Giovani 31 Gennaio 2018 18:42

Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»

È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei

Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»

In quanto giovane medico, Maria Grazia Tarsitano conosce molto bene i problemi che preoccupano i suoi coetanei: la difficoltà ad accedere alla formazione specialistica prima e al mondo del lavoro poi, il precariato, l’assenza dell’equo compenso. In quanto Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma, la dottoressa Tarsitano intende intraprendere una serie di iniziative per superare questi problemi e migliorare la situazione dei giovani medici della Capitale, «non delle più rosee in molte parti della Penisola». Sanità Informazione l’ha incontrata per parlare delle sfide principali che la attendono nel prossimo triennio e di come intende affrontarle.

Dottoressa Tarsitano, qual è la prima cosa che il nuovo Consiglio Direttivo dell’Ordine di Roma intende fare sul tema dei giovani?

«La prima cosa da fare è sicuramente capire a che punto siamo, perché non ci sono stati dei veri e propri piani organizzativi. Raccoglieremo quindi le informazioni necessarie per poi agire dal territorio e dai colleghi. Saremo un buon punto di ascolto, pronti ad accogliere le varie situazioni che i medici romani vorranno proporci. Anche io personalmente sarò all’Ordine una volta a settimana. Solo in questo modo potremo poi programmare un piano riorganizzativo da proporre non solo al governo regionale ma anche a quello nazionale che ci consenta di cambiare le cose. I giovani devono iniziare a lavorare, non come precari ma come dirigenti di primo livello, e devono recuperare quello che è il ruolo di uno specialista sul territorio e nella rete ospedaliera».

Ma prima di diventare specialisti devono riuscire ad entrare nelle scuole di specializzazione. Ad oggi però le borse sono inferiori al numero dei laureati…

«Questa è una delle tematiche che affronteremo come Ordine dei Medici. I numeri sono troppo bassi rispetto al numero dei colleghi che si laureano e purtroppo sappiamo che questo gap andrà ad aumentare negli anni. Il governo ci aveva promesso che avrebbe aumentato il numero delle borse ma purtroppo così non è stato. Dovremo allora essere ancora più forti e decisivi per evitare che i colleghi arrivino ad accettare delle situazioni lavorative non congrue».

E qui entriamo nel grosso problema dell’equo compenso.

«Abbiamo sentito storie che vanno al di là dell’immaginario: ragazzi pagati con una pizza e una birra o con la sola presenza ad un evento sportivo. Noi medici siamo ritenuti una categoria che può fare dei danni importantissimi; dobbiamo quindi pagare assicurazioni importanti che, in alcuni casi, addirittura bloccano l’attività dei colleghi. Poi però non veniamo retribuiti a dovere. Le due cose non collimano: se possiamo fare dei danni gravi non possiamo essere pagati in questo modo; i due aspetti devono essere quanto meno sullo stesso livello. È una situazione non più sostenibile quindi l’equo compenso è stato uno dei temi della nostra campagna elettorale ed è un progetto che porteremo avanti. Anche perché non riguarda solo i giovanissimi che si immettono nel mondo del lavoro, ma anche i colleghi in età più adulta che iniziano a non essere più retribuiti quanto dovrebbero per una prestazione».

LEGGI ANCHE: L’ORDINE DIVENTERÀ LA CASA DEI MEDICI E DEI CITTADINI». INTERVISTA AD ANTONIO MAGI, IL NUOVO PRESIDENTE OMCEO ROMA 

Articoli correlati
Equo compenso, Di Martino (AMOlp): «Ristabilire tariffario minimo per prestazioni sanitarie libero professionali»
L’Associazione Medici e Odontoiatri liberi professionisti interviene sul disegno di legge in tema di “disposizioni in materia di equo compenso delle prestazioni professionali”, il presidente: «Evitare l’eccessiva corsa al ribasso dei compensi professionali per non compromettere la qualità della prestazioni»
Omceo Roma, approvato il conto consuntivo 2021 e bilancio preventivo 2022
L’Assemblea dell’Ordine ha approvato ad ampia maggioranza il conto consuntivo 2021 e il bilancio preventivo 2022
1.200 mmg in meno in 3 anni, De Lillo (OMCeO Roma) lancia l’allarme e chiede al Lazio la graduatoria 2021
Il vicepresidente dell'Omceo Roma lancia quindi un appello alla Regione: «Noi chiediamo all'assessorato di pubblicare la graduatoria del bando 2021, per capire quanti colleghi possono essere sul campo nel concreto»
Le borse di specializzazione saranno troppe rispetto ai laureati. Anaao: «Spreco di oltre 2mila milioni di euro»
«Nel 2026-2027 si avranno 19.800 posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli. Reinvestire denaro per rendere la professione più appagante»
«Assumere i precari della pandemia». L’appello di FIASO e di tutti gli Ordini della sanità
Assumere i 66mila precari reclutati in pandemia, con una modifica alla Legge Madia. La proposta FIASO fa il pieno di consensi e il presidente Migliore la presenta con FNOMCeO, FNOPI, FNO TSRM-PSTRP e CNOP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale