Formazione 21 Agosto 2018

MMG, il Ministro Grillo chiede a Regioni nuovi bandi e data concorso | ECCO LA LETTERA

Dopo l’aumento del numero di borse di studio sancito lo scorso primo agosto, la titolare del dicastero della Salute evidenzia la necessità di «rendere noto l’incremento dei posti messi a bando per evitare una esposizione ad eventuali contenziosi»

Immagine articolo

La prova di accesso al corso di formazione specifica in medicina generale, prevista per il prossimo 25 settembre, potrebbe essere spostata. Il ministro della Salute Giulia Grillo ha infatti chiesto alle Regioni di riaprire i bandi di concorso per l’accesso al corso di formazione specifica in medicina generale e di fissare una nuova data per lo svolgimento della prova. In una lettera indirizzata al presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Stefano Bonaccini, il Ministro spiega come la riapertura dei bandi sia necessaria a seguito dell’aumento del numero di borse di studio per il triennio 2018/2021: l’intesa raggiunta lo scorso primo agosto sul riparto delle quote vincolate per gli obiettivi di Piano anno 2018 ha permesso infatti di accantonare ulteriori 40 milioni di euro per il finanziamento di 860 borse di studio per il corso in medicina generale.

LEGGI QUI LA LETTERA

«In particolare – si legge nella lettera – è stato previsto che il riparto delle suddette risorse dovrà attuarsi, sulla base della quota d’accesso, nella prima riunione utile della Conferenza Stato-Regioni, autorizzando altresì l’immediato utilizzo dei fondi in questione, a partire dai corsi che inizieranno nel 2018».

LEGGI ANCHE: MMG, RIAPERTURA BANDO E NUOVA DATA CONCORSO. SNAMI: «L’INIZIO DELLA RINASCITA DELLA SANITÀ TERRITORIALE»

La riapertura dei bandi regionali si rende quindi necessaria «al fine di rendere noto l’incremento dei posti messi a bando e delle relative borse di studio, per evitare una esposizione ad eventuali contenziosi che potrebbero essere proposti da coloro che dovessero ritenere di aver perso la possibilità di partecipare al concorso stante l’aumento delle borse nelle singole Regioni».

LEGGI ANCHE: TRA RABBIA E SPERANZA, GLI ASPIRANTI SPECIALIZZANDI DOPO IL CONCORSO: «DOMANDE PIU’ DIFFICILI E TROPPO NOZIONISTICHE»

 

Articoli correlati
Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale
Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
La medicina generale: «Modelli organizzativi e procedure si adattino ai bisogni delle persone, non viceversa»
Nulla sarà come prima di Covid-19?  È il mantra speranzoso ma dubitante di questi mesi che noi medici ripetiamo con i nostri concittadini. Come se lo stress test di questi mesi debba produrre automaticamente cambiamenti immediati, radicali e irreversibili nel nostro sistema sanitario, nella Medicina Generale e nelle abitudini dei cittadini. In realtà, il Covid-19 […]
di SIMG, Società Italiana Medicina Generale
Scotti (FIMMG): «Migliorare la medicina territoriale con piccole limature senza snaturarne il DNA»
Il contributo di Silvestro Scotti, segretario della Federazione italiana medici di medicina generale
di Silvestro Scotti, Segretario generale FIMMG
SIMG lancia “Covid-Alert”, la rete dei medici di famiglia per monitorare i rischi della fase 2
Coinvolti 2 mila MMG che monitoreranno tre milioni di cittadini e comunicheranno istantaneamente le situazioni di pericolo contagio
MMG, Binetti (Udc-Forza Italia): «Tornino dipendenti del SSN. Ecco come potenziare la medicina territoriale»
La senatrice Paola Binetti, membro della Commissione Sanità, chiede più attenzione per malati rari e persone fragili: «Urgente implementare cure domiciliari». Poi rilancia la rete di servizi territoriali: «Occorrono gli infermieri di famiglia ma anche gli altri professionisti della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco