% attraverso un finanziamento integrativo, per arrivare al 3,48%»
Sanità, l’allarme di Ganga (Cisl): «Confronto su Def, ma rischio tagli c’è. Su contratto pronti a scendere in piazza»
Il segretario confederale della Cisl sottolinea: «È sempre un'incognita la fase di confronto sul Def perché noi arriviamo da dieci anni di tagli lineari sul sistema sanitario». Poi affronta il problema delle carenze: «Arriveremo al 2022 con 55mila medici in meno e 39mila infermieri in meno, andiamo verso una sanità inanimata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...