Lavoro 14 Luglio 2020

BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori

Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»

Immagine articolo

Soccorrere le persone colpite da arresto cardiaco e allo stesso tempo garantire una protezione adeguata per i soccorritori: è questo l’obiettivo del corso FAD “BLSD e Covid-19, cosa cambia? Le nuove linee guida internazionali” promosso dal provider Sanità in-Formazione.

La rianimazione cardio-polmonare è una procedura che espone al rischio infettivo il soccorritore ed essendo ogni persona potenzialmente positiva al Sars-Cov-2, è stato necessario rivedere e adeguare le indicazioni riguardanti il Basic Life Support & Defibrillation. Il corso vuole diffondere le raccomandazioni internazionali appena emanate dallItalian Resuscitation Council (IRC) e dallAmerican Heart Association (AHA) su come effettuare una RCP efficace per la vittima e sicura per l’operatore. La paura del contagio, infatti, può ridurre la quantità di interventi tempestivi e la sopravvivenza dei pazienti colpiti da arresto cardiaco.

«Abbiamo strutturato il corso seguendo le linee guida internazionali più importanti e studiandole noi per primi – spiega al nostro giornale Giulia Driussi, responsabile scientifico insieme al professor Giuseppe Petrella –. Io stessa ho dovuto modificare il mio lavoro, perché mi sono trovata a dover assistere dei bambini con un’infezione sospetta o accertata da Covid. Il mio reparto ha dovuto cambiare identità e così tutti gli operatori che ne fanno parte».

La dottoressa Giulia Driussi, infatti, lavora al centro Covid dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro ed è formatrice ed istruttrice nazionale di Basic Life Support & Defibrillation e di Primo Soccorso Pediatrico.

«Per quanto riguarda il corso – continua la dottoressa – abbiamo approfondito due studi: uno fatto in Cina, a Wuhan, e un altro nelle province dell’Italia settentrionale più colpite dal virus. Entrambi, hanno evidenziato un incremento dei casi di arresto cardiopolmonare. Ogni volta che si esegue una RCP – prosegue -, soprattutto se la vittima è sconosciuta, l’operatore ha davanti a sé una certa possibilità di rischio; questo vale ancor di più per le procedure nei malati di Covid-19».

Un alto rischio che però può essere contenuto «con i dispositivi di protezione individuale adeguati, soprattutto in caso di aerosolizzazione, e lo studio di algoritmi modificati come quelli che si trovano nel corso» precisa l’esperta.

Un particolare focus sarà dedicato ai soccorsi extra-ospedalieri che, spesso, non garantiscono ai soccorritori dispositivi di protezione individuale appropriati. «Sicuramente per questa categoria si predilige la RCP Hands-Only con cui si producono solo le compressioni senza le ventilazioni. È importante ricordare che se non si ha una mascherina chirurgica in più da porre sul volto della vittima è opportuno utilizzare una sciarpa o qualcosa che vada a coprire la bocca per ridurre l’esposizione del soccorritore. Inoltre, per il personale non sanitario, va esclusa ogni tipo di ventilazione bocca a bocca» conclude la dottoressa Driussi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Coronavirus, l’immunità dura solo pochi mesi? I guariti di nuovo positivi
Dallo studio del King’s College di Londra emerge un calo dell'immunità con il trascorrere del tempo: il livello di anticorpi prodotti dal nostro corpo scende dopo alcuni mesi
Truffe sanitarie nell’era Covid, oltre 200 casi segnalati all’Unità di informazione finanziaria
L’avvocato Vallefuoco, esperto di antiriciclaggio: «Attenzione a reati informatici, acquisti fantasma e enti no profit fittizi. Importante rivolgersi ad operatori qualificati e verificare certificazioni dei fornitori»
di Federica Bosco
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
Gli Assistenti sociali non si sono mai fermati durante la pandemia, ma il 50% non aveva i Dpi adeguati. I dati del questionario CNOAS
Dal questionario emerge che la maggior parte degli assistenti sociali con contratti di lavoro precari lavorano in servizi dedicati alle misure di contrasto alla povertà. Gazzi (CNOAS): «Non dobbiamo, non possiamo permetterci di ritrovarci a mani nude contro i disastri. E purtroppo il Covid-19 ha soltanto aggravato una situazione già difficilissima»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...