Lavoro 11 maggio 2016

«Scommettiamo sui giovani medici». La ricerca Ois: «Ecco chi ci curerà nel 2020»

Presentata al Ministero l’indagine dell’Osservatorio Internazionale della Salute sui camici bianchi italiani under 40. L’85% svolge attività retribuite, la maggior parte trova lavoro prima dei 28 anni. Cresce l’impegno sociale, cala la conflittualità coi pazienti

Fare il medico paga, ma soprattutto… appaga. È un quadro interessante e, per molti versi, sorprendente quello tracciato dall’indagine sui camici bianchi under 40 intitolata “Chi ci curerà nel 2020?”realizzata da Ois (Osservatorio Internazionale della Salute) in collaborazione con OMCeO Roma insieme a FIMMG Roma,Cimo e Consulcesi.

 

Il giovane medico di oggi sceglie l’impegno sociale (il 37,7% fa volontariato) e i valori (l’89% chiede più formazione su etica e deontologia), trova lavoro nel settore medico (l’85,1% svolge attività retribuite) e prima di altre professioni (il 58,4% lavora entro i 28 anni). In attesa che l’impiego diventi stabile (il 32,1% ha svolto almeno due occupazioni diverse), ha esperienze ricche e diversificate e questo lo porta a dialogare meglio con i pazienti riducendo la conflittualità (solo il 4,5% ricorre alle assicurazioni per il risarcimento di un danno). E ancora, il camice bianco di domani è donna, non vuole lasciare l’Italia (solo il 4,7% sceglie l’estero), predilige il lavoro in ospedale per dedizione e spirito di servizio (il 77,1%), ma è ben disposto a sperimentare nuove modalità professionali se adeguatamente sostenuto.
Sanità Informazione ha approfondito questi dati con il presidente di Cimo, il sindacato dei medici ospedalieri, Riccardo Cassi, presente al tavolo dei relatori.«Abbiamo collaborato molto volentieri a questo sondaggio sulle aspirazioni dei giovani medici, lo riteniamo molto importante in un momento in cui si stanno ripensando le norme che regolano l’accesso e la formazione, è fondamentale capire a cosa loro stessi aspirano, quali sono le loro ambizioni professionali. La formazione è indispensabile. L’aggiornamento delle competenze, in una professione in continua evoluzione, dovrà trovare un corrispettivo nel contratto di lavoro, dove i più meritevoli e quelli che vogliono sempre più aggiornare le loro competenze, devono essere premiati. Il fatto che i giovani aspirino a questo è molto confortante».

L’obiettivo è anche ridurre il fenomeno dell’imbuto formativo che continua a rappresentare una problematica per i futuri medici…
«Proprio il problema dell’accesso alla formazione e al mondo del lavoro – continua Cassi – è oggetto di attenzione congiunta tra noi sindacati e il Ministero. E’ un problema complesso, a monte del quale occorre definire il reale fabbisogno di medici in questo Paese per intervenire sugli accessi a Medicina. E’ inutile far iscrivere a Medicina giovani che poi non avranno la possibilità di specializzarsi. Il TAR anche quest’anno ha fatto entrare un migliaio di medici in sovrannumero. Bisognerebbe far bene le leggi – conclude – per evitare poi di doverle stravolgere».

Ne sa qualcosa Alessandro Di Russo, giovane medico di famiglia, che ha portato la suatestimonianza: «Conosco la storia di molti colleghi che anche a 30 – 35 anni non riescono ad arrivare a fine mese. Questa indagine ha sollevato il velo, ora bisogna trovare soluzioni concrete». E riguardo al forte impegno nel volontariato commenta: «Una scelta di vita che è una vocazione prima ancora che una professione. I giovani medici sono molto sensibili alla tematica, pronti a rimboccarsi le maniche e a partecipare a qualunque tipo di iniziative, anche se il loro punto di vista è quello di giovani professionisti magari in difficoltà a causa del poco lavoro, e a sacrificare anche la loro vita professionale per aiutare il prossimo»

Articoli correlati
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Nave Diciotti, Osservatorio internazionale per la salute: «Tutelare le persone a bordo tutela anche l’Italia»
Francesco Aureli (presidente OIS): «Il diritto alla salute deve essere imprescindibilmente garantito. I migranti che sono sulla Diciotti sono individui, persone che hanno già subìto traumi e hanno diritto a vedere tutelata la propria salute fisica e mentale»
Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»
«Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol», spiega la numero uno dell’associazione non governativa che ricorda i danni che il consumo di bevande alcoliche può provocare soprattutto tra i giovanissimi
Blockchain nel Terzo settore, Vella (AIFA): «Trasparenza e fiducia per le donazioni, utile anche per i bilanci delle multinazionali»
La nuova tecnologia ‘a blocchi' protetta da sistemi crittografati garantisce una sicurezza persuasiva per i donatori. Stefano Vella, Presidente dell'Agenzia del Farmaco: «La rivoluzione è monitorare i fondi dalle mani dei benefattori a quelle dei beneficiari»
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...