Formazione 10 Settembre 2018

Medicina generale, slitta il concorso e riaprono i bandi. Scotti (Fimmg): «Scelta strada più ragionevole e seria»

Il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Raddoppio delle borse risultato storico. Adesso nuova data per il concorso e riapertura dei termini in tempi celeri»

Il concorso per l’accesso ai corsi di formazione specifica in medicina generale previsto per il 25 settembre è slittato. Dopo aver approvato l’aumento delle borse a disposizione di 860 unità e stanziato, a tal fine, 40 milioni di euro, la Conferenza delle Regioni ha dato seguito alle istanze del ministero della Salute inviando una comunicazione che di fatto fa partire la procedura per la riapertura dei bandi, con 2000 posti a disposizione e non più 1200.

LEGGI ANCHE: MMG, IL MINISTRO GRILLO CHIEDE A REGIONI NUOVI BANDI E DATA CONCORSO| ECCO LA LETTERA

Silvestro Scotti, segretario Fimmg, si dice soddisfatto per la decisione: «È abbastanza chiaro – dichiara – che i Fondi di piano 2018-2020 (da cui sono stati presi i 40 milioni per le borse aggiuntive) sono legati ad una triennalità e che quindi le borse avrebbero dovuto essere erogate nell’arco del 2018 e che quindi c’era la questione di come renderle fruibili dato che i bandi regionali erano già chiusi ed era già stata fissata per il 25 settembre la data dei test».

«Le soluzioni erano due – spiega Scotti -: una era lo scorrimento delle graduatorie proposto dalle Regioni e l’altra la riapertura dei bandi chiesta da noi e Ministero. Per me si è scelta la strada più ragionevole, seria, e rispettosa del diritto di rendere le borse fruibili allo scopo di evitare possibili ricorsi che potevano portare all’annullamento dei bandi. E poi c’è da tenere in considerazione che anche l’anno scorso si erano riaperti i termini dei bandi per inserire gli abilitati».

«Certo – prosegue Scotti – è apparso strano che si sia arrivati ad una soluzione solo a un paio di settimane dalla data del test, nonostante la lettera del Ministro Grillo alle Regioni del 10 agosto, creando confusione e incertezza su quale sarebbe stata la soluzione. In ogni caso, riconosciamo la responsabilità e il duro compito dei funzionari regionali che dovranno affrontare questo processo complesso di riapertura dei bandi e da realizzare in breve tempo».

Si unisce al coro di soddisfazione e ringraziamenti anche Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, che rivolge un grazie particolare al ministro Grillo «per la determinazione con la quale ha portato a casa il risultato storico del raddoppio delle borse, obiettivo da tempo indicato dalla FNOMCeO come utile a risolvere la grave carenza di medici di medicina generale che già sta mostrando i suoi primi effetti».

È notizia di questi giorni, infatti, che, a Brescia, 70mila cittadini sono ‘orfani’ di un medico di famiglia esclusivo e vengono ‘agganciati’ a medici che hanno già superato il massimale; nei prossimi tre anni trecento professionisti andranno in pensione e solo una trentina di giovani colleghi arriverà a sostituirli. Sono duecento, invece, i medici di medicina generale che mancano all’appello in Sardegna, dove le zone ‘scoperte’ rimangono  le stesse da tre anni, comunica la Federazione.

LEGGI ANCHE: IL PARADOSSO DI VANZAGO: 1600 BAMBINI E NESSUN PEDIATRA. IL SINDACO: «CURE A RISCHIO PER CHI NON PUÒ SPOSTARSI»

«Facciamo conto proprio su questa determinazione del Ministro – conclude il presidente FNOMCeO – per avere in tempi celeri la nuova data per il concorso e la riapertura dei termini, in modo da fugare le incertezze dei giovani medici che aspirano a completare la loro formazione scegliendo la strada della medicina generale».

LEGGI ANCHE: RIDURRE CORSO MMG DA TRE A DUE ANNI. LA PROPOSTA FNOMCeO PER FRONTEGGIARE CARENZA MEDICI

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»
Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Istituito un gruppo di lavoro per studiare le diseguaglianze regionali. Dai risultati elaboreremo proposte concrete da sottoporre ai vari Governatori»
di Isabella Faggiano
Medicina di famiglia e prescrizione di farmaci antidiabetici, FIMMG: «Incontro in Aifa con fumata grigia»
L’obiettivo era quello di portare al direttore dell’Agenzia Italiana del Farmaco la preoccupazione per il permanere del divieto di far prescrivere ai medici di famiglia farmaci efficaci nel ridurre le complicanze della malattia diabetica e gli effetti collaterali dei farmaci prescrivibili
Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»
Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»
Medici di famiglia, Corti (Fimmg): «Siano affiancati da un collaboratore di studio»
Il vicesegretario nazionale della Federazione: «Ad oggi non ci sono le condizioni per sviluppare la figura dell’infermiere di famiglia». E sull’autonomia differenziata: «Non peggiori ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone