Politica 30 Ottobre 2018

Protesta medici, Bonfili (UIL): «Sanità allo stremo. Sbloccare assunzioni, in ospedale camici bianchi più giovani hanno 55-56 anni»

Il Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL indica due priorità: rinnovo del contratto e aumento delle borse di specializzazione. Poi sottolinea: «Cittadinanza non percepisce disagio per spirito di dedizione della categoria»

Immagine articolo

Nonostante la bocciatura da parte della Commissione di Garanzia dello sciopero previsto per il 9 novembre, la protesta dei medici partita nelle settimane scorse prosegue in tutta Italia con assemblee e manifestazioni, in vista del 23 novembre, giorno in cui i camici bianchi incroceranno le braccia. Una protesta che vede le sigle sindacali compatte nel rivendicare più fondi per la sanità e l’impegno a rinnovare un contratto fermo da quasi dieci anni. «La sanità italiana è allo stremo – spiega a Sanità Informazione Roberto Bonfili, Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL, anche lui in prima fila il giorno del sit-in organizzato dall’intersindacale medica a Montecitorio – La mancanza di assunzioni che colpisce soprattutto le regioni sotto piano di rientro rischia di coinvolgere anche la sanità privata. I medici più giovani in ospedale hanno 55-56 anni, mancano due generazioni, siamo a un punto di non ritorno».

Dottore, questo sit-in significa che la sanità pubblica non ne può più?

«Non ne può più, è allo stremo. Questa mancanza di assunzioni, soprattutto per le regioni sotto piano di rientro, che ormai si protrae da 18 anni ha portato allo stremo la sanità pubblica e porterà allo stremo di qui a poco anche la sanità privata perché la struttura ospedaliera non formerà più i medici che potranno anche lì poter fare la loro parte. Non avremo la formazione vera sul campo dei medici perché non sono stati più assunti medici e i più giovani che stanno in ospedale ormai hanno 55-56 anni, quindi mancano due generazioni di medici. Ormai siamo quasi al punto di non ritorno. O si cambia rotta adesso o non si cambia più».

Cosa è necessario fare, qual è il messaggio che voi lanciate alle istituzioni?

«Intanto ci interessa che si firmi il contratto perché sono dieci anni che non lo abbiamo. Poi bisognerà aumentare le borse di studio per gli specialisti perché sono costretti a un collo di bottiglia dopo la laurea: il numero dei laureati è molto superiore al numero dei posti messi a concorso come specializzazione e, caso strano, mancano proprio gli specialisti nel nostro Sistema sanitario. Quindi assolutamente aumentare e implementare il numero delle borse di specializzazione».

Secondo voi la cittadinanza, la popolazione è a conoscenza di questa situazione? Come si fa farli passare dalla vostra parte?

«La cittadinanza è relativamente a conoscenza di questa situazione. Noi comunque sia, come alcune categorie particolari che tutelano la sanità pubblica e la sicurezza della gente (medici, infermieri, pompieri), al di là delle difficoltà sul posto di lavoro, eseguono il loro lavoro sempre con grande dedizione quindi molte delle difficoltà che abbiamo vengono coperte proprio dalla nostra stessa dedizione e la cittadinanza non ha reale percezione di quello che è il nostro disagio».

Eppure, la sanità pubblica rischia tanto, quindi la cittadinanza avrà conseguenze importanti…

«La cittadinanza si sta adagiando anche a utilizzare dei canali diversi come quello della sanità privata solidale con prestazioni a basso costo per evitare le lunghe file, le lunghe attese a cui è costretta se vuole entrare nel circuito della sanità pubblica. Ormai i cittadini stanno cercando anche sistemi alternativi che non sono però ottimali».

Articoli correlati
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Fassid scrive al governo: «Avviare la trattativa per il “nuovo contratto” scaduto da 18 mesi»
L'appello di Fassid per la Fase 3: «Abbiamo forze straordinarie ma anche uno straordinario bisogno di ordinario. E niente di più ordinario c’è della ripresa della attività contrattuale»
Lo sfogo di un’infermiera del San Raffaele di Milano: «Dopo il Covid, a causa del nuovo contratto, non possiamo nemmeno andare in ferie»
«Lavoriamo in condizioni disumane, e come regalo addio a permessi retribuiti e scatti»
di Federica Bosco
Contratto sanità privata, Cimop: «Degradante teatrino di Aris e Aiop. Prendono tempo e ingannano i lavoratori»
«Contratto sanità privata, degradante il teatrino di Aris e Aiop: prendono altro tempo e ingannano i lavoratori. Mi chiedo se Ministero e Conferenza Stato-Regioni ne siano al corrente»
CCNL Dirigenza Medica Veterinaria e Sanitaria, il no delle OO.SS. a nuove interpretazioni
Le OO.SS. FP CGIL MEDICI, CISL MEDICI, UIL FPL Area Sanità, CIMO ASMD, FESMED e FVM «rigettano il tentativo delle regioni di stravolgere una consolidata e confermata applicazione del contratto nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 15 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»