Formazione 27 Settembre 2018

Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»

«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione

Immagine articolo

Un diritto, quello allo studio, non un privilegio. La normativa sul numero chiuso pone problemi di “legittimità costituzionale” ed il rigido test d’ingresso ostacola il percorso di moltissimi ragazzi che hanno da sempre un sogno nel cassetto: diventare medici.

Ai microfoni di Sanità Informazione la dottoressa Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio, esterna i suoi dubbi sul sistema che, ad oggi, regolava l’accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia ma che il Governo ha annunciato di abolire: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso, a mio parere, che pone molti problemi di legittimità costituzionale» spiega il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

«Mi sono occupata per tantissimi anni di questo argomento: è proprio mia una sentenzain seguito confermata dal Consiglio di Stato e anche dall’adunanza plenaria, che per fortuna è riuscita quantomeno a limitare il numero chiuso al primo anno e non al secondo – specifica la dottoressa Pisano -. Il problema vero sarà che tra dieci anni noi non avremo più medici in Italia e non avremo assistenza – prosegue -. L’età dei medici attuali, ovviamente, cresce e si deve garantire un adeguato turnover altrimenti la nostra sanità andrà a rotoli» conclude.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATO AL NUMERO CHIUSO

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...