Formazione 2 ottobre 2018

Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»

Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi

di Serena Santi e Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ad un mese dal test d’ingresso, sono disponibili le graduatorie nominative per l’accesso alle facoltà di medicina e chirurgia. In queste ore si sono rinfocolate le polemiche sulle irregolarità denunciate dagli studenti: un’ondata che risale al giorno stesso della prova e non accenna a placarsi. Intanto si ingrossano le file del fronte politico e istituzionale che sostiene l’abolizione del numero chiuso.

LEGGI ANCHE: ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO: È LA VOLTA BUONA. TIRAMANI (LEGA): «C’È CONVERGENZA LEGA-M5S. AVANTI SOLO MERITEVOLI»

NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

NUMERO CHIUSO, SINDACATI DIVISI: PER FP CGIL LA FORMAZIONE È UN DIRITTO DI TUTTI, MA ANAAO È PREOCCUPATA

«Ho visto una ragazza che allo scadere dei 100 minuti non aveva ancora consegnato la penna. Ho notato altri che addirittura  hanno continuato a mettere crocette anche quando il tempo a disposizione era ormai finito», raccontava a Sanità Informazione nel giorno della prova una studentessa appena uscita dalle aule dell’università Federico II di Napoli.

LEGGI LO SPECIALE SUL NUMERO CHIUSO

E non era l’unica. Anche in altre università sembrava che il ‘furbetto di turno’ avesse ‘dimenticato’ alla consegna del test di restituire la penna: «Il tempo era già scaduto – lamentava ai nostri microfoni un’altra concorrente – quando abbiamo sentito il rumore di una penna che cadeva a terra. Apparteneva ad una ragazza, una delle partecipanti. Il presidente si è immediatamente alzato per controllare l’accaduto. Io intanto avevo consegnato il mio test ed ho dovuto lasciare l’aula. Non so se ci siano state altre conseguenze. Vedremo».

Insomma, anche quest’anno non sono mancate le stranezze. Anomalie che, secondo le stime della Consulcesi, network legale di riferimento per la tutela dei medici e degli aspiranti camici bianchi, potrebbero portare ad un +40% di ricorsi. L’annoso problema del numero chiuso, infatti, è stato al centro del Convegno “Formazione medica specialistica” organizzato presso il Palazzo della Minerva del Senato da Sanità Informazione, durante il quale notevoli criticità sono state sollevate anche da Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso che, a mio parere, pone molti problemi di legittimità costituzionale – aveva sottolineato il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

Intanto, chiunque  fosse stato spettatore di altre irregolarità e non le avesse ancora segnalate, può ancora dire la sua. Attraverso il portale web www.numerochiuso.info o chiamando il numero verde 800.122.777  è possibile confrontarsi con le esperienze degli altri concorrenti e chiedere il parere – gratuito – di uno degli oltre 1000 consulenti messi a disposizione dalla Consulcesi. Lanciata anche una campagna social su Facebook e Instagram attraverso l’hashtag #IoMerito.

 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»
«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...