Formazione 4 Settembre 2020 17:30

Ai test di medicina con l’auricolare-spia. La denuncia dei candidati, Federico II conferma

L’episodio è stato verbalizzato ma al candidato è stato concesso di terminare la prova: «Non è stato colto in flagranza»

Università Federico II, Napoli. Giorno 3 settembre 2020. Test di ingresso alla Facoltà di Medicina. All’uscita, una ragazza, che ha chiesto di rimanere anonima, denuncia ai nostri microfoni la presenza, all’interno dell’aula B06, di un ragazzo con «le gambe coperte di scritte» (presumibilmente formule, appunti) e con «un auricolare nell’orecchio» che ha passato buona parte della prova a «parlare a bassa voce». L’episodio, notato da un gruppetto di circa dieci candidati, è stato subito segnalato ai supervisori che, però, avrebbero risposto: «Non possiamo fare nulla». Alle rimostranze dei ragazzi che si sentivano danneggiati da questo tipo di comportamento, il ragazzo avrebbe risposto: «Smettetela o vi faccio male».

Poco più in là, un signore, nonno di una delle candidate, parlando al telefono spiega che, a quanto gli è stato riferito, «un ragazzo è stato trovato con delle scritte sulle gambe e un “microchip” all’orecchio» e conferma la storia ai nostri microfoni. Le segnalazioni sono state raccolte anche dai consulenti Consulcesi, presenti proprio per monitorare il regolare svolgimento della prova e tutelare legalmente tutti i candidati che si reputino danneggiati da episodi simili.

L’auricolare di cui parlano gli intervistati potrebbe essere lo strumento di cui Sanità Informazione ha già parlato in passato: si tratta di un vero e proprio telefono nascosto, composto da una collana con una scatola per inserire una sim, un auricolare e un microfono. Il candidato in sede di test legge le domande a bassa voce e una persona, dall’altra parte, cerca le risposte e gliele comunica.

Interpellato da Sanità Informazione, l’ufficio stampa della Federico II effettua i dovuti controlli e conferma: «L’episodio in questione è stato verbalizzato, così come sono state verbalizzate, come da prassi, tutte le altre denunce da parte di candidati che ritenevano di aver assistito a irregolarità».

La “soffiata”, però, non basta, da sola, a determinare l’espulsione immediata di un candidato e l’annullamento del suo test: «È necessario che la persona che sta commettendo un’irregolarità venga colta in flagrante». Flagranza che, a quanto pare, in questo caso non c’è stata, in quanto la prova del candidato effettivamente non è stata annullata.

La denuncia verbalizzata, però, non è da considerare carta morta. Tornerà utile in base ai risultati raggiunti dal candidato che (stando appunto a quanto sollevato dagli altri studenti in sede di test) avrebbe imbrogliato: se questi non passa, problema risolto; se passa con un risultato molto elevato, si attueranno le verifiche necessarie.

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Medicina, sentenza storica: riammessi gli studenti con riserva
Il Consiglio di Stato dà ragione a Consulcesi: «Posti inferiori al fabbisogno»
Napoli, aggressioni Cardarelli. Rostan (Misto): «Subito qualifica pubblico ufficiale a personale sanitario contro impunità violenti»
«È giunto il momento di voltare pagina e offrire a tutti coloro che operano nel settore della sanità, strumenti efficaci per prevenire questi episodi e per garantire pene severe a chi li commette» sottolinea Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Mappato il microbioma di 60 centri urbani: «Un’arma per prevedere la diffusione di pandemie di origine batterica»
Lo studio condotto a livello globale e pubblicato sulla rivista Cell ha campionato le linee dei trasporti urbani. Prevista prossimamente mappatura a livello ospedaliero
Concorso Medici di Medicina Generale, in Lombardia si presentano in 750 per 174 posti
Tra i candidati prevale la convinzione che la medicina territoriale vada cambiata
di Federica Bosco
Tumore al seno, al Policlinico Federico II di Napoli l’innovativa tecnica anestesiologica senza intubazione
Il chirurgo della Breast Unit Tommaso Pellegrino e il dg Anna Iervolino: «L’eccellenza dei nostri percorsi diagnostico terapeutici porrà un freno alla migrazione sanitaria di medici e pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...