Giovani 16 Settembre 2020 07:08

Test di ingresso alle facoltà a numero chiuso, studenti e università: «No alle crocette»

Consapevoli della necessità di un filtro, c’è chi propone lo sbarramento alla fine del primo o del secondo anno e chi protende per la ‘selezione naturale’

Una sfilza di domande a crocette non è il modo più adatto per selezionare i professionisti del futuro. Lo ripetono come un mantra i protagonisti dei test di ingresso alle facoltà a numero chiuso. A partire da aspiranti medici e professionisti sanitari e dai loro genitori.

TEST DI INGRESSO ALLE FACOLTÀ A NUMERO CHIUSO: SI ALLA SELEZIONE, NO ALLE CROCETTE

Sono (quasi) tutti consapevoli della necessità di un filtro, di una selezione all’ingresso, per evitare il sovraffollamento di aule e laboratori e l’ampliamento di quella pletora di camici grigi che dopo la laurea non entra nelle scuole di specializzazione e rimane incastrata nell’ormai noto imbuto formativo.

Lo sbarramento alla fine del primo o del secondo anno sembra essere la soluzione più adatta per la maggior parte dei ragazzi che si sono fermati a discutere di questo argomento con Sanità Informazione. Far entrare tutti e lasciare che sia la difficoltà del corso di laurea a far andare avanti solo i più bravi è la strada che percorrerebbero altri candidati.

ANCHE LE UNIVERSITÀ CONTRARIE

Ma non sono solo gli studenti a chiedere una modifica del percorso. Anche i rappresentanti delle università sono per un miglioramento del sistema del numero chiuso.

«Riteniamo da tempo che vada implementato, non bastano le crocette – ha detto ai nostri microfoni il rettore dell’università Sapienza Eugenio Gaudio -. Servono un test psicoattitudinale, un sistema di valutazione del percorso scolastico e un orientamento specifico, perché la professione sanitaria richiede attitudini particolari».

«Non possiamo aprire a tutti, ma ci potrebbero essere delle soluzioni diverse, come un biennio di prova e poi chi non lo supera dovrebbe orientarsi verso un altro tipo di facoltà», l’opinione di Michele Nicolò, presidente della Commissione dell’Università Federico II di Napoli.

«Il quiz non sceglie la persona migliore per Medicina», il commento netto di Angela Pezzolla, presidente della Commissione dell’Università di Bari.

DOMANI LA PUBBLICAZIONE DEI RISULTATI

Ma ormai per quest’anno è andata. I test d’ingresso alle università pubbliche si sono svolti e i ragazzi che vi hanno partecipato stanno aspettando risultati e graduatorie per capire che cosa studieranno nei prossimi mesi. Domani verranno pubblicati i risultati del test per codice etichetta, ma per la graduatoria è necessario aspettare il 29 settembre. 

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Concorso Medici di Medicina Generale, in Lombardia si presentano in 750 per 174 posti
Tra i candidati prevale la convinzione che la medicina territoriale vada cambiata
di Federica Bosco
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco