Formazione 2 ottobre 2018

Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»

Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi

di Serena Santi e Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ad un mese dal test d’ingresso, sono disponibili le graduatorie nominative per l’accesso alle facoltà di medicina e chirurgia. In queste ore si sono rinfocolate le polemiche sulle irregolarità denunciate dagli studenti: un’ondata che risale al giorno stesso della prova e non accenna a placarsi. Intanto si ingrossano le file del fronte politico e istituzionale che sostiene l’abolizione del numero chiuso.

LEGGI ANCHE: ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO: È LA VOLTA BUONA. TIRAMANI (LEGA): «C’È CONVERGENZA LEGA-M5S. AVANTI SOLO MERITEVOLI»

NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

NUMERO CHIUSO, SINDACATI DIVISI: PER FP CGIL LA FORMAZIONE È UN DIRITTO DI TUTTI, MA ANAAO È PREOCCUPATA

«Ho visto una ragazza che allo scadere dei 100 minuti non aveva ancora consegnato la penna. Ho notato altri che addirittura  hanno continuato a mettere crocette anche quando il tempo a disposizione era ormai finito», raccontava a Sanità Informazione nel giorno della prova una studentessa appena uscita dalle aule dell’università Federico II di Napoli.

LEGGI LO SPECIALE SUL NUMERO CHIUSO

E non era l’unica. Anche in altre università sembrava che il ‘furbetto di turno’ avesse ‘dimenticato’ alla consegna del test di restituire la penna: «Il tempo era già scaduto – lamentava ai nostri microfoni un’altra concorrente – quando abbiamo sentito il rumore di una penna che cadeva a terra. Apparteneva ad una ragazza, una delle partecipanti. Il presidente si è immediatamente alzato per controllare l’accaduto. Io intanto avevo consegnato il mio test ed ho dovuto lasciare l’aula. Non so se ci siano state altre conseguenze. Vedremo».

Insomma, anche quest’anno non sono mancate le stranezze. Anomalie che, secondo le stime della Consulcesi, network legale di riferimento per la tutela dei medici e degli aspiranti camici bianchi, potrebbero portare ad un +40% di ricorsi. L’annoso problema del numero chiuso, infatti, è stato al centro del Convegno “Formazione medica specialistica” organizzato presso il Palazzo della Minerva del Senato da Sanità Informazione, durante il quale notevoli criticità sono state sollevate anche da Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso che, a mio parere, pone molti problemi di legittimità costituzionale – aveva sottolineato il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

Intanto, chiunque  fosse stato spettatore di altre irregolarità e non le avesse ancora segnalate, può ancora dire la sua. Attraverso il portale web www.numerochiuso.info o chiamando il numero verde 800.122.777  è possibile confrontarsi con le esperienze degli altri concorrenti e chiedere il parere – gratuito – di uno degli oltre 1000 consulenti messi a disposizione dalla Consulcesi. Lanciata anche una campagna social su Facebook e Instagram attraverso l’hashtag #IoMerito.

 

Articoli correlati
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...