Formazione 1 Ottobre 2020 17:30

Numero chiuso, il giurista Tronca: «Bisogna cambiare rotta, il Paese ha bisogno di ben altro»

«Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Non dimentichiamoci delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia»

«È arrivato il momento di cambiare rotta perché il Paese ha bisogno di ben altro». Così il Prof. Avv. Francesco Paolo Tronca, già Prefetto di Milano, spiega ai nostri microfoni perché il numero chiuso per l’accesso alle facoltà di Medicina è un sistema da superare. «Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Abbiamo ancora ben chiare in mente le scene delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia».

Professor Tronca, poche settimane fa gli studenti di tutta Italia hanno partecipato al test di ingresso alle facoltà di Medicina. qual è il suo punto di vista sul numero chiuso?

«Siamo in un momento in cui la sanità sta vivendo un carico pesantissimo di responsabilità nei confronti di tutto il Paese a causa dell’emergenza Covid. Fin dallo scorso febbraio abbiamo assistito ad alcune scene abbastanza inquietanti. Abbiamo visto equipe straniere venire in Italia per dare supporto al nostro Servizio sanitario; abbiamo assistito alla possibilità di richiamo, volontario naturalmente, di medici in pensione (con tutti i rischi legati a chi si espone al virus in età avanzata); abbiamo visto che l’esame di Stato è stato cristallizzato per consentire l’immediato ingresso in carriera dei nuovi medici. È evidente dunque che c’è stata, c’è e ci sarà (spero di no ma dobbiamo prepararci a tutto) un’esigenza di classe medica molto forte e molto pressante. E allora, davanti a questa emergenza, noi continuiamo a parlare di numero chiuso per l’accesso a Medicina? Francamente, andrebbe ripensato tutto il sistema: penso al sistema delle specialità e al sistema dell’organizzazione di questi medici che devono dare al nostro Paese e agli italiani quella serenità di cui tutti abbiamo bisogno».

Oltre ad una questione di esigenze del Servizio sanitario nazionale, secondo lei il numero chiuso è effettivamente un sistema meritocratico, anche alla luce delle varie irregolarità che vengono denunciate ogni anno?

«Non è tanto un problema di sistema meritocratico o meno. Il punto è che un giovane che avverte l’esigenza di dare la propria disponibilità alla classe medica non può essere rallentato o addirittura fermato in questo percorso, nella sua volontà di perseguire un obiettivo di vita, da un test preliminare di ammissione con domande di cultura generale. Ora, per carità, sono il primo a sostenere che la cultura generale è indispensabile per tutti. Ma se si fa un esame di accesso alla facoltà di Medicina, il test deve essere mirato a capire quantomeno la propensione e la preparazione specifica per poter affrontare quel corso di studi. Un giovane non può essere rallentato nel perseguimento dei propri obiettivi di vita da anomalie del procedimento che oggi sono assolutamente quanto mai inconcepibili. No, è arrivato il momento di cambiare rotta perché il Paese ha bisogno di ben altro».

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Numero chiuso, come cambierà l’accesso all’università. La maggioranza chiede un aumento dei posti del 10%
Nella risoluzione approvata in commissione Cultura alla Camera, che farà da cornice alla riforma, i deputati chiedono di rendere disponibili corsi di preparazione preliminari gratuiti. E nel lungo periodo si punta a un rapporto di uno a uno tra gli accessi alla facoltà di medicina e gli ulteriori percorsi di formazione post lauream
di Francesco Torre
Cambia il test di Medicina ma resta il numero chiuso. La ministra Messa: addio a cultura generale e arriva il TOLC
In un'intervista al Corriere della Sera la ministra dell'Università ha parlato di un cambiamento nelle modalità del test di Medicina: si saluterà il "concorsone" in virtù di un esame TOLC, come succede a Ingegneria, con più risultati comparabili e più possibilità a partire già dal quarto anno di liceo
Numero chiuso a Medicina, Consulcesi: «Da imbuto a “voragine” formativa, abbiamo bisogno di più laureati»
Tra 5 anni, si avranno 20mila posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli
Anche il CNEL contro il “numero chiuso” a Medicina, al Senato proposta di legge su orientamento e accesso ai corsi
Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sottolinea: «L’attuale sistema di accesso alle cosiddette ‘Professioni mediche deve essere immediatamente abbandonato in favore di un sistema più rispettoso dei diritti costituzionali»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali