Formazione 27 novembre 2018

Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»

Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»

I motivi che hanno indotto tanti studenti di medicina, specializzandi e giovani medici a supportare lo sciopero della dirigenza medica e sanitaria di venerdì scorso sono numerosi. C’è il blocco del turnover che rende complicato ottenere un posto di lavoro; la precarietà che ha investito anche il settore sanitario; il mancato rispetto, in troppi casi, dell’equo compenso ed il riconoscimento di una pizza e una birra per una giornata di lavoro con immense responsabilità. All’inizio di tutto, poi, c’è l’ostacolo del numero chiuso, che chiude le porte a tanti aspiranti medici già subito dopo il diploma. Ma il problema principale che causa incertezza nei giovani medici e che rischia di far implodere il Sistema sanitario è l’imbuto formativo.

LEGGI ANCHE: GIOVANI MEDICI, TARSITANO (OMCeO ROMA): «LAVORO, EQUO COMPENSO E BORSE DI SPECIALIZZAZIONE TRA LE PRIORITÀ»

Chi ha coniato questa espressione, è riuscito a rappresentare con un’immagine efficace la differenza tra il numero di persone che ogni anno si laureano in medicina ed il numero di borse per le scuole di specializzazione e il corso di formazione in medicina generale. Per esercitare la professione, in Italia, è obbligatoria la formazione post-laurea scegliendo uno dei due percorsi. Peccato che, appunto, non ci siano posti per tutti. Non si entra nel gambo dell’imbuto. Senza poter completare la formazione né lavorare, migliaia di medici vivono in un vero e proprio limbo.

Per la precisione, ogni anno si laureano in Medicina circa 10mila ragazzi. I posti a disposizione per le specializzazioni sono circa 7mila e poco più di 1000 per la medicina generale. Numeri che sono già aumentati rispetto agli scorsi anni grazie all’intervento di Regioni e Governo, che ha proposto di aggiungere per il prossimo anno altri 900 posti per le specializzazioni. Iniziative che sono state accolte con favore all’unanimità, ma ritenute insufficienti da sindacati, studenti e specializzandi: se infatti da un lato è richiesto  a gran voce un intervento più massiccio per riuscire ad assorbire il numero di giovani medici bloccati nell’imbuto che, nel tempo, si sono aggiunti ai colleghi degli anni precedenti, rendendo sempre più difficile il passaggio ai corsi post-laurea, l’emergenza della carenza di specialisti ed il boom di pensionamenti che nei prossimi cinque anni svuoterà gli ospedali rendono ancora più necessaria una risoluzione del problema.

Insomma, il percorso di un giovane che intende indossare il camice bianco è ricco di ostacoli. Ad illustrali alla conferenza stampa organizzata dall’intersindacale in occasione dello sciopero c’erano Riccardo Sala e Michela Trinchese, studenti di Medicina di Link Area Medica. «Siamo qui – ha spiegato Riccardo – per chiedere maggiori finanziamenti al sistema di formazione medica e alle borse di specializzazione. Il gap tra laureati e posti nelle scuole è man mano sempre maggiore e per noi studenti diventa complesso capire se avremo effettivamente un futuro nell’ambito della sanità».

«È necessaria una programmazione generale del sistema di formazione per l’accesso alla professione – aggiunge Michela – e solo dopo, secondo noi, si potrà passare all’abolizione del numero chiuso. L’aumento del numero di posti è un passo avanti, ma non si può prima passare da una programmazione e un rifinanziamento sia dell’università che del Sistema sanitario nazionale».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ZAULI (UNIV. FERRARA) ROMPE FRONTE DEI RETTORI: «NON SIA QUIZ A SELEZIONARE MEDICI DEL FUTURO»

 

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Napoli, medici del Cardarelli a Grillo e De Luca: «Intervenite, il nostro disagio è al limite. Siamo troppo penalizzati»
L'intersindacale: «Medici del Cardarelli subiscono gravi ed impari penalizzazioni professionali ed economiche. Fondi del Trattamento Accessorio attribuiti dalla Regione regolarmente scippati e non utilizzati per riconoscere i risultati e incentivare le migliori professionalità»
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...