Giovani 31 gennaio 2018

Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»

È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei

Immagine articolo

In quanto giovane medico, Maria Grazia Tarsitano conosce molto bene i problemi che preoccupano i suoi coetanei: la difficoltà ad accedere alla formazione specialistica prima e al mondo del lavoro poi, il precariato, l’assenza dell’equo compenso. In quanto Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma, la dottoressa Tarsitano intende intraprendere una serie di iniziative per superare questi problemi e migliorare la situazione dei giovani medici della Capitale, «non delle più rosee in molte parti della Penisola». Sanità Informazione l’ha incontrata per parlare delle sfide principali che la attendono nel prossimo triennio e di come intende affrontarle.

Dottoressa Tarsitano, qual è la prima cosa che il nuovo Consiglio Direttivo dell’Ordine di Roma intende fare sul tema dei giovani?

«La prima cosa da fare è sicuramente capire a che punto siamo, perché non ci sono stati dei veri e propri piani organizzativi. Raccoglieremo quindi le informazioni necessarie per poi agire dal territorio e dai colleghi. Saremo un buon punto di ascolto, pronti ad accogliere le varie situazioni che i medici romani vorranno proporci. Anche io personalmente sarò all’Ordine una volta a settimana. Solo in questo modo potremo poi programmare un piano riorganizzativo da proporre non solo al governo regionale ma anche a quello nazionale che ci consenta di cambiare le cose. I giovani devono iniziare a lavorare, non come precari ma come dirigenti di primo livello, e devono recuperare quello che è il ruolo di uno specialista sul territorio e nella rete ospedaliera».

Ma prima di diventare specialisti devono riuscire ad entrare nelle scuole di specializzazione. Ad oggi però le borse sono inferiori al numero dei laureati…

«Questa è una delle tematiche che affronteremo come Ordine dei Medici. I numeri sono troppo bassi rispetto al numero dei colleghi che si laureano e purtroppo sappiamo che questo gap andrà ad aumentare negli anni. Il governo ci aveva promesso che avrebbe aumentato il numero delle borse ma purtroppo così non è stato. Dovremo allora essere ancora più forti e decisivi per evitare che i colleghi arrivino ad accettare delle situazioni lavorative non congrue».

E qui entriamo nel grosso problema dell’equo compenso.

«Abbiamo sentito storie che vanno al di là dell’immaginario: ragazzi pagati con una pizza e una birra o con la sola presenza ad un evento sportivo. Noi medici siamo ritenuti una categoria che può fare dei danni importantissimi; dobbiamo quindi pagare assicurazioni importanti che, in alcuni casi, addirittura bloccano l’attività dei colleghi. Poi però non veniamo retribuiti a dovere. Le due cose non collimano: se possiamo fare dei danni gravi non possiamo essere pagati in questo modo; i due aspetti devono essere quanto meno sullo stesso livello. È una situazione non più sostenibile quindi l’equo compenso è stato uno dei temi della nostra campagna elettorale ed è un progetto che porteremo avanti. Anche perché non riguarda solo i giovanissimi che si immettono nel mondo del lavoro, ma anche i colleghi in età più adulta che iniziano a non essere più retribuiti quanto dovrebbero per una prestazione».

LEGGI ANCHE: L’ORDINE DIVENTERÀ LA CASA DEI MEDICI E DEI CITTADINI». INTERVISTA AD ANTONIO MAGI, IL NUOVO PRESIDENTE OMCEO ROMA 

Articoli correlati
Emergenza rifiuti a Roma, lettera di Magi a Raggi, Costa e Grillo: «C’è rischio per la salute pubblica. Pronti a fare nostra parte»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale: «Segnalazioni sempre più frequenti. Nostro obiettivo è tutelare la popolazione facendo sì, insieme ad altri organi preposti, che venga garantito e difeso il suo diritto alla salute»
Errori medici, OMCeO Roma: «No a deriva affaristica»
«È inaccettabile che si speculi sulla possibilità  di errori dei medici». È netta la presa di posizione dei vertici dell’OMCeO di Roma e provincia in merito all’azienda privata nata per gestire le vertenze. «La strada maestra per governare il fenomeno dell’errore medico non è quella di trasformare tutto in un business milionario dei risarcimenti – dichiarano il presidente […]
“Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive”. L’evento formativo a Roma
Il 24 gennaio 2019, dalle ore 10 alle ore 15,30, l’Aula Europa della Corte D’Appello di Roma ospiterà il convegno formativo “Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive” organizzato dall’UIF (Unione Italiana Forense) e dall’OMCeO Roma (Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) con il contributo del Centro Ortopedico Romano. Il programma dell’evento […]
Carenza medici, i direttori dei Ps del Lazio lanciano l’allarme: «Servizi rischiano tracollo». Magi (OMCeO Roma): «Rendere attrattiva specialità»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale annuncia che chiederà un tavolo in regione per far sì che le risorse umane in organico non siano basate solo sul numero degli accessi ma anche sulle reali attività svolte. Pugliese (Pertini): «Età media è 54 anni, ma qui si fanno tanti turni di notte»
L’Omceo Roma rafforza la collaborazione con la Palestina: richiesto supporto per cardiochirurgia pediatrica
Si è tenuto questa mattina, presso la sede di via De Rossi, l’incontro tra il presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO), Antonio Magi, e l’Ambasciatrice della Palestina Mai Alkaila. Con loro il consigliere dell’Ordine Foad Aodi, coordinatore dell’area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri, e l’addetto culturale dell’ambasciata a Roma, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano