Formazione 5 Ottobre 2020

Test d’ingresso all’Unicamillus, la voce dei ragazzi che non si arrendono

Centinaia di candidati che non sono entrati nelle università statali hanno preso parte alla prova di accesso ai corsi di laurea in Medicina e Professioni sanitarie

Mascherine sul viso, autocertificazione in tasca, temperatura misurata all’ingresso e nessun assembramento. D’altra parte, al test di ingresso alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Unicamillus, che ha avuto luogo sabato 3 ottobre all’Hotel Ergife a Roma, di ragazzi se ne sono presentati poche centinaia. Niente a che vedere con le immagini di lunghe file di studenti in attesa dei controlli anti-Covid che abbiamo visto tutti in occasione delle prove nazionali dello scorso 3 settembre. Prove a cui ha partecipato la stragrande maggioranza di quei ragazzi (venuti da varie parti d’Italia e anche dall’estero) che sabato si sono sottoposti ad una nuova infornata di 90 domande a risposta multipla per provare a coronare il sogno di diventare medico, dopo che la graduatoria nazionale, pubblicata pochi giorni fa, glielo aveva fatto in un primo tempo sfumare.

«Non è stato un test difficile – ci spiega un ragazzo, tra i primi ad uscire, anche lui al secondo tentativo dopo averci provato alla Sapienza –. Certo, serve una buona preparazione che va fatta privatamente perché i programmi sono molto ampi, ma devo ammettere che non ho avuto troppe difficoltà a rispondere alle domande. Se non dovesse andare bene? Ho un piano B che prevede un anno in una facoltà con esami in comune con Medicina, e poi l’anno prossimo ci riprovo».

Test che è parso semplice anche ad un ragazzo turco che, dopo aver effettuato un test online due mesi fa, è arrivato in Italia appositamente per la prova. «Le domande di logica, biologia e chimica – dice ai nostri microfoni in un perfetto inglese – sono state molto facili. Quelle di cultura generale, invece, le ho trovate molto più difficili».

«Sono un po’ in ansia per tutti questi giovani che per coronare il loro sogno e lavorare sono costretti a fare un test a crocette – ammette invece un padre che aspetta fuori dall’aula la fine della prova del figlio –. È un sistema che non va bene e che andrebbe cambiato, anche alla luce del fatto che, mai come in questo momento storico, abbiamo bisogno di medici».

Il numero chiuso andrebbe riformato anche per un ragazzo che si trova in fila, come sempre ben distanziato dagli altri candidati, per il test di infermieristica e professioni sanitarie in inglese che si terrà di lì a poco: «Con questo tipo di test – sottolinea ai nostri microfoni – vengono chiuse le porte in faccia a tanta gente capace. Se le porte fossero aperte a tutti si darebbe la possibilità a più persone, magari con più capacità di altre, di accedere al lavoro dei loro sogni».

Un sistema dunque che, in generale, non viene considerato idoneo per soddisfare le esigenze professionali del Ssn e per garantire il pieno rispetto della meritocrazia (come dimostrano anche le irregolarità che vengono segnalate ogni anno dagli stessi candidati). La prova dell’Unicamillus pare sia stata gestita al meglio e non ci sia stato nessun episodio di questo tipo. Ma per chi ha provato più volte, anche al test delle università statali, il problema delle irregolarità non è secondario: «Ho letto tante notizie in merito alle irregolarità che si sono verificate durante il test. Non mi è capitato di vederne, ma se dovessi sapere che qualcuno ha fatto il furbo, farei senza dubbio ricorso. Non è giusto che qualcuno si avvantaggi in maniera non corretta a discapito degli altri».

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

 

Articoli correlati
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi
Tantissimi giovani si iscrivono a più Università per avere maggiori chance di sconfiggere il numero chiuso. Cosa significa, al giorno d’oggi, provare a diventare medico? Su Sanità Informazione una storia che ne racchiude migliaia
Numero chiuso e ricorsi, come muoversi dopo la pubblicazione delle graduatorie?
Abbiamo posto all’avvocato Marco Tortorella (che da anni cura i ricorsi dei candidati che ritengono di essere stati ingiustamente esclusi dall’ingresso in facoltà) 8 domande. Ecco le sue risposte
Numero chiuso, il giurista Tronca: «Bisogna cambiare rotta, il Paese ha bisogno di ben altro»
«Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Non dimentichiamoci delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia»
Numero Chiuso, candidati e genitori pronti a fare ricorso in caso di irregolarità
Sanità Informazione ha raccolto le voci di tantissimi ragazzi che si dicono pronti al ricorso nel caso in cui la prova non dovesse risultare regolare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...