Formazione 27 Novembre 2018 18:26

Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»

Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»

I motivi che hanno indotto tanti studenti di medicina, specializzandi e giovani medici a supportare lo sciopero della dirigenza medica e sanitaria di venerdì scorso sono numerosi. C’è il blocco del turnover che rende complicato ottenere un posto di lavoro; la precarietà che ha investito anche il settore sanitario; il mancato rispetto, in troppi casi, dell’equo compenso ed il riconoscimento di una pizza e una birra per una giornata di lavoro con immense responsabilità. All’inizio di tutto, poi, c’è l’ostacolo del numero chiuso, che chiude le porte a tanti aspiranti medici già subito dopo il diploma. Ma il problema principale che causa incertezza nei giovani medici e che rischia di far implodere il Sistema sanitario è l’imbuto formativo.

LEGGI ANCHE: GIOVANI MEDICI, TARSITANO (OMCeO ROMA): «LAVORO, EQUO COMPENSO E BORSE DI SPECIALIZZAZIONE TRA LE PRIORITÀ»

Chi ha coniato questa espressione, è riuscito a rappresentare con un’immagine efficace la differenza tra il numero di persone che ogni anno si laureano in medicina ed il numero di borse per le scuole di specializzazione e il corso di formazione in medicina generale. Per esercitare la professione, in Italia, è obbligatoria la formazione post-laurea scegliendo uno dei due percorsi. Peccato che, appunto, non ci siano posti per tutti. Non si entra nel gambo dell’imbuto. Senza poter completare la formazione né lavorare, migliaia di medici vivono in un vero e proprio limbo.

Per la precisione, ogni anno si laureano in Medicina circa 10mila ragazzi. I posti a disposizione per le specializzazioni sono circa 7mila e poco più di 1000 per la medicina generale. Numeri che sono già aumentati rispetto agli scorsi anni grazie all’intervento di Regioni e Governo, che ha proposto di aggiungere per il prossimo anno altri 900 posti per le specializzazioni. Iniziative che sono state accolte con favore all’unanimità, ma ritenute insufficienti da sindacati, studenti e specializzandi: se infatti da un lato è richiesto  a gran voce un intervento più massiccio per riuscire ad assorbire il numero di giovani medici bloccati nell’imbuto che, nel tempo, si sono aggiunti ai colleghi degli anni precedenti, rendendo sempre più difficile il passaggio ai corsi post-laurea, l’emergenza della carenza di specialisti ed il boom di pensionamenti che nei prossimi cinque anni svuoterà gli ospedali rendono ancora più necessaria una risoluzione del problema.

Insomma, il percorso di un giovane che intende indossare il camice bianco è ricco di ostacoli. Ad illustrali alla conferenza stampa organizzata dall’intersindacale in occasione dello sciopero c’erano Riccardo Sala e Michela Trinchese, studenti di Medicina di Link Area Medica. «Siamo qui – ha spiegato Riccardo – per chiedere maggiori finanziamenti al sistema di formazione medica e alle borse di specializzazione. Il gap tra laureati e posti nelle scuole è man mano sempre maggiore e per noi studenti diventa complesso capire se avremo effettivamente un futuro nell’ambito della sanità».

«È necessaria una programmazione generale del sistema di formazione per l’accesso alla professione – aggiunge Michela – e solo dopo, secondo noi, si potrà passare all’abolizione del numero chiuso. L’aumento del numero di posti è un passo avanti, ma non si può prima passare da una programmazione e un rifinanziamento sia dell’università che del Sistema sanitario nazionale».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ZAULI (UNIV. FERRARA) ROMPE FRONTE DEI RETTORI: «NON SIA QUIZ A SELEZIONARE MEDICI DEL FUTURO»

 

Articoli correlati
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Medicina, sentenza storica: riammessi gli studenti con riserva
Il Consiglio di Stato dà ragione a Consulcesi: «Posti inferiori al fabbisogno»
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia
Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM