Politica 30 ottobre 2018

Protesta medici, Bonfili (UIL): «Sanità allo stremo. Sbloccare assunzioni, in ospedale camici bianchi più giovani hanno 55-56 anni»

Il Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL indica due priorità: rinnovo del contratto e aumento delle borse di specializzazione. Poi sottolinea: «Cittadinanza non percepisce disagio per spirito di dedizione della categoria»

Immagine articolo

Nonostante la bocciatura da parte della Commissione di Garanzia dello sciopero previsto per il 9 novembre, la protesta dei medici partita nelle settimane scorse prosegue in tutta Italia con assemblee e manifestazioni, in vista del 23 novembre, giorno in cui i camici bianchi incroceranno le braccia. Una protesta che vede le sigle sindacali compatte nel rivendicare più fondi per la sanità e l’impegno a rinnovare un contratto fermo da quasi dieci anni. «La sanità italiana è allo stremo – spiega a Sanità Informazione Roberto Bonfili, Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL, anche lui in prima fila il giorno del sit-in organizzato dall’intersindacale medica a Montecitorio – La mancanza di assunzioni che colpisce soprattutto le regioni sotto piano di rientro rischia di coinvolgere anche la sanità privata. I medici più giovani in ospedale hanno 55-56 anni, mancano due generazioni, siamo a un punto di non ritorno».

Dottore, questo sit-in significa che la sanità pubblica non ne può più?

«Non ne può più, è allo stremo. Questa mancanza di assunzioni, soprattutto per le regioni sotto piano di rientro, che ormai si protrae da 18 anni ha portato allo stremo la sanità pubblica e porterà allo stremo di qui a poco anche la sanità privata perché la struttura ospedaliera non formerà più i medici che potranno anche lì poter fare la loro parte. Non avremo la formazione vera sul campo dei medici perché non sono stati più assunti medici e i più giovani che stanno in ospedale ormai hanno 55-56 anni, quindi mancano due generazioni di medici. Ormai siamo quasi al punto di non ritorno. O si cambia rotta adesso o non si cambia più».

Cosa è necessario fare, qual è il messaggio che voi lanciate alle istituzioni?

«Intanto ci interessa che si firmi il contratto perché sono dieci anni che non lo abbiamo. Poi bisognerà aumentare le borse di studio per gli specialisti perché sono costretti a un collo di bottiglia dopo la laurea: il numero dei laureati è molto superiore al numero dei posti messi a concorso come specializzazione e, caso strano, mancano proprio gli specialisti nel nostro Sistema sanitario. Quindi assolutamente aumentare e implementare il numero delle borse di specializzazione».

Secondo voi la cittadinanza, la popolazione è a conoscenza di questa situazione? Come si fa farli passare dalla vostra parte?

«La cittadinanza è relativamente a conoscenza di questa situazione. Noi comunque sia, come alcune categorie particolari che tutelano la sanità pubblica e la sicurezza della gente (medici, infermieri, pompieri), al di là delle difficoltà sul posto di lavoro, eseguono il loro lavoro sempre con grande dedizione quindi molte delle difficoltà che abbiamo vengono coperte proprio dalla nostra stessa dedizione e la cittadinanza non ha reale percezione di quello che è il nostro disagio».

Eppure, la sanità pubblica rischia tanto, quindi la cittadinanza avrà conseguenze importanti…

«La cittadinanza si sta adagiando anche a utilizzare dei canali diversi come quello della sanità privata solidale con prestazioni a basso costo per evitare le lunghe file, le lunghe attese a cui è costretta se vuole entrare nel circuito della sanità pubblica. Ormai i cittadini stanno cercando anche sistemi alternativi che non sono però ottimali».

Articoli correlati
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
Contratto medici, CIMO chiede alla Corte dei Conti indagine su dieci regioni. Quici: «Serve trasparenza, dove sono finiti i soldi?»
Il sindacato chiede di attivare un controllo sulla contabilità delle amministrazioni regionali per verificare se e quanto abbiano accantonato per il rinnovo del contratto della dirigenza medica per il periodo 2016-2018. In caso di ammanchi c’è la possibilità che si configuri “danno erariale”
L’industria alimentare scrive al Governo: “No a sciopero veterinari AUSL: rischio paralisi e difficoltà di approvvigionamento carni”
Le Associazioni dell’industria alimentare Assocarni, Unaitalia e Assica hanno scritto al Governo una lettera per segnalare che la sospensione del servizio ispettivo da parte dei servizi veterinari delle AUSL in occasione dello sciopero del 23 novembre comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili […]
Sciopero medici, c’è il supporto di Federspecializzandi. Guicciardi: «Ecco come possono aderire i medici in formazione»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei medici in formazione specialistica a Sanità Informazione: «Gli specializzandi non godono del diritto di sciopero, ma possono richiedere un permesso per assenza giustificata o, al limite, ricorrere all’assenza ingiustificata. Fondamentale che strutturati in sciopero non facciano ricadere tutte le attività su specializzandi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...