Formazione 23 Aprile 2019

MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»

«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione

Immagine articolo

Dall’accesso alla Facoltà di Medicina a quello per le scuole di specializzazione, il percorso ad ostacoli di un giovane medico in Italia è lungo e faticoso. E «soprattutto subisce minacce provenienti da vari fronti». Noemi Lopes, componente dell’osservatorio giovani professionisti FNOMCeO, nell’intervista a Sanità Informazione, espone con chiarezza e determinazione il suo pensiero sull’attuale situazione degli aspiranti medici italiani a partire dall’imbuto formativo e lavorativo post-laurea fino ad arrivare alla condizione specifica dei futuri medici di base che continuano ad essere discriminati rispetto agli specializzandi.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, AUTUNNALI (SNAMI): «DISCRIMINAZIONE ECONOMICA RISPETTO A SPECIALIZZANDI PESA TANTISSIMO»

Dottoressa, il percorso di un giovane medico in Italia sembra non finire mai.

«Innanzitutto c’è questa estrema carenza di medici, che però, specifichiamo, non è una carenza di medici laureati che in questo momento di fatto ci sono, ma spesso convergono in quello che è un imbuto formativo post-laurea che ha creato questo limbo e questa situazione di precariato; quello che oggi manca sono gli specialisti, perché non c’è un numero adeguato di borse pari al numero di laureati che consenta a tutti i medici che escono dalla Facoltà di Medicina di accedere al completamento della loro professione».

Quanto pesa ancora la disparità economica di trattamento tra il medico di medicina generale in formazione e gli specializzandi?

«Il peso si fa sentire: questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria. Semplicemente per un motivo: sebbene promuoviamo una formazione specifica e specialistica in Medicina generale, è chiaro che non si possa concepire un percorso formativo così poco retribuito che costringa il medico in formazione a viaggiare fuori dalla propria Regione e quindi a dover finanziare una formazione al di fuori del suo territorio. Tra l’altro, ricordiamo che la Medicina generale è una medicina del territorio, è strettamente legata al territorio in cui viene esercitata e questo è anche uno dei motivi che influisce su quella che è la nostra concezione della regionalità della formazione».

Quanto può influire sulla formazione il regionalismo differenziato?

«Il rischio più forte è che si accentuino quelli che sono i dislivelli formativi tra Nord e Sud, perché ad oggi ricordiamo che non esiste un curriculum riconosciuto a livello nazionale con degli obiettivi formativi standardizzati per tutte le Regioni. Per questo motivo, allo stato attuale, ogni Regione segue un programma autonomo; questa continua differenziazione e questa accentuazione della differenziazione potrebbe andare ad influire sia dal punto di vista economico, per quello che è lo stanziamento anche del numero di borse – anche se è pur vero che al Nord c’è una maggiore carenza quindi è giusto che la programmazione preveda che lì venga stanziato il maggior numero di borse – ma il rischio che dobbiamo evitare è che si accrescano questi dislivelli formativi».

LEGGI ANCHE: REGIONALISMO DIFFERENZIATO, SONDAGGIO SIFO: OLTRE 83% PENSA CHE NON MIGLIORERA’ SERVIZI ALLA SALUTE

Articoli correlati
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
A Modena una nuova scuola di chirurgia. Il rettore Pellacani (UniMore): «Insegneremo nuove tecniche»
Un progetto congiunto che vedrà impegnati il Policlinico di Modena e la facoltà di Medicina. Una novità assoluta che, secondo la tempistica fissata dalle parti, dovrebbe partire nell’anno accademico 2020/2021 con i primi moduli base
di Federica Bosco
Autismo, al via il primo Corso di Alta Formazione presso l’ISS
Sono 100 i dirigenti medici neuropsichiatri, psichiatri e psicologi che saranno formati e aggiornati attraverso il primo Corso Analisi del comportamento applicata al disturbo dello spettro autistico organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità. La prima lezione si è tenuta oggi in ISS ma saranno coinvolte anche le sedi della IULM di Milano e dell’Università Federico II di Napoli […]
Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»
Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali