Giovani 31 Gennaio 2018

Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»

È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei

Immagine articolo

In quanto giovane medico, Maria Grazia Tarsitano conosce molto bene i problemi che preoccupano i suoi coetanei: la difficoltà ad accedere alla formazione specialistica prima e al mondo del lavoro poi, il precariato, l’assenza dell’equo compenso. In quanto Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma, la dottoressa Tarsitano intende intraprendere una serie di iniziative per superare questi problemi e migliorare la situazione dei giovani medici della Capitale, «non delle più rosee in molte parti della Penisola». Sanità Informazione l’ha incontrata per parlare delle sfide principali che la attendono nel prossimo triennio e di come intende affrontarle.

Dottoressa Tarsitano, qual è la prima cosa che il nuovo Consiglio Direttivo dell’Ordine di Roma intende fare sul tema dei giovani?

«La prima cosa da fare è sicuramente capire a che punto siamo, perché non ci sono stati dei veri e propri piani organizzativi. Raccoglieremo quindi le informazioni necessarie per poi agire dal territorio e dai colleghi. Saremo un buon punto di ascolto, pronti ad accogliere le varie situazioni che i medici romani vorranno proporci. Anche io personalmente sarò all’Ordine una volta a settimana. Solo in questo modo potremo poi programmare un piano riorganizzativo da proporre non solo al governo regionale ma anche a quello nazionale che ci consenta di cambiare le cose. I giovani devono iniziare a lavorare, non come precari ma come dirigenti di primo livello, e devono recuperare quello che è il ruolo di uno specialista sul territorio e nella rete ospedaliera».

Ma prima di diventare specialisti devono riuscire ad entrare nelle scuole di specializzazione. Ad oggi però le borse sono inferiori al numero dei laureati…

«Questa è una delle tematiche che affronteremo come Ordine dei Medici. I numeri sono troppo bassi rispetto al numero dei colleghi che si laureano e purtroppo sappiamo che questo gap andrà ad aumentare negli anni. Il governo ci aveva promesso che avrebbe aumentato il numero delle borse ma purtroppo così non è stato. Dovremo allora essere ancora più forti e decisivi per evitare che i colleghi arrivino ad accettare delle situazioni lavorative non congrue».

E qui entriamo nel grosso problema dell’equo compenso.

«Abbiamo sentito storie che vanno al di là dell’immaginario: ragazzi pagati con una pizza e una birra o con la sola presenza ad un evento sportivo. Noi medici siamo ritenuti una categoria che può fare dei danni importantissimi; dobbiamo quindi pagare assicurazioni importanti che, in alcuni casi, addirittura bloccano l’attività dei colleghi. Poi però non veniamo retribuiti a dovere. Le due cose non collimano: se possiamo fare dei danni gravi non possiamo essere pagati in questo modo; i due aspetti devono essere quanto meno sullo stesso livello. È una situazione non più sostenibile quindi l’equo compenso è stato uno dei temi della nostra campagna elettorale ed è un progetto che porteremo avanti. Anche perché non riguarda solo i giovanissimi che si immettono nel mondo del lavoro, ma anche i colleghi in età più adulta che iniziano a non essere più retribuiti quanto dovrebbero per una prestazione».

LEGGI ANCHE: L’ORDINE DIVENTERÀ LA CASA DEI MEDICI E DEI CITTADINI». INTERVISTA AD ANTONIO MAGI, IL NUOVO PRESIDENTE OMCEO ROMA 

Articoli correlati
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Duemila posti in più, fondo ad hoc e meccanismo ‘recupera-borse’: ecco la riforma delle specializzazioni e della laurea abilitante targata M5S
Il pentastellato Manuel Tuzi ha presentato alla Camera il testo. Tra le novità un fondo che avrà un iban pubblico finanziabile da soggetti privati, da medici, da enti, fondazioni e federazioni in maniera trasparente. «Serviva un intervento strutturale che aumentasse la capacità formativa degli atenei oltre le 11.500 unità» sottolinea il deputato M5S
Borse di specializzazione, quante saranno nel 2020? Facciamo chiarezza
Un mail bombing dell’associazione Giovani medici per l’Italia lancia l'allarme sul numero di contratti di specializzazione finanziati in Legge di Bilancio. Abbiamo chiesto chiarimenti a FederSpecializzandi
Formazione ECM promossa dai giovani: «Fondamentale, conoscenze perse già poco dopo la laurea»
Nel nuovo numero di Punto Giovani, le opinioni di studenti, neolaureati e specializzandi sull'Educazione Continua in Medicina: «C'è un divario evidente tra i giovani, proiettati al cambiamento, e i meno giovani, meno aperti al nuovo»
Manovra, mille borse di specializzazione in più. Novità per precari della sanità e fondo apparecchiature
La Commissione Bilancio ha approvato l’estensione del termine (dal 30 giugno 2019 al 31 dicembre 2019) in cui maturare i requisiti per la stabilizzazione. I fondi per le apparecchiature saranno estesi anche ai pediatri di liberi di scelta oltre agli MMG. Due milioni per il registro tumori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...