Formazione 14 Luglio 2020

BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori

Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»

BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori

Soccorrere le persone colpite da arresto cardiaco e allo stesso tempo garantire una protezione adeguata per i soccorritori: è questo l’obiettivo del corso FAD “BLSD e Covid-19, cosa cambia? Le nuove linee guida internazionali” promosso dal provider Sanità in-Formazione.

La rianimazione cardio-polmonare è una procedura che espone al rischio infettivo il soccorritore ed essendo ogni persona potenzialmente positiva al Sars-Cov-2, è stato necessario rivedere e adeguare le indicazioni riguardanti il Basic Life Support & Defibrillation. Il corso vuole diffondere le raccomandazioni internazionali appena emanate dallItalian Resuscitation Council (IRC) e dallAmerican Heart Association (AHA) su come effettuare una RCP efficace per la vittima e sicura per l’operatore. La paura del contagio, infatti, può ridurre la quantità di interventi tempestivi e la sopravvivenza dei pazienti colpiti da arresto cardiaco.

«Abbiamo strutturato il corso seguendo le linee guida internazionali più importanti e studiandole noi per primi – spiega al nostro giornale Giulia Driussi, responsabile scientifico insieme al professor Giuseppe Petrella –. Io stessa ho dovuto modificare il mio lavoro, perché mi sono trovata a dover assistere dei bambini con un’infezione sospetta o accertata da Covid. Il mio reparto ha dovuto cambiare identità e così tutti gli operatori che ne fanno parte».

La dottoressa Giulia Driussi, infatti, lavora al centro Covid dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro ed è formatrice ed istruttrice nazionale di Basic Life Support & Defibrillation e di Primo Soccorso Pediatrico.

«Per quanto riguarda il corso – continua la dottoressa – abbiamo approfondito due studi: uno fatto in Cina, a Wuhan, e un altro nelle province dell’Italia settentrionale più colpite dal virus. Entrambi, hanno evidenziato un incremento dei casi di arresto cardiopolmonare. Ogni volta che si esegue una RCP – prosegue -, soprattutto se la vittima è sconosciuta, l’operatore ha davanti a sé una certa possibilità di rischio; questo vale ancor di più per le procedure nei malati di Covid-19».

Un alto rischio che però può essere contenuto «con i dispositivi di protezione individuale adeguati, soprattutto in caso di aerosolizzazione, e lo studio di algoritmi modificati come quelli che si trovano nel corso» precisa l’esperta.

Un particolare focus sarà dedicato ai soccorsi extra-ospedalieri che, spesso, non garantiscono ai soccorritori dispositivi di protezione individuale appropriati. «Sicuramente per questa categoria si predilige la RCP Hands-Only con cui si producono solo le compressioni senza le ventilazioni. È importante ricordare che se non si ha una mascherina chirurgica in più da porre sul volto della vittima è opportuno utilizzare una sciarpa o qualcosa che vada a coprire la bocca per ridurre l’esposizione del soccorritore. Inoltre, per il personale non sanitario, va esclusa ogni tipo di ventilazione bocca a bocca» conclude la dottoressa Driussi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Comunicazione medico-paziente, un italiano su tre cerca informazioni sul web. Ecco perché
L’esperta: «Mancano i corsi di formazione su counselling e comunicazione e durante la visita c’è poco tempo per parlare. Quando il malato nega la diagnosi, è portato a cercare affannosamente altrove conferme»
Rsa e Covid: protocolli di sicurezza e intervento più efficaci, ma medici e infermieri sono ancora troppo pochi
Claudio Costantini, presidente Sigot Piemonte-Valle d’Aosta: «Il numero di positivi all’interno delle Rsa sta subendo una nuova impennata, ma grazie anche ai tamponi antigenici abbiamo un miglior controllo degli asintomatici»
di Isabella Faggiano
«Perché non ci sono professionisti pediatrici nel gruppo che ha redatto le regole per i tamponi ai bambini?»
di Filippo Festini, Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Università di Firenze
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli