Formazione 2 Ottobre 2018 13:41

Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»

Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi

di Serena Santi e Isabella Faggiano
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»

Ad un mese dal test d’ingresso, sono disponibili le graduatorie nominative per l’accesso alle facoltà di medicina e chirurgia. In queste ore si sono rinfocolate le polemiche sulle irregolarità denunciate dagli studenti: un’ondata che risale al giorno stesso della prova e non accenna a placarsi. Intanto si ingrossano le file del fronte politico e istituzionale che sostiene l’abolizione del numero chiuso.

LEGGI ANCHE: ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO: È LA VOLTA BUONA. TIRAMANI (LEGA): «C’È CONVERGENZA LEGA-M5S. AVANTI SOLO MERITEVOLI»

NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

NUMERO CHIUSO, SINDACATI DIVISI: PER FP CGIL LA FORMAZIONE È UN DIRITTO DI TUTTI, MA ANAAO È PREOCCUPATA

«Ho visto una ragazza che allo scadere dei 100 minuti non aveva ancora consegnato la penna. Ho notato altri che addirittura  hanno continuato a mettere crocette anche quando il tempo a disposizione era ormai finito», raccontava a Sanità Informazione nel giorno della prova una studentessa appena uscita dalle aule dell’università Federico II di Napoli.

LEGGI LO SPECIALE SUL NUMERO CHIUSO

E non era l’unica. Anche in altre università sembrava che il ‘furbetto di turno’ avesse ‘dimenticato’ alla consegna del test di restituire la penna: «Il tempo era già scaduto – lamentava ai nostri microfoni un’altra concorrente – quando abbiamo sentito il rumore di una penna che cadeva a terra. Apparteneva ad una ragazza, una delle partecipanti. Il presidente si è immediatamente alzato per controllare l’accaduto. Io intanto avevo consegnato il mio test ed ho dovuto lasciare l’aula. Non so se ci siano state altre conseguenze. Vedremo».

Insomma, anche quest’anno non sono mancate le stranezze. Anomalie che, secondo le stime della Consulcesi, network legale di riferimento per la tutela dei medici e degli aspiranti camici bianchi, potrebbero portare ad un +40% di ricorsi. L’annoso problema del numero chiuso, infatti, è stato al centro del Convegno “Formazione medica specialistica” organizzato presso il Palazzo della Minerva del Senato da Sanità Informazione, durante il quale notevoli criticità sono state sollevate anche da Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso che, a mio parere, pone molti problemi di legittimità costituzionale – aveva sottolineato il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

Intanto, chiunque  fosse stato spettatore di altre irregolarità e non le avesse ancora segnalate, può ancora dire la sua. Attraverso il portale web www.numerochiuso.info o chiamando il numero verde 800.122.777  è possibile confrontarsi con le esperienze degli altri concorrenti e chiedere il parere – gratuito – di uno degli oltre 1000 consulenti messi a disposizione dalla Consulcesi. Lanciata anche una campagna social su Facebook e Instagram attraverso l’hashtag #IoMerito.

 

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...