Formazione 10 Settembre 2018 10:45

Medicina generale, slitta il concorso e riaprono i bandi. Scotti (Fimmg): «Scelta strada più ragionevole e seria»

Il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Raddoppio delle borse risultato storico. Adesso nuova data per il concorso e riapertura dei termini in tempi celeri»

Il concorso per l’accesso ai corsi di formazione specifica in medicina generale previsto per il 25 settembre è slittato. Dopo aver approvato l’aumento delle borse a disposizione di 860 unità e stanziato, a tal fine, 40 milioni di euro, la Conferenza delle Regioni ha dato seguito alle istanze del ministero della Salute inviando una comunicazione che di fatto fa partire la procedura per la riapertura dei bandi, con 2000 posti a disposizione e non più 1200.

LEGGI ANCHE: MMG, IL MINISTRO GRILLO CHIEDE A REGIONI NUOVI BANDI E DATA CONCORSO| ECCO LA LETTERA

Silvestro Scotti, segretario Fimmg, si dice soddisfatto per la decisione: «È abbastanza chiaro – dichiara – che i Fondi di piano 2018-2020 (da cui sono stati presi i 40 milioni per le borse aggiuntive) sono legati ad una triennalità e che quindi le borse avrebbero dovuto essere erogate nell’arco del 2018 e che quindi c’era la questione di come renderle fruibili dato che i bandi regionali erano già chiusi ed era già stata fissata per il 25 settembre la data dei test».

«Le soluzioni erano due – spiega Scotti -: una era lo scorrimento delle graduatorie proposto dalle Regioni e l’altra la riapertura dei bandi chiesta da noi e Ministero. Per me si è scelta la strada più ragionevole, seria, e rispettosa del diritto di rendere le borse fruibili allo scopo di evitare possibili ricorsi che potevano portare all’annullamento dei bandi. E poi c’è da tenere in considerazione che anche l’anno scorso si erano riaperti i termini dei bandi per inserire gli abilitati».

«Certo – prosegue Scotti – è apparso strano che si sia arrivati ad una soluzione solo a un paio di settimane dalla data del test, nonostante la lettera del Ministro Grillo alle Regioni del 10 agosto, creando confusione e incertezza su quale sarebbe stata la soluzione. In ogni caso, riconosciamo la responsabilità e il duro compito dei funzionari regionali che dovranno affrontare questo processo complesso di riapertura dei bandi e da realizzare in breve tempo».

Si unisce al coro di soddisfazione e ringraziamenti anche Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, che rivolge un grazie particolare al ministro Grillo «per la determinazione con la quale ha portato a casa il risultato storico del raddoppio delle borse, obiettivo da tempo indicato dalla FNOMCeO come utile a risolvere la grave carenza di medici di medicina generale che già sta mostrando i suoi primi effetti».

È notizia di questi giorni, infatti, che, a Brescia, 70mila cittadini sono ‘orfani’ di un medico di famiglia esclusivo e vengono ‘agganciati’ a medici che hanno già superato il massimale; nei prossimi tre anni trecento professionisti andranno in pensione e solo una trentina di giovani colleghi arriverà a sostituirli. Sono duecento, invece, i medici di medicina generale che mancano all’appello in Sardegna, dove le zone ‘scoperte’ rimangono  le stesse da tre anni, comunica la Federazione.

LEGGI ANCHE: IL PARADOSSO DI VANZAGO: 1600 BAMBINI E NESSUN PEDIATRA. IL SINDACO: «CURE A RISCHIO PER CHI NON PUÒ SPOSTARSI»

«Facciamo conto proprio su questa determinazione del Ministro – conclude il presidente FNOMCeO – per avere in tempi celeri la nuova data per il concorso e la riapertura dei termini, in modo da fugare le incertezze dei giovani medici che aspirano a completare la loro formazione scegliendo la strada della medicina generale».

LEGGI ANCHE: RIDURRE CORSO MMG DA TRE A DUE ANNI. LA PROPOSTA FNOMCeO PER FRONTEGGIARE CARENZA MEDICI

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»
Aaroi Emac disapprova l’audizione in Senato della Federazione degli Ordini dei Medici sulla riforma del 118
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
Mmg dipendenti in Lombardia? «Una follia» ribatte la FIMMG
Si parla insistentemente di medici di famiglia dipendenti in Lombardia, ma potrebbe succedere davvero? Il "no" di FIMMG è piuttosto netto nelle parole della segretaria regionale, ecco perché
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
SNAMI: «Fuga dalla Medicina generale, si aggravano le carenze»
Attacchi contro i professionisti e nuovi compiti assegnati durante la pandemia hanno peggiorato la situazione: si fugge dalla medicina del territorio, con il rischio di aumentare ulteriormente carenze già evidenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco