Lavoro 14 Luglio 2020 07:00

BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori

Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»

BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori

Soccorrere le persone colpite da arresto cardiaco e allo stesso tempo garantire una protezione adeguata per i soccorritori: è questo l’obiettivo del corso FAD “BLSD e Covid-19, cosa cambia? Le nuove linee guida internazionali” promosso dal provider Sanità in-Formazione.

La rianimazione cardio-polmonare è una procedura che espone al rischio infettivo il soccorritore ed essendo ogni persona potenzialmente positiva al Sars-Cov-2, è stato necessario rivedere e adeguare le indicazioni riguardanti il Basic Life Support & Defibrillation. Il corso vuole diffondere le raccomandazioni internazionali appena emanate dallItalian Resuscitation Council (IRC) e dallAmerican Heart Association (AHA) su come effettuare una RCP efficace per la vittima e sicura per l’operatore. La paura del contagio, infatti, può ridurre la quantità di interventi tempestivi e la sopravvivenza dei pazienti colpiti da arresto cardiaco.

«Abbiamo strutturato il corso seguendo le linee guida internazionali più importanti e studiandole noi per primi – spiega al nostro giornale Giulia Driussi, responsabile scientifico insieme al professor Giuseppe Petrella –. Io stessa ho dovuto modificare il mio lavoro, perché mi sono trovata a dover assistere dei bambini con un’infezione sospetta o accertata da Covid. Il mio reparto ha dovuto cambiare identità e così tutti gli operatori che ne fanno parte».

La dottoressa Giulia Driussi, infatti, lavora al centro Covid dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro ed è formatrice ed istruttrice nazionale di Basic Life Support & Defibrillation e di Primo Soccorso Pediatrico.

«Per quanto riguarda il corso – continua la dottoressa – abbiamo approfondito due studi: uno fatto in Cina, a Wuhan, e un altro nelle province dell’Italia settentrionale più colpite dal virus. Entrambi, hanno evidenziato un incremento dei casi di arresto cardiopolmonare. Ogni volta che si esegue una RCP – prosegue -, soprattutto se la vittima è sconosciuta, l’operatore ha davanti a sé una certa possibilità di rischio; questo vale ancor di più per le procedure nei malati di Covid-19».

Un alto rischio che però può essere contenuto «con i dispositivi di protezione individuale adeguati, soprattutto in caso di aerosolizzazione, e lo studio di algoritmi modificati come quelli che si trovano nel corso» precisa l’esperta.

Un particolare focus sarà dedicato ai soccorsi extra-ospedalieri che, spesso, non garantiscono ai soccorritori dispositivi di protezione individuale appropriati. «Sicuramente per questa categoria si predilige la RCP Hands-Only con cui si producono solo le compressioni senza le ventilazioni. È importante ricordare che se non si ha una mascherina chirurgica in più da porre sul volto della vittima è opportuno utilizzare una sciarpa o qualcosa che vada a coprire la bocca per ridurre l’esposizione del soccorritore. Inoltre, per il personale non sanitario, va esclusa ogni tipo di ventilazione bocca a bocca» conclude la dottoressa Driussi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Porpora Trombotica Trombocitopenica, Angelucci (ematologo): «Malattia rara subdola. Prima si arrivava al 15% di mortalità all’esordio»
«Si manifesta con sintomi aspecifici e generici, spesso trascurati dal paziente stesso. La diagnosi precoce e accurata è fondamentale per la guarigione dalla Porpora trombotica trombocitopenica» spiega il Direttore dell’UO Ematologia dell’IRCCS Policlinico S. Martino di Genova a Sanità Informazione
Porpora trombotica trombocitopenica: disparità regionali, diagnosi e monitoraggio a rilento
Le storie e i bisogni dei pazienti raccontati in un convegno. L’Associazione ANPTT e i clinici di riferimento chiedono che il test indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia sia inserito nei LEA: «La richiesta è stata fatta, fiduciosi che avvenga prima della fine della legislatura». La Sen. Paola Binetti ha depositato un disegno di legge per istituire una Giornata Nazionale dedicata
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale