Formazione 4 Settembre 2020 17:30

Ai test di medicina con l’auricolare-spia. La denuncia dei candidati, Federico II conferma

L’episodio è stato verbalizzato ma al candidato è stato concesso di terminare la prova: «Non è stato colto in flagranza»

Università Federico II, Napoli. Giorno 3 settembre 2020. Test di ingresso alla Facoltà di Medicina. All’uscita, una ragazza, che ha chiesto di rimanere anonima, denuncia ai nostri microfoni la presenza, all’interno dell’aula B06, di un ragazzo con «le gambe coperte di scritte» (presumibilmente formule, appunti) e con «un auricolare nell’orecchio» che ha passato buona parte della prova a «parlare a bassa voce». L’episodio, notato da un gruppetto di circa dieci candidati, è stato subito segnalato ai supervisori che, però, avrebbero risposto: «Non possiamo fare nulla». Alle rimostranze dei ragazzi che si sentivano danneggiati da questo tipo di comportamento, il ragazzo avrebbe risposto: «Smettetela o vi faccio male».

Poco più in là, un signore, nonno di una delle candidate, parlando al telefono spiega che, a quanto gli è stato riferito, «un ragazzo è stato trovato con delle scritte sulle gambe e un “microchip” all’orecchio» e conferma la storia ai nostri microfoni. Le segnalazioni sono state raccolte anche dai consulenti Consulcesi, presenti proprio per monitorare il regolare svolgimento della prova e tutelare legalmente tutti i candidati che si reputino danneggiati da episodi simili.

L’auricolare di cui parlano gli intervistati potrebbe essere lo strumento di cui Sanità Informazione ha già parlato in passato: si tratta di un vero e proprio telefono nascosto, composto da una collana con una scatola per inserire una sim, un auricolare e un microfono. Il candidato in sede di test legge le domande a bassa voce e una persona, dall’altra parte, cerca le risposte e gliele comunica.

Interpellato da Sanità Informazione, l’ufficio stampa della Federico II effettua i dovuti controlli e conferma: «L’episodio in questione è stato verbalizzato, così come sono state verbalizzate, come da prassi, tutte le altre denunce da parte di candidati che ritenevano di aver assistito a irregolarità».

La “soffiata”, però, non basta, da sola, a determinare l’espulsione immediata di un candidato e l’annullamento del suo test: «È necessario che la persona che sta commettendo un’irregolarità venga colta in flagrante». Flagranza che, a quanto pare, in questo caso non c’è stata, in quanto la prova del candidato effettivamente non è stata annullata.

La denuncia verbalizzata, però, non è da considerare carta morta. Tornerà utile in base ai risultati raggiunti dal candidato che (stando appunto a quanto sollevato dagli altri studenti in sede di test) avrebbe imbrogliato: se questi non passa, problema risolto; se passa con un risultato molto elevato, si attueranno le verifiche necessarie.

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Anche il CNEL contro il “numero chiuso” a Medicina, al Senato proposta di legge su orientamento e accesso ai corsi
Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sottolinea: «L’attuale sistema di accesso alle cosiddette ‘Professioni mediche deve essere immediatamente abbandonato in favore di un sistema più rispettoso dei diritti costituzionali»
di Francesco Torre
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
Numero chiuso, Tortorella: «In futuro addio test? Ora pensiamo all’esercito degli esclusi»
«Sono contento che finalmente si prenda in considerazione seriamente la possibilità di cambiare le regole di un gioco tutt’altro che meritocratico»
Numero chiuso, Chiapparino (CNSU): «Un modello fortemente sbagliato che va rivisto. È problema politico»
«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso – ha dichiarato il presidente Cnsu - niente è stato previsto nel recovery plan per superare e abbattere il numero chiuso»
Violenza sulle donne, in Campania il “referto psicologico” entra nei percorsi rosa
L’intervista all’ideatrice Elvira Reale (Centro Dafne Cardarelli), autrice del libro “La violenza invisibile sulle donne. Il referto psicologico: linee guida e strumenti clinici”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano