Politica 30 Ottobre 2018

Protesta medici, Bonfili (UIL): «Sanità allo stremo. Sbloccare assunzioni, in ospedale camici bianchi più giovani hanno 55-56 anni»

Il Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL indica due priorità: rinnovo del contratto e aumento delle borse di specializzazione. Poi sottolinea: «Cittadinanza non percepisce disagio per spirito di dedizione della categoria»

Immagine articolo

Nonostante la bocciatura da parte della Commissione di Garanzia dello sciopero previsto per il 9 novembre, la protesta dei medici partita nelle settimane scorse prosegue in tutta Italia con assemblee e manifestazioni, in vista del 23 novembre, giorno in cui i camici bianchi incroceranno le braccia. Una protesta che vede le sigle sindacali compatte nel rivendicare più fondi per la sanità e l’impegno a rinnovare un contratto fermo da quasi dieci anni. «La sanità italiana è allo stremo – spiega a Sanità Informazione Roberto Bonfili, Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL, anche lui in prima fila il giorno del sit-in organizzato dall’intersindacale medica a Montecitorio – La mancanza di assunzioni che colpisce soprattutto le regioni sotto piano di rientro rischia di coinvolgere anche la sanità privata. I medici più giovani in ospedale hanno 55-56 anni, mancano due generazioni, siamo a un punto di non ritorno».

Dottore, questo sit-in significa che la sanità pubblica non ne può più?

«Non ne può più, è allo stremo. Questa mancanza di assunzioni, soprattutto per le regioni sotto piano di rientro, che ormai si protrae da 18 anni ha portato allo stremo la sanità pubblica e porterà allo stremo di qui a poco anche la sanità privata perché la struttura ospedaliera non formerà più i medici che potranno anche lì poter fare la loro parte. Non avremo la formazione vera sul campo dei medici perché non sono stati più assunti medici e i più giovani che stanno in ospedale ormai hanno 55-56 anni, quindi mancano due generazioni di medici. Ormai siamo quasi al punto di non ritorno. O si cambia rotta adesso o non si cambia più».

Cosa è necessario fare, qual è il messaggio che voi lanciate alle istituzioni?

«Intanto ci interessa che si firmi il contratto perché sono dieci anni che non lo abbiamo. Poi bisognerà aumentare le borse di studio per gli specialisti perché sono costretti a un collo di bottiglia dopo la laurea: il numero dei laureati è molto superiore al numero dei posti messi a concorso come specializzazione e, caso strano, mancano proprio gli specialisti nel nostro Sistema sanitario. Quindi assolutamente aumentare e implementare il numero delle borse di specializzazione».

Secondo voi la cittadinanza, la popolazione è a conoscenza di questa situazione? Come si fa farli passare dalla vostra parte?

«La cittadinanza è relativamente a conoscenza di questa situazione. Noi comunque sia, come alcune categorie particolari che tutelano la sanità pubblica e la sicurezza della gente (medici, infermieri, pompieri), al di là delle difficoltà sul posto di lavoro, eseguono il loro lavoro sempre con grande dedizione quindi molte delle difficoltà che abbiamo vengono coperte proprio dalla nostra stessa dedizione e la cittadinanza non ha reale percezione di quello che è il nostro disagio».

Eppure, la sanità pubblica rischia tanto, quindi la cittadinanza avrà conseguenze importanti…

«La cittadinanza si sta adagiando anche a utilizzare dei canali diversi come quello della sanità privata solidale con prestazioni a basso costo per evitare le lunghe file, le lunghe attese a cui è costretta se vuole entrare nel circuito della sanità pubblica. Ormai i cittadini stanno cercando anche sistemi alternativi che non sono però ottimali».

Articoli correlati
Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»
La denuncia della segretaria nazionale Cisl Funzione Pubblica, Marianna Ferruzzi: «A tutt’oggi la disponibilità del Ministro Grillo la leggo solo sui giornali». Intanto il contratto della sanità privata è fermo da 12 anni
ACN medicina fiscale, Petrone (Segretario settore Inps-Fimmg): «Puntiamo alla fidelizzazione del medico con l’Inps»
Importanti novità riguardanti i medici fiscali sono emerse dall’incontro tra i vertici dell’Istituto e i sindacati per la stipula del primo ACN per la medicina fiscale convenzionata Inps. «Siamo soddisfatti, l'Inps ha accettato tutte le richieste di tutela che chiederemo anche per quel dovrà essere in tempi brevissimi l’ACN per i Medici Convenzionati Esterni» così Alfredo Petrone
Contratto, FVM al Governo: «Elemento di crisi tale da destabilizzare definitivamente il Ssn»
Il presidente della Federazione dei medici, veterinari e dirigenti sanitari Aldo Grasselli scrive una lettera indirizzata al Ministro della Salute Giulia Grillo e ai vicepremier Salvini e Di Maio, sul nodo relativo al Contratto delle Dirigenza medica, veterinaria e sanitaria. «Ministro Grillo, mi rivolgo a lei direttamente in qualità di Ministro competente, e ai due […]
“Tra le onde il futuro”: al via il VI Congresso Nazionale dei medici radiologi SNR-FASSID
Oggi alle 14,30 si apre presso il Teatro Massimo di Siracusa il XVI Congresso Nazionale dei medici radiologi SNR-FASSID. Al Congresso, presieduto da Giuseppe Capodieci, presenzieranno l’Assessore alla Salute Ruggero Razza, l’Assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale Roberto Lagalla, l’Assessore alla Famiglia Antonio Scavone, segno del grande interesse col quale la Regione Sicilia segue lo […]
Contratto, Nursing Up: «Regioni ed Aran non perdano tempo, gli infermieri non possono aspettare ancora la revisione dell’ordinamento professionale»
Proseguono i lavori della Commissione paritetica sull’ordinamento professionale, prevista dall’articolo 12 del Ccnl 21 maggio 2018 del Comparto Sanità e composta dai sindacati firmatari del contratto, dalle Regioni e dall’Aran. «La riunione è stata caratterizzata dall’esposizione dei dati sulla distribuzione del personale divise per fasce economiche, ad opera di Antonio Cascio, Comitato di Settore Regioni–Sanità, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone