Lavoro 30 ottobre 2018

Commissione Garanzia boccia lo sciopero del 9 novembre. Ettore (Fesmed): «Ci uniremo agli anestesisti il 23»

L’intersindacale medica non ha rispettato la regola dell’intervallo, ma continua la protesta contro il mancato rinnovo del contratto e il definanziamento della sanità pubblica

Immagine articolo

La Commissione di Garanzia non ha autorizzato lo sciopero del 9 novembre indetto dall’intersindacale medica. Come preannunciato a Sanità Informazione da Giuseppe Ettore, presidente Fesmed, medici e dirigenti sanitari incroceranno le braccia, per ora, solo il 23 novembre, data inizialmente scelta da Aaroi-Emac per la protesta dei soli anestesisti. La ragione della mancata autorizzazione, come si legge nella comunicazione indirizzata dalla Commissione a tutti i sindacati, è il mancato rispetto della regola dell’intervallo, secondo la quale «in caso di scioperi distinti nel tempo, sia della stessa che di altre organizzazioni sindacali, incidenti sullo stesso servizio finale e sullo stesso bacino di utenza, l’intervallo minimo tra l’effettuazione di un’azione di sciopero e la proclamazione della successiva è fissato in 48 ore».

LEGGI QUI LA COMUNICAZIONE

L’intenzione dei sindacati di scioperare, dunque, resta, e la protesta, che ieri ha visto migliaia di medici riuniti in assemblea nelle strutture ospedaliere, continua. La nuova bozza della manovra, che inizia a circolare in via ufficiosa, non soddisfa quindi la categoria: «È ancora prematuro dare un giudizio – commenta il presidente Fesmed – perché non è chiaro quali saranno gli obiettivi finali. La richiesta è il finanziamento del rinnovo del contratto dei medici e dei dirigenti sanitari: sappiamo che il ministero dell’Economia non aveva dato alcuna risposta alle richieste del ministro Grillo relative alle risorse necessarie. Auspichiamo che questa piccola manovra possa dire con chiarezza, e in tempi brevi, quali saranno le risorse per il contratto».

«In particolare – spiega – noi non abbiamo condiviso che l’imponibile non comprenda l’indennità di esclusività. Per farlo servirebbero 60 milioni, quindi parliamo di una cifra abbastanza dimensionata. E poi c’è la parte normativa, nei confronti della quale abbiamo visto un muro che non fa progredire la qualità, la soddisfazione e la sicurezza del lavoro dei medici. Sono argomenti che vanno affrontati seriamente, e speriamo che possano essere oggetto di ulteriori incontri con il ministro Grillo, che ci aveva dato grande disponibilità».

LEGGI ANCHE: PROTESTA MEDICI, BONFILI (UIL): «SANITÀ’ ALLO STREMO. SBLOCCARE ASSUNZIONI, IN OSPEDALE CAMICI BIANCHI PIÙ GIOVANI HANNO 55-56 ANNI»

Ma come è ormai chiaro, non è solo il mancato rinnovo del contratto ad aver portato i medici alla protesta: c’è anche la tutela della sanità pubblica, messa a repentaglio da una ormai cronica carenza di medici, causata dall’insufficiente numero di borse di specializzazione e destinata ad aggravarsi con l’approvazione di “Quota 100”. Senza calcolare l’esodo di professionisti che fuggono il pubblico per rifugiarsi nelle migliori condizioni di vita del privato: «In tanti ospedali mancano i medici – prosegue Ettore – mentre migliaia di giovani camici bianchi sono bloccati nell’imbuto formativo che strozza il loro percorso formativo. Nel frattempo, i pochi medici rimasti ancora a erogare servizi sono veramente stanchi e insoddisfatti, e molti stanno andando in pensione senza aver raggiunto il limite pensionistico. Sono dati che devono far riflettere, senza dimenticare che quella generazione che se ne va porta con sé una ricchezza di contenuti professionali ed una capacità che non abbiamo nemmeno avuto modo di trasferire ai più giovani».

«E chi ne paga le conseguenze, alla fine, sono i cittadini. Avranno anche il reddito di cittadinanza – conclude il presidente Fesmed -, ma poi dovranno pagarsi le cure. Ecco perché crediamo che la nostra sia una battaglia globale, sociale, non solo sanitaria. Noi non molleremo e presidieremo le scelte che verranno fatte in un settore, quello della salute, che continua a non interessare a partiti e Governo, e non si capisce perché».

LEGGI ANCHE: PROTESTA MEDICI, MAGLIOZZI (CISL): «PREOCCUPATI DA COMPLETA ASSENZA DI ISTITUZIONI. CITTADINI INCONSAPEVOLI DI RISCHI SSN»

Articoli correlati
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
Medici, Fp Cgil: «Governo chiuda subito su rinnovo contratto»
«Il governo chiuda subito il contratto di tutti i Dirigenti del Servizio sanitario nazionale». A chiederlo è la Fp Cgil Nazionale in un Ordine del giorno approvato oggi all’unanimità dal Comitato direttivo che fa chiarezza sull’emendamento 687 della legge di Bilancio che modifica l’accordo quadro del 2016 sulle aree contrattali del pubblico impiego e soprattutto […]
Contratto medici, intersindacale: «In legge di bilancio pietra tombale sul rinnovo. Scioperi confermati»
«All’insegna della peggiore continuità, il nuovo governo, come i precedenti, utilizza la legge di bilancio per attuare veri e propri golpe ordinamentali ed istituzionali». Non usa mezzi termini l’intersindacale della dirigenza medica e sanitaria che, in una nota, si scaglia contro il governo ed evidenzia il comma 687 della legge di bilancio. Una norma che «nell’assalto […]
Contratto dirigenza SSN, Cosmed: «Una norma in legge di Bilancio stravolge accordo quadro e rischia paralisi iter»
L'allarme lanciato dalla Confederazione sindacale dei medici e dirigenti: «Sono in gioco l'autonomia e l'indipendenza delle organizzazioni sindacali. Governo, Regioni, ARAN e Comitato di settore chiariscano subito il perimetro della norma e le loro reali intenzioni. Se non viene ritirata immediatamente, sarà inevitabile lunga mobilitazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano