Formazione 1 Ottobre 2020

Numero chiuso, il giurista Tronca: «Bisogna cambiare rotta, il Paese ha bisogno di ben altro»

«Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Non dimentichiamoci delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia»

«È arrivato il momento di cambiare rotta perché il Paese ha bisogno di ben altro». Così il Prof. Avv. Francesco Paolo Tronca, già Prefetto di Milano, spiega ai nostri microfoni perché il numero chiuso per l’accesso alle facoltà di Medicina è un sistema da superare. «Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Abbiamo ancora ben chiare in mente le scene delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia».

Professor Tronca, poche settimane fa gli studenti di tutta Italia hanno partecipato al test di ingresso alle facoltà di Medicina. qual è il suo punto di vista sul numero chiuso?

«Siamo in un momento in cui la sanità sta vivendo un carico pesantissimo di responsabilità nei confronti di tutto il Paese a causa dell’emergenza Covid. Fin dallo scorso febbraio abbiamo assistito ad alcune scene abbastanza inquietanti. Abbiamo visto equipe straniere venire in Italia per dare supporto al nostro Servizio sanitario; abbiamo assistito alla possibilità di richiamo, volontario naturalmente, di medici in pensione (con tutti i rischi legati a chi si espone al virus in età avanzata); abbiamo visto che l’esame di Stato è stato cristallizzato per consentire l’immediato ingresso in carriera dei nuovi medici. È evidente dunque che c’è stata, c’è e ci sarà (spero di no ma dobbiamo prepararci a tutto) un’esigenza di classe medica molto forte e molto pressante. E allora, davanti a questa emergenza, noi continuiamo a parlare di numero chiuso per l’accesso a Medicina? Francamente, andrebbe ripensato tutto il sistema: penso al sistema delle specialità e al sistema dell’organizzazione di questi medici che devono dare al nostro Paese e agli italiani quella serenità di cui tutti abbiamo bisogno».

Oltre ad una questione di esigenze del Servizio sanitario nazionale, secondo lei il numero chiuso è effettivamente un sistema meritocratico, anche alla luce delle varie irregolarità che vengono denunciate ogni anno?

«Non è tanto un problema di sistema meritocratico o meno. Il punto è che un giovane che avverte l’esigenza di dare la propria disponibilità alla classe medica non può essere rallentato o addirittura fermato in questo percorso, nella sua volontà di perseguire un obiettivo di vita, da un test preliminare di ammissione con domande di cultura generale. Ora, per carità, sono il primo a sostenere che la cultura generale è indispensabile per tutti. Ma se si fa un esame di accesso alla facoltà di Medicina, il test deve essere mirato a capire quantomeno la propensione e la preparazione specifica per poter affrontare quel corso di studi. Un giovane non può essere rallentato nel perseguimento dei propri obiettivi di vita da anomalie del procedimento che oggi sono assolutamente quanto mai inconcepibili. No, è arrivato il momento di cambiare rotta perché il Paese ha bisogno di ben altro».

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi
Tantissimi giovani si iscrivono a più Università per avere maggiori chance di sconfiggere il numero chiuso. Cosa significa, al giorno d’oggi, provare a diventare medico? Su Sanità Informazione una storia che ne racchiude migliaia
Ex specializzandi, il giurista Tronca: «Vicenda storicamente pesante. Ben vengano transazione e petizione»
«Anche sul web si esercita la democrazia. È auspicabile una partecipazione ampia alla petizione perché in questo momento la proposta di transazione merita davvero il massimo sostegno da parte degli italiani»
Numero chiuso e ricorsi, come muoversi dopo la pubblicazione delle graduatorie?
Abbiamo posto all’avvocato Marco Tortorella (che da anni cura i ricorsi dei candidati che ritengono di essere stati ingiustamente esclusi dall’ingresso in facoltà) 8 domande. Ecco le sue risposte
Test d’ingresso all’Unicamillus, la voce dei ragazzi che non si arrendono
Centinaia di candidati che non sono entrati nelle università statali hanno preso parte alla prova di accesso ai corsi di laurea in Medicina e Professioni sanitarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare