Formazione 1 Ottobre 2020 17:30

Numero chiuso, il giurista Tronca: «Bisogna cambiare rotta, il Paese ha bisogno di ben altro»

«Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Non dimentichiamoci delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia»

«È arrivato il momento di cambiare rotta perché il Paese ha bisogno di ben altro». Così il Prof. Avv. Francesco Paolo Tronca, già Prefetto di Milano, spiega ai nostri microfoni perché il numero chiuso per l’accesso alle facoltà di Medicina è un sistema da superare. «Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Abbiamo ancora ben chiare in mente le scene delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia».

Professor Tronca, poche settimane fa gli studenti di tutta Italia hanno partecipato al test di ingresso alle facoltà di Medicina. qual è il suo punto di vista sul numero chiuso?

«Siamo in un momento in cui la sanità sta vivendo un carico pesantissimo di responsabilità nei confronti di tutto il Paese a causa dell’emergenza Covid. Fin dallo scorso febbraio abbiamo assistito ad alcune scene abbastanza inquietanti. Abbiamo visto equipe straniere venire in Italia per dare supporto al nostro Servizio sanitario; abbiamo assistito alla possibilità di richiamo, volontario naturalmente, di medici in pensione (con tutti i rischi legati a chi si espone al virus in età avanzata); abbiamo visto che l’esame di Stato è stato cristallizzato per consentire l’immediato ingresso in carriera dei nuovi medici. È evidente dunque che c’è stata, c’è e ci sarà (spero di no ma dobbiamo prepararci a tutto) un’esigenza di classe medica molto forte e molto pressante. E allora, davanti a questa emergenza, noi continuiamo a parlare di numero chiuso per l’accesso a Medicina? Francamente, andrebbe ripensato tutto il sistema: penso al sistema delle specialità e al sistema dell’organizzazione di questi medici che devono dare al nostro Paese e agli italiani quella serenità di cui tutti abbiamo bisogno».

Oltre ad una questione di esigenze del Servizio sanitario nazionale, secondo lei il numero chiuso è effettivamente un sistema meritocratico, anche alla luce delle varie irregolarità che vengono denunciate ogni anno?

«Non è tanto un problema di sistema meritocratico o meno. Il punto è che un giovane che avverte l’esigenza di dare la propria disponibilità alla classe medica non può essere rallentato o addirittura fermato in questo percorso, nella sua volontà di perseguire un obiettivo di vita, da un test preliminare di ammissione con domande di cultura generale. Ora, per carità, sono il primo a sostenere che la cultura generale è indispensabile per tutti. Ma se si fa un esame di accesso alla facoltà di Medicina, il test deve essere mirato a capire quantomeno la propensione e la preparazione specifica per poter affrontare quel corso di studi. Un giovane non può essere rallentato nel perseguimento dei propri obiettivi di vita da anomalie del procedimento che oggi sono assolutamente quanto mai inconcepibili. No, è arrivato il momento di cambiare rotta perché il Paese ha bisogno di ben altro».

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...