Formazione 2 Ottobre 2018

Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»

Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi

di Serena Santi e Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ad un mese dal test d’ingresso, sono disponibili le graduatorie nominative per l’accesso alle facoltà di medicina e chirurgia. In queste ore si sono rinfocolate le polemiche sulle irregolarità denunciate dagli studenti: un’ondata che risale al giorno stesso della prova e non accenna a placarsi. Intanto si ingrossano le file del fronte politico e istituzionale che sostiene l’abolizione del numero chiuso.

LEGGI ANCHE: ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO: È LA VOLTA BUONA. TIRAMANI (LEGA): «C’È CONVERGENZA LEGA-M5S. AVANTI SOLO MERITEVOLI»

NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

NUMERO CHIUSO, SINDACATI DIVISI: PER FP CGIL LA FORMAZIONE È UN DIRITTO DI TUTTI, MA ANAAO È PREOCCUPATA

«Ho visto una ragazza che allo scadere dei 100 minuti non aveva ancora consegnato la penna. Ho notato altri che addirittura  hanno continuato a mettere crocette anche quando il tempo a disposizione era ormai finito», raccontava a Sanità Informazione nel giorno della prova una studentessa appena uscita dalle aule dell’università Federico II di Napoli.

LEGGI LO SPECIALE SUL NUMERO CHIUSO

E non era l’unica. Anche in altre università sembrava che il ‘furbetto di turno’ avesse ‘dimenticato’ alla consegna del test di restituire la penna: «Il tempo era già scaduto – lamentava ai nostri microfoni un’altra concorrente – quando abbiamo sentito il rumore di una penna che cadeva a terra. Apparteneva ad una ragazza, una delle partecipanti. Il presidente si è immediatamente alzato per controllare l’accaduto. Io intanto avevo consegnato il mio test ed ho dovuto lasciare l’aula. Non so se ci siano state altre conseguenze. Vedremo».

Insomma, anche quest’anno non sono mancate le stranezze. Anomalie che, secondo le stime della Consulcesi, network legale di riferimento per la tutela dei medici e degli aspiranti camici bianchi, potrebbero portare ad un +40% di ricorsi. L’annoso problema del numero chiuso, infatti, è stato al centro del Convegno “Formazione medica specialistica” organizzato presso il Palazzo della Minerva del Senato da Sanità Informazione, durante il quale notevoli criticità sono state sollevate anche da Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso che, a mio parere, pone molti problemi di legittimità costituzionale – aveva sottolineato il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

Intanto, chiunque  fosse stato spettatore di altre irregolarità e non le avesse ancora segnalate, può ancora dire la sua. Attraverso il portale web www.numerochiuso.info o chiamando il numero verde 800.122.777  è possibile confrontarsi con le esperienze degli altri concorrenti e chiedere il parere – gratuito – di uno degli oltre 1000 consulenti messi a disposizione dalla Consulcesi. Lanciata anche una campagna social su Facebook e Instagram attraverso l’hashtag #IoMerito.

 

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...