Formazione 25 ottobre 2018

ECM, Ruozi (AGENAS): «Sistema positivo, FAD grande opportunità ma attenzione alla qualità dei corsi»

«Il sistema ECM si sta sempre di più avvicinando alle realtà professionali portando all’interno degli organismi di governo il punto di vista dell’esperienza quotidiana dei professionisti. Questo è fondamentale per la qualità della formazione» così il coordinatore dell’Osservatorio Nazionale Formazione Continua

Immagine articolo

«Dalle nostre verifiche sul sistema della formazione ECM sono emerse informazioni confortanti per quanto riguarda l’aspetto della qualità formativa didattica. Il sistema ECM si sta dimostrando maturo: puntiamo sui grandi vantaggi che offre e conteniamo, il più possibile, le criticità». Nell’intervista a Sanità Informazione, Corrado Ruozi, Coordinatore dell’Osservatorio Nazionale per la Qualità della formazione continua in Agenas, fa una panoramica sulle attività in capo all’osservatorio che si occupa di controllare, monitorare e verificare la qualità delle attività formative compiute dai provider accreditati.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATO ALL’ECM

Dottor Ruozi, qual è il ruolo e quali sono le attività di questo periodo dell’Osservatorio Nazionale per la qualità della formazione continua in sanità?

«Noi abbiamo iniziato da circa un anno e mezzo a fare, come dire, dei carotaggi nel sistema della formazione ECM e in particolare a verificare se quanto dichiarato progettualmente effettivamente è ciò che i professionisti vivono all’interno dei contesti formativi. Le prime informazioni che abbiamo sono confortanti per quanto riguarda l’aspetto della qualità formativa didattica ma abbiamo rilevato condizioni critiche che riguardano soprattutto le architetture organizzative. Mi riferisco, in buona sostanza, al rispetto dei tempi, al rispetto dei relatori dichiarati e ad un controllo efficace delle presenze. Siamo in una fase in cui il sistema ECM sta dimostrando uno sviluppo di maturità del sistema nel tempo che ritengo molto confortante».

Ecco, come emerge dalla vostra analisi, si sta aprendo il doppio binario di una formazione ECM residenziale e a una formazione a distanza (FAD) che ha un grosso sviluppo.

«Tocca un nodo cruciale; abbiamo individuato alcuni aspetti critici sull’utilizzo di questa tipologia formativa che offre di fatto grandi opportunità per i professionisti anche se sappiamo bene che la formazione a distanza non esaurisce la formazione residenziale. La FAD è una tecnologia che sta, come dire, nella cassetta degli attrezzi dei formatori che esaurisce quella che è una formazione inappropriata che viene fatta nelle aule – per intenderci, quella centrata sulla trasmissione dell’informazione – rispetto alla quale la formazione a distanza offre grandi vantaggi. Tuttavia, dalle nostre prime esperienze di valutazione dei corsi – sono solo due mesi che abbiamo portato la nostra attenzione sulla FAD –  ci siamo resi conto che ci sono percorsi formativi a distanza che rilasciano tanti crediti, addirittura 50 crediti, che corrispondono al valore di un anno di attività formativa, esclusivamente scaricando un documento copia di slide in PDF e rispondendo ad un questionario di valutazione. In questo modo, il medico ha esaurito un anno di formazione. Ecco, è certo che questi sono gli aspetti critici della FAD ed il nostro lavoro è proprio quello di cercare di contenerli il più possibile».

LEGGI ANCHE: ECM E VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE MEDICHE: PIU’ SPAZIO ALLA PROFESSIONE. LAVALLE (AGENAS): «ECCO COME FUNZIONERÀ»

Per concludere, abbiamo esaminato gli aspetti critici che rimandano un po’ al vostro mandato, ma ci sono aspetti positivi che vi hanno sorpreso positivamente e come si può lavorare come osservatorio, insieme ai provider, per incentivare la qualità?

«Certamente, il sistema ECM si sta sempre di più avvicinando, diciamo, alle realtà professionali attraverso i suoi organismi di rappresentanza: la commissione, il comitato tecnico delle Regioni e anche lo stesso osservatorio, le cui componenti sono componenti professionali e hanno la capacità e possibilità di portare direttamente all’interno degli organismi di governo il punto di vista dell’esperienza quotidiana dei professionisti. Questo è fondamentale per la qualità della formazione. Non ultimo, come aggancio positivo del sistema, cito proprio la giornata di oggi che tocca un tema assolutamente cruciale e innovativo – grande onore all’Ordine dei medici e alla FNOMCeO di essere portatori di questa istanza –  la rivalidazione delle competenze del medico che di fatto significa che il modello ordinistico non rimane solo un sistema di aggregazione professionale, come alcuni critici dicono, di tipo corporativo ma diventa un sistema di garanzia delle qualità delle professioni così come in molte esperienze europee e non solo».

Articoli correlati
Agenas, De Lillo presidente ad interim dopo Coletto. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria sempre più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano