Formazione 2 Settembre 2019

Auricolari-spia per superare il test: ecco come i “furbetti” vogliono superare il numero chiuso a Medicina

Il dispositivo costa 240 euro, è acquistabile in un normale negozio di elettronica e secondo il quotidiano La Repubblica, sta andando letteralmente a ruba soprattutto a Palermo e in altre città interessate all’esame di medicina. Lo sportello web Numerochiuso.info raccoglie le segnalazione e fornisce i consigli ai candidati per monitorare le irregolarità

Immagine articolo

Mancano poche ore al test di Medicina 2019 e gli studenti corrono ai ripari. C’è chi studia ma anche chi ha deciso di procurarsi un “aiutino” per superare la prova del prossimo 3 settembre e accedere alla ambita facoltà a numero chiuso di Medicina e Chirurgia. Si tratta di un vero e proprio telefono nascosto, composto da una collana con una scatola per inserire una sim, un auricolare e un microfono. Costa 240 euro, è acquistabile in un normale negozio di elettronica e secondo il quotidiano La Repubblica, sta andando letteralmente a ruba in molte città interessate dai test, soprattutto a Palermo.

«Ne vendiamo parecchie, circa un migliaio», rivela un negoziante del capoluogo siciliano a La Repubblica. «Si mette al collo. Sembra una collana caucciù, – spiega il commerciante non sapendo di essere registrato – non si vede. Tu lo metti dentro la maglietta e lo infili dentro». L’apparecchio sarebbe un modello evoluto, infatti rispetto alla precedente versione in commercio, il nuovo micro-auricolare non ha più bisogno di essere collegato tramite Bluetooth al proprio telefono.

LEGGI | «OGGI SONO UN MEDICO E PER ARRIVARE QUI HO SCONFITTO IL NUMERO CHIUSO E LA MALATTIA»

Naturalmente la novità tecnologica della ‘collana con scheda sim’ si affianca alle altre numerose irregolarità che ogni anno si manifestano il giorno del temuto test: dalla mancata schermatura delle aule alla violazione della segretezza dei test e dell’anonimato degli studenti, quesiti non originali, ecc… Eventualità che tutti gli anni danno adito a una valanga di ricorsi al TAR da parte degli studenti che resteranno esclusi. Per segnalare le difficoltà che si incontrano al momento dei test di ingresso e per avere tutti i chiarimenti giuridici e legali sull’argomento, prima e dopo l’esame, per gli studenti è a disposizione lo sportello di consulenza online www.numerochiuso.info che aiuta le future matricole a vincere la paura del test e a mettersi in guardia dai “furbetti”.

LEGGI | ADN-KRONOS: RICORSO LEGALE CONTRO IL NUMERO CHIUSO, CI PENSA CONSULCESI

Con la collanina tecnologica lo studente potrà quindi essere in collegamento telefonico con un suggeritore per tutta la durata del test. Tuttavia, a quanto si apprende dal giornale web Open, l’Università di Palermo è corsa ai ripari. «In seguito a segnalazioni ricevute e alla diffusione mediatica della notizia sull’esistenza e il commercio di dispositivi elettronici – si legge in una nota – wireless che consentirebbero di comunicare fraudolentemente all’esterno in occasione delle prove di selezione per i test di accesso ai corsi di studio della scuola di Medicina e Chirurgia, che si terranno martedì 3 settembre al Campus Universitario di Viale delle Scienze, l’Università degli Studi di Palermo rende noto di avere presentato un esposto alla Polizia di Stato – Squadra Mobile di Palermo ai fini dell’accertamento e della prevenzione delle eventuali ipotesi di reato. È stata inoltre potenziata la vigilanza interna affinché i test si svolgano nella più completa sicurezza e nel pieno rispetto del merito e dell’impegno che centinaia di ragazze e ragazzi mettono nello studio e nella preparazione delle prove».

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Autonomia, il ministro Boccia: «Testo in pre-consiglio. Non inciderà sul Patto per la Salute»
Ad annunciarlo il ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia ospite del convegno “Sanità e autonomia speciale in Sicilia” tenutosi a Palermo
ECM, lettera Omceo Palermo. Toti Amato: «Completare crediti per evitare sanzioni»
Il presidente dell'Ordine dei medici, Toti Amato, sollecita tutti gli iscritti della provincia di Palermo a rispettare le direttive diffuse dalla Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei medici-chirurghi e odontoiatri), che ha attivato un Dossier formativo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...