Formazione 26 Maggio 2020

Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»

L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»

La sicurezza dei lavoratori è diventata di primaria importanza per qualsiasi tipologia di organizzazione. E nell’ambito della gestione dell’attuale emergenza sanitaria causata dall’epidemia di Covid-19, la tutela degli operatori sanitari – i soggetti più a rischio di contrarre la malattia perché a stretto contatto con i pazienti – è una priorità assoluta.

Per orientare gli addetti ai lavori verso una maggiore consapevolezza del fenomeno e sostenere la salvaguardia della loro salute, è nato il corso di formazione ECM “Covid-19 e la tutela dei lavoratori. Protocolli e procedure di sicurezza nelle strutture sanitarie”. È il secondo della collana ECM dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione, un progetto formativo in cui si affrontano in modo multidisciplinare e dinamico le diverse sfaccettature della malattia ed il suo impatto sulla professione.

«L’emergenza coronavirus è stato uno tsunami che ha colpito milioni di persone nel mondo e comportato la morte di centinaia di migliaia di persone – spiega al nostro giornale Giampiero Trasolini, ingegnere civile e ambientale e responsabile scientifico del corso Fad insieme a Emiliano Santacroce, medico chirurgo specialista in medicina del lavoro -. Alcune categorie di lavoratori sono state esposte più di altre al rischio di contrarre il Sars-CoV-2 da cui ha origine la pandemia Covid-19: parliamo degli operatori sanitari che prestano servizio in contesti sanitari in cui, così come è avvenuto in passato con l’epidemia Sars e Mers, è esponenzialmente più alta la probabilità di un’esposizione al rischio biologico diretto attraverso il contatto con pazienti e materiale infetti. Svolgendo attività professionali che comportano una maggiore possibilità di entrare in contatto con soggetti potenzialmente infetti – continua Trasolini – gli operatori sanitari hanno registrato in questi mesi di diffusione del virus un altissimo numero di contagi e vittime in tutta Italia e nella fattispecie nelle Regioni maggiormente colpite».

LEGGI ANCHE: COVID-19, COME È STATA AFFRONTATA LA PANDEMIA IN CINA? I MANUALI DI WUHAN DIVENTANO UN CORSO DI FORMAZIONE

Vittima del contagio non solo «il personale ospedaliero che opera nei dipartimenti di emergenza e accettazione e nei reparti di terapia intensiva e rianimazione», ma anche chi lavora «negli ambulatori, nei centri diagnostici e nelle strutture che forniscono altri servizi sanitari».

«Il lavoro del Governo è stato importante e difficilissimo – aggiunge Trasolini – e il lockdown ha sostanzialmente funzionato: la curva dei contagi ha rallentato in maniera importante, ma se così è stato, il merito è stato soprattutto di medici, infermieri, farmacisti e tutte quelle figure che ci hanno permesso di andare avanti in questo periodo. Gli eroi normali, la prima linea della guerra, la trincea contro il virus, l’argine contro il caos. Il mondo sanitario è fortemente complesso: il fattore umano fa da padrone – continua – e l’emergenza Covid ha sottolineato ancora di più le difficoltà che possono esserci nella gestione quotidiana degli ambienti di lavoro e dei rischi legati alle attività professionali dei nostri operatori sanitari. L’intento del corso – specifica l’ingegnere – è quello di fornire un’informazione sulle principali misure da attuare nel contesto sanitario per la gestione dell’emergenza Covid, ma ancor di più quello di sottolineare che di fronte a un’emergenza di natura nuova e per molti aspetti imprevedibile come quella contro il Covid i sistemi scelti per la prevenzione e tutela della salute devono essere il più possibile integrati tra loro così da interagire da un lato con la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, dall’altro con la valutazione e la gestione del rischio clinico e di tutte le altre forme di rischio correlate».

LEGGI ANCHE: MEDICI SENTINELLE ANTI-VIRUS, CONSULCESI LANCIA LA PRIMA COLLANA ECM SUL COVID-19

Come soggetti ad alto rischio di infezione, gli attori del sistema sanitario devono essere consapevoli e opportunamente formati: «Le strategie per prevenire la diffusione della pandemia di Covid-19 – evidenzia Trasolini – sono definite e costantemente aggiornate dalle principali organizzazioni sanitarie internazionali e nazionali. In base all’evoluzione della pandemia, queste organizzazioni forniscono specifiche procedure di controllo che vanno dalle misure di igiene ambientale ai controlli tecnici, fino ai corretti dpi da utilizzare e alle procedure di lavoro. In Italia il ministero della Salute con la circolare del 9 marzo 2020 ha adottato una serie di misure specifiche non solo per i lavoratori ma anche per i pazienti di strutture pubbliche, private, accreditate e per tutti i cittadini. È solo applicando in modo capillare e adeguato queste misure in tutte le tipologie delle strutture sanitarie che si può ambire concretamente a limitare la circolazione e trasmissione del Sars-CoV-2 e garantire l’efficienza dei servizi sanitari anche in situazioni di emergenza come quella che il nostro Paese sta attraversando» conclude.

Per difendersi dal virus l’arma in più per i professionisti sanitari, allora, è la formazione: «È importante conoscere il rischio specifico – aggiunge il dottor Emiliano Santacroce -. Fortunatamente noi in Italia abbiamo una normativa innovativa in relazione alla tutela della salute dei lavoratori, che durante l’emergenza ci è venuta incontro in maniera importante. Gli operatori sanitari, chiaramente, hanno lavorato in prima linea e sono stati facilmente raggiunti e colpiti dal virus – prosegue il dottor Santacroce -; ma la formazione è stata, è e sarà l’elemento più importante per la loro protezione. Conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%. Io devo dire che sotto l’aspetto normativo l’Italia è stata pronta, la sicurezza ha dovuto correre dietro a un virus nuovo. Secondo me si è agito bene nell’affrontare un’emergenza così rapida e inattesa ma, in ambito di sicurezza, sono sempre i dati quelli che dimostreranno se quello che abbiamo fatto è stato sufficiente, è sufficiente o sarà sufficiente» conclude il medico.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Anticorpi monoclonali, Andreano (Toscana Life Sciences): «A marzo possibile distribuzione negli ospedali»
Gli anticorpi monoclonali potrebbero farci uscire dalla pandemia. Ma cosa sono e come funzionano? Lo abbiamo chiesto a Emanuele Andreano, ricercatore presso la Fondazione Toscana Life Sciences
di Peter D'Angelo
Tamponi rapidi Covid, CIDEC: «Il ‘Decreto Ristori’ priva i laboratori di analisi della propria funzione»
Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità: «Nostra esclusione dal finanziamento aggiuntivo previsto dal Decreto danno per la salute dei cittadini e per il tracciamento dei contagi»
Von der Leyen annuncia le 8 misure della Commissione europea contro il Covid-19
Garantire informazioni chiare, test precisi e viaggi sicuri. Queste le regole su cui la Commissione europea punta per combattere il virus in seconda ondata pensando all'economia. Prorogata la sospensione dell'Iva sull'attrezzatura medica
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
Covid-19, Rostan (IV): «Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con lockdown. Garantire accesso a farmaci innovativi»
Nell'interrogazione al Ministro della Salute Speranza presentata da Michela Rostan (Iv) anche la richiesta di istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...