Formazione 23 Aprile 2019

MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»

«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione

Immagine articolo

Dall’accesso alla Facoltà di Medicina a quello per le scuole di specializzazione, il percorso ad ostacoli di un giovane medico in Italia è lungo e faticoso. E «soprattutto subisce minacce provenienti da vari fronti». Noemi Lopes, componente dell’osservatorio giovani professionisti FNOMCeO, nell’intervista a Sanità Informazione, espone con chiarezza e determinazione il suo pensiero sull’attuale situazione degli aspiranti medici italiani a partire dall’imbuto formativo e lavorativo post-laurea fino ad arrivare alla condizione specifica dei futuri medici di base che continuano ad essere discriminati rispetto agli specializzandi.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, AUTUNNALI (SNAMI): «DISCRIMINAZIONE ECONOMICA RISPETTO A SPECIALIZZANDI PESA TANTISSIMO»

Dottoressa, il percorso di un giovane medico in Italia sembra non finire mai.

«Innanzitutto c’è questa estrema carenza di medici, che però, specifichiamo, non è una carenza di medici laureati che in questo momento di fatto ci sono, ma spesso convergono in quello che è un imbuto formativo post-laurea che ha creato questo limbo e questa situazione di precariato; quello che oggi manca sono gli specialisti, perché non c’è un numero adeguato di borse pari al numero di laureati che consenta a tutti i medici che escono dalla Facoltà di Medicina di accedere al completamento della loro professione».

Quanto pesa ancora la disparità economica di trattamento tra il medico di medicina generale in formazione e gli specializzandi?

«Il peso si fa sentire: questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria. Semplicemente per un motivo: sebbene promuoviamo una formazione specifica e specialistica in Medicina generale, è chiaro che non si possa concepire un percorso formativo così poco retribuito che costringa il medico in formazione a viaggiare fuori dalla propria Regione e quindi a dover finanziare una formazione al di fuori del suo territorio. Tra l’altro, ricordiamo che la Medicina generale è una medicina del territorio, è strettamente legata al territorio in cui viene esercitata e questo è anche uno dei motivi che influisce su quella che è la nostra concezione della regionalità della formazione».

Quanto può influire sulla formazione il regionalismo differenziato?

«Il rischio più forte è che si accentuino quelli che sono i dislivelli formativi tra Nord e Sud, perché ad oggi ricordiamo che non esiste un curriculum riconosciuto a livello nazionale con degli obiettivi formativi standardizzati per tutte le Regioni. Per questo motivo, allo stato attuale, ogni Regione segue un programma autonomo; questa continua differenziazione e questa accentuazione della differenziazione potrebbe andare ad influire sia dal punto di vista economico, per quello che è lo stanziamento anche del numero di borse – anche se è pur vero che al Nord c’è una maggiore carenza quindi è giusto che la programmazione preveda che lì venga stanziato il maggior numero di borse – ma il rischio che dobbiamo evitare è che si accrescano questi dislivelli formativi».

LEGGI ANCHE: REGIONALISMO DIFFERENZIATO, SONDAGGIO SIFO: OLTRE 83% PENSA CHE NON MIGLIORERA’ SERVIZI ALLA SALUTE

Articoli correlati
Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia
Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L'incremento più importante va all'area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
Odontoiatria, 1231 posti all’università nel 20/21. Iandolo (CAO): «Tenere conto dei laureati all’estero nei fabbisogni»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale si dice preoccupato per i numeri troppo alti: «Se sforiamo quale sarà il loro destino? La disoccupazione»
Rimborsabilità farmaci anticoagulanti: Aifa semplifica procedura. SIMG: «Grande soddisfazione»
«La SIMG ha espresso da sempre una posizione contraria ai piani terapeutici per i farmaci di utilizzo territoriale. Auspichiamo che alla liberalizzazione prescrittiva dei DOACs segua anche l’abolizione del piano terapeutico per i farmaci antidiabetici e a quelli per la BPCO» evidenzia il Presidente Cricelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...