Formazione 27 Settembre 2018

Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»

«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione

Immagine articolo

Un diritto, quello allo studio, non un privilegio. La normativa sul numero chiuso pone problemi di “legittimità costituzionale” ed il rigido test d’ingresso ostacola il percorso di moltissimi ragazzi che hanno da sempre un sogno nel cassetto: diventare medici.

Ai microfoni di Sanità Informazione la dottoressa Ines Simona Pisano, magistrato del Tar del Lazio, esterna i suoi dubbi sul sistema che, ad oggi, regolava l’accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia ma che il Governo ha annunciato di abolire: «Noi abbiamo una normativa sul numero chiuso, a mio parere, che pone molti problemi di legittimità costituzionale» spiega il magistrato -. La prima questione è quella del diritto allo studio, il diritto di tutti i ragazzi a poter studiare per poi esercitare questa professione. La modalità di selezione attuale blocca tantissimi aspiranti medici».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, CRESCE IL FRONTE PER L’ABOLIZIONE. GRILLO: «RISCHIAMO DI PERDERE GRANDI MEDICI, SERVE MECCANISMO MERITOCRATICO»

«Mi sono occupata per tantissimi anni di questo argomento: è proprio mia una sentenzain seguito confermata dal Consiglio di Stato e anche dall’adunanza plenaria, che per fortuna è riuscita quantomeno a limitare il numero chiuso al primo anno e non al secondo – specifica la dottoressa Pisano -. Il problema vero sarà che tra dieci anni noi non avremo più medici in Italia e non avremo assistenza – prosegue -. L’età dei medici attuali, ovviamente, cresce e si deve garantire un adeguato turnover altrimenti la nostra sanità andrà a rotoli» conclude.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATO AL NUMERO CHIUSO

Articoli correlati
Facoltà di Medicina di Ferrara, ecco com’è andata la sperimentazione. Il rettore: «Test è sistema selettivo inidoneo»
All’Università di Ferrara primo anno con 600 studenti di Medicina, il triplo degli anni passati. Zauli: «Siamo riusciti a erogare lezioni frontali ed esercitazioni. Con il test d'ingresso selezioniamo in maniera non ottimale chi entra a Medicina e perdiamo per strada potenziali ottimi medici»
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
Test Medicina, Consulcesi: «50mila non diventeranno medici. Con la prova a crocette a farcela non saranno solo i più bravi, anche i più furbi»
Ogni anno 18mila potenziali ricorrenti e migliaia di riammissioni bocciano il Numero Chiuso. Il presidente Massimo Tortorella «Duemila iscritti in meno scoraggiati dal sistema anti-meritocratico. Vigileremo sulla regolarità della prova in tutte le università italiane»
Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo
Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»