Formazione 25 Ottobre 2018

ECM, Ruozi (AGENAS): «Sistema positivo, FAD grande opportunità ma attenzione alla qualità dei corsi»

«Il sistema ECM si sta sempre di più avvicinando alle realtà professionali portando all’interno degli organismi di governo il punto di vista dell’esperienza quotidiana dei professionisti. Questo è fondamentale per la qualità della formazione» così il coordinatore dell’Osservatorio Nazionale Formazione Continua

Immagine articolo

«Dalle nostre verifiche sul sistema della formazione ECM sono emerse informazioni confortanti per quanto riguarda l’aspetto della qualità formativa didattica. Il sistema ECM si sta dimostrando maturo: puntiamo sui grandi vantaggi che offre e conteniamo, il più possibile, le criticità». Nell’intervista a Sanità Informazione, Corrado Ruozi, Coordinatore dell’Osservatorio Nazionale per la Qualità della formazione continua in Agenas, fa una panoramica sulle attività in capo all’osservatorio che si occupa di controllare, monitorare e verificare la qualità delle attività formative compiute dai provider accreditati.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATO ALL’ECM

Dottor Ruozi, qual è il ruolo e quali sono le attività di questo periodo dell’Osservatorio Nazionale per la qualità della formazione continua in sanità?

«Noi abbiamo iniziato da circa un anno e mezzo a fare, come dire, dei carotaggi nel sistema della formazione ECM e in particolare a verificare se quanto dichiarato progettualmente effettivamente è ciò che i professionisti vivono all’interno dei contesti formativi. Le prime informazioni che abbiamo sono confortanti per quanto riguarda l’aspetto della qualità formativa didattica ma abbiamo rilevato condizioni critiche che riguardano soprattutto le architetture organizzative. Mi riferisco, in buona sostanza, al rispetto dei tempi, al rispetto dei relatori dichiarati e ad un controllo efficace delle presenze. Siamo in una fase in cui il sistema ECM sta dimostrando uno sviluppo di maturità del sistema nel tempo che ritengo molto confortante».

Ecco, come emerge dalla vostra analisi, si sta aprendo il doppio binario di una formazione ECM residenziale e a una formazione a distanza (FAD) che ha un grosso sviluppo.

«Tocca un nodo cruciale; abbiamo individuato alcuni aspetti critici sull’utilizzo di questa tipologia formativa che offre di fatto grandi opportunità per i professionisti anche se sappiamo bene che la formazione a distanza non esaurisce la formazione residenziale. La FAD è una tecnologia che sta, come dire, nella cassetta degli attrezzi dei formatori che esaurisce quella che è una formazione inappropriata che viene fatta nelle aule – per intenderci, quella centrata sulla trasmissione dell’informazione – rispetto alla quale la formazione a distanza offre grandi vantaggi. Tuttavia, dalle nostre prime esperienze di valutazione dei corsi – sono solo due mesi che abbiamo portato la nostra attenzione sulla FAD –  ci siamo resi conto che ci sono percorsi formativi a distanza che rilasciano tanti crediti, addirittura 50 crediti, che corrispondono al valore di un anno di attività formativa, esclusivamente scaricando un documento copia di slide in PDF e rispondendo ad un questionario di valutazione. In questo modo, il medico ha esaurito un anno di formazione. Ecco, è certo che questi sono gli aspetti critici della FAD ed il nostro lavoro è proprio quello di cercare di contenerli il più possibile».

LEGGI ANCHE: ECM E VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE MEDICHE: PIU’ SPAZIO ALLA PROFESSIONE. LAVALLE (AGENAS): «ECCO COME FUNZIONERÀ»

Per concludere, abbiamo esaminato gli aspetti critici che rimandano un po’ al vostro mandato, ma ci sono aspetti positivi che vi hanno sorpreso positivamente e come si può lavorare come osservatorio, insieme ai provider, per incentivare la qualità?

«Certamente, il sistema ECM si sta sempre di più avvicinando, diciamo, alle realtà professionali attraverso i suoi organismi di rappresentanza: la commissione, il comitato tecnico delle Regioni e anche lo stesso osservatorio, le cui componenti sono componenti professionali e hanno la capacità e possibilità di portare direttamente all’interno degli organismi di governo il punto di vista dell’esperienza quotidiana dei professionisti. Questo è fondamentale per la qualità della formazione. Non ultimo, come aggancio positivo del sistema, cito proprio la giornata di oggi che tocca un tema assolutamente cruciale e innovativo – grande onore all’Ordine dei medici e alla FNOMCeO di essere portatori di questa istanza –  la rivalidazione delle competenze del medico che di fatto significa che il modello ordinistico non rimane solo un sistema di aggregazione professionale, come alcuni critici dicono, di tipo corporativo ma diventa un sistema di garanzia delle qualità delle professioni così come in molte esperienze europee e non solo».

Articoli correlati
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Tumori in aumento, dialogo medico-paziente alla base della cura
Le nuove diagnosi di cancro sono in aumento, complice l’allungamento dell’aspettativa di vita e uno stile di vita scorretto. Al medico il compito di creare un filo diretto con il paziente come parte della terapia
Milano, “Grazie di cuore”: il Niguarda festeggia i benefattori
Si dice “Milan col coeur in man” e non è solo un modo di dire: ogni anno, da anni, vengono donati dai privati alla Fondazione A. De Gasperis oltre 170mila euro per finanziare risonanze magnetiche, borse di studio e ferri chirurgici. Per festeggiare il cinquantesimo anniversario ma soprattutto i benefattori che lo hanno reso possibile, la […]
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Salute migranti, un corso ECM di FNOMCeO e Sanità di Frontiera OIS per curare le ferite invisibili
Il corso "Salute e migrazione: curare e prendersi cura” sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 a Roma, presso la sede della FNOMCeO
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone