Giovani 29 Agosto 2019

«Oggi sono un medico e per arrivare qui ho sconfitto il numero chiuso e la malattia»

La storia di Marco Mezzelani, che è diventato medico a 36 anni: «So bene che ci vuole fegato e pelo sullo stomaco per intraprendere la carriera del medico, ma farò tutto il possibile per aiutare i miei futuri pazienti»

di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti

Marco Mezzelani ha 36 anni quando pronuncia il giuramento di Ippocrate. Nelle mani stringe la pergamena che testimonia che è finalmente diventato medico. Ascolta l’inno di Mameli, segue attento gli interventi che si susseguono nel corso della cerimonia con cui l’Ordine dei Medici di Roma accoglie 600 nuovi camici bianchi come lui. Ripensa a tutta la strada fatta per arrivare alla laurea, e il suo volto si colora di orgoglio e commozione. «Forse sono il più emozionato dei colleghi, perché il mio percorso è stato un po’ più difficile…».

LEGGI ANCHE: COME SUPERARE IL TEST DI MEDICINA ED EVITARE IRREGOLARITÀ: I CONSIGLI DI CHI CE L’HA FATTA

All’inizio è stato il test di ingresso alla facoltà di Medicina a sbarrargli la strada, il famigerato “numero chiuso”: «Non sono riuscito ad entrare al primo tentativo – racconta Marco –. Il quiz era complicato, anche perché la scuola superiore non prepara a questo tipo di esame. E poi spesso non basta studiare e conoscere gli argomenti per superarlo. Bisogna saper gestire il tempo ed avere un’impostazione che consenta di affrontare il test nel migliore dei modi».

Il sogno di Marco di diventare medico, «semplicemente perché voglio aiutare gli altri, anche se sembrerà banale», non rimane però nel cassetto. Tra chi non supera il test, ci sono ragazzi che si arrendono e scelgono altre strade; alcuni, spesso vittima delle tante incongruenze burocratiche o formali a cui è soggetto questo discusso esame, superano l’ostacolo del numero chiuso presentando ricorso alla giustizia amministrativa che, proprio qualche settimana fa, ha riammesso alle facoltà di Medicina cento studenti. Proprio per segnalare queste problematiche e per avere tutti i chiarimenti giuridici e legali sul tema, prima e dopo l’esame, per gli studenti sono sempre presenti sindacati, associazioni studentesche e sportelli di consulenza on line come www.numerochiuso.info che da sempre aiutano le “matricole” a vincere la paura del test.

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA: DALL’ANSIOSO AL TEMERARIO, ECCO LA DIETA PER ARRIVARE IN FORMA ALLA PROVA

Poi c’è chi si iscrive ad un’altra facoltà scientifica e, sfruttando il meccanismo previsto dall’ex articolo 6, segue lezioni e dà esami che consentono di non perdere l’anno e di presentarsi al test dell’anno seguente con una preparazione migliore. Marco si iscrive a Biologia, e l’anno successivo supera il test d’ingresso «ad occhi chiusi».

C’era ancora un ostacolo, però, sulla sua strada. Non previsto, né prevenibile: la malattia. Qualcosa che un giovane studente di medicina si prepara ad affrontare, ma che di solito sta dall’altra parte della barricata. «Ho avuto dei problemi di salute che mi hanno rallentato – racconta Marco –. Anche per questo sono un po’ più anzianotto rispetto alla media degli studenti di Medicina. È stato sicuramente il momento più difficile che ho dovuto affrontare mentre frequentavo l’università, ma non mi sono perso d’animo, e alla fine sono arrivato qui».

«Ecco perché sono particolarmente contento e orgoglioso di quello che, nonostante tutto, sono riuscito a portare a termine – continua Marco –. È la strada che ho scelto. So bene che ci vuole fegato e pelo sullo stomaco per intraprendere la carriera del medico, ma farò tutto il possibile per aiutare i miei futuri pazienti».

In realtà Marco ha già iniziato a lavorare e a prendersi cura dei primi malati facendo sostituzioni e guardie mediche. Quando lo incontriamo, ancora non sa se è riuscito ad entrare ad una scuola di specializzazione, ma l’ottimismo non lo abbandona: «Credo che si riesca a lavorare anche senza specializzazione. Sarà che adesso sono talmente felice di essere riuscito a diventare medico. Ma per ora vedo il mio bicchiere decisamente mezzo pieno. Cin cin…».

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...