Formazione 27 settembre 2018

Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»

«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione

Immagine articolo

Un diritto, quello allo studio, non un privilegio. La normativa sul numero chiuso pone problemi di “legittimità costituzionale” ed il rigido test d’ingresso ostacola il percorso di moltissimi ragazzi che hanno da sempre un sogno nel cassetto: diventare medici.

Ai microfoni di Sanità Informazione la dottoressa Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio, esterna i suoi dubbi sul sistema che, ad oggi, regola l’accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso, a mio parere, che pone molti problemi di legittimità costituzionale» spiega il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

Proprio in questi giorni, il ministro Giulia Grillo è intervenuta sull’argomento, dichiarandosi favorevole a rivedere le regole che disciplinano l’accesso a Medicina, come chiedono, da anni, associazioni studentesche e rappresentanti del mondo medico.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

«Mi sono occupata per tantissimi anni di questo argomento: è proprio mia una sentenzain seguito confermata dal Consiglio di Stato e anche dall’adunanza plenaria, che per fortuna è riuscita quantomeno a limitare il numero chiuso al primo anno e non al secondo – specifica la dottoressa Pisano -. Il problema vero sarà che tra dieci anni noi non avremo più medici in Italia e non avremo assistenza – prosegue -. L’età dei medici attuali, ovviamente, cresce e si deve garantire un adeguato turnover altrimenti la nostra sanità andrà a rotoli. Occorrerebbe un ripensamento da parte del legislatore» conclude.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATO AL NUMERO CHIUSO

Articoli correlati
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
Abolizione numero chiuso: è la volta buona. Tiramani (Lega): «C’è convergenza Lega-M5S. Avanti solo meritevoli»
Parla il Deputato che ha presentato la proposta di legge per cancellare i test di ingresso. Anche Grillo e Salvini per il superamento: «Il fatto che anche autorevoli esponenti di altri partiti come il PD la pensino in questo modo vuol dire che abbiamo colto nel segno»
Numero chiuso, cresce il fronte per l’abolizione. Grillo: «Rischiamo di perdere grandi medici, serve meccanismo meritocratico»
Il Ministro è intenzionato a rivedere le norme di accesso alla Facoltà di Medicina. E anche il vicepremier Salvini appoggia la proposta: «Non è possibile che migliaia di ragazzi italiani debbano scappare all’estero per studiare, specializzarsi e cominciare a lavorare in ospedale»
Numero chiuso, pubbliche graduatorie anonime. Idonei 40.447 candidati su 59.743, passa il 67,7% del totale
La percentuale di idonei più alta (78,47%) si è registrata a Pavia. Il punteggio più alto (84,3) è stato conseguito a Verona. Per i risultati nominali bisognerà attendere il 28 settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila