Contributi e Opinioni 17 Settembre 2020

«L’importanza del tecnico sanitario di radiologia medica nella lotta al Covid-19»

di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Gennaio 2020 è il periodo in cui tutto prende vita, la Cina annuncia che ha identificato un nuovo virus come la SARS, facente parte della famiglia del coronavirus, Covid-19.
È il 31 Gennaio del 2020, periodo in cui il Presidente del Consiglio annuncia i primi due casi di contagio riscontrati in Italia.

Gennaio 2020, una data da ricordare, una data che ha segnato la rapida ascesa della Sanità sia Pubblica che Privata, una data in cui gli “eroi” così definiti dalla persone, aprono i loro camici e sulla pelle compare un segno indelebile, quello dei TSRM.

Si è parlato e si parla spesso della situazione Covid in Italia, di tutti i professionisti sanitari che si trovano a fronteggiare situazioni di Emergenza, circostanze in cui si rischia il tutto per tutto.

Si è parlato poco però della categoria professionale dei tecnici sanitari di radiologia medica, professionisti che operano in prima linea, persone prima di tutto, che lavorano a diretto contatto con pazienti affetti da Covid-19, eseguendo esami di prima istanza come le Radiografie, la Tomografia computerizzata, ma senza dimenticare Radioterapia, Medicina Nucleare, Risonanza Magnetica, RX Domiciliare.

Sono professionisti che lavorano sia in prima linea, sia nelle retrovie, danno il cuore rischiando di contagiarsi ed essere loro stessi veicolo del virus.

Una categoria professionale di notevole importanza, che lavora a stretto e diretto contatto con professionisti di tutti i reparti sia della Sanità Pubblica che quella Privata. I Tecnici Sanitari di Radiologia Medica utilizzano apparecchiature molto sofisticate, si trovano a fronteggiare situazioni molto complicate a seconda del reparto di appartenenza. È una categoria professionale in via di evoluzione.

Come ho accennato in precedenza sono schierati in prima linea nella lotta al Covid. Infatti la Radiografia del torace, sia per la sanità privata, che per quella pubblica (pronto soccorso, RX a letto nei reparti) rappresenta l’esame più eseguito per l’identificazione di focolai da Covid 19.

È proprio in questa circostanza che viene fuori la notevole importanza di questa categoria professionale, esposta a rischi molto elevati ma protetta da dispositivi di protezione individuali forniti dall’azienda sia Pubblica che Privata. Situazione in cui ti trovi a tu per tu con pazienti affetti da Covid-19 e devi prestare la massima attenzione.

La Radiografia del torace pone il TSRM a diretto contatto con il paziente, infatti il professionista deve istruire il paziente sulla metodica d’esame, deve posizionarlo per eseguire l’indagine e deve eseguire l’esame. Tutto diventa molto difficile per pazienti allettati come nelle terapie intensive, dove il TSRM deve eseguire RX del torace a letto, trovandosi a fronteggiare delle situazioni molto difficili.

Un altro esame di notevole importanza per l’identificazione di focolai da Covid-19 è la Tomografia Computerizzata, un’indagine diagnostica che attraverso piccole fette del nostro corpo riesce a fornire informazioni determinanti per l’identificazione di questa influenza. Anche la TC come la radiografia pone l’operatore sanitario a diretto contatto con il paziente, e quindi lo espone a possibile rischi, seppur ben protetto da tutti i dispositivi di protezione forniti dall’azienda.

Sono indagini diagnostiche di estrema importanza e il TSRM è il professionista che determina, attraverso questi esami, validi supporti di aiuto a tutte le figure mediche che dovranno poi fare una diagnosi appropriata.

Il Tecnico di Radiologia è un punto cardine di tutto il comparto della diagnostica per immagini e per tutte le figure mediche e paramediche coinvolte, in quanto si trova a stretto contatto con il paziente, preparandolo per la metodica d’indagine ed eseguendo l’esame stesso nella maniera più appropriata.

Il TSRM è una figura versatile, si adatta a tutte le circostanze, lavora in diversi settori della diagnostica per immagini, affianca tutti i professionisti medici e paramedici, svolge un ruolo determinante come accennato in precedenza nella lotta al Covid-19.

Dietro ogni referto del medico Radiologo c’è il lavoro svolto nelle retrovie dal TSRM. Il Tecnico di Radiologia è dunque una colonna portante della sanità sia Pubblica che Privata, una figura di estremo valore morale e professionale, è un professionista invisibile, ma fondamentale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
TSRM, verso il voto per la CdA nazionale. La lista “Progresso” lancia cinque punti per lo sviluppo della professione dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica
Il 26-27-28 settembre si svolgeranno le elezioni per le Commissioni d’Albo nazionali delle 19 professioni afferenti all’Ordine TSRM e PSTRP. La Lista di TSRM “Progresso” ha lanciato un percorso partecipativo e mette al centro la valorizzazione delle professione e la formazione
TSRM e radioprotezione, varato il D.Lgs. 101 sulle norme fondamentali di sicurezza. FNO TSRM e PSTRP: «Figura ne esce rafforzata»
La nuova normativa inerente i principi generali di radioprotezione, nella sezione che riguarda le esposizioni mediche, supera il paradigma pre legge 42/99 che aveva fortemente caratterizzato il decreto legislativo 187/2000, verso il nuovo modello organizzativo fondato sul lavoro d’équipe, la competenza dei professionisti, il rispetto delle autonomie, l’interdisciplinarità, le procedure, i protocolli (algoritmi decisionali)
«Ecco perché la radiologia domiciliare può rappresentare un’arma in più contro il Covid-19»
Più territorio e meno ospedale. È uno degli slogan più gettonati nel corso di questa coda della pandemia da Covid-19: l’emergenza ha infatti messo sotto stress il Sistema sanitario nazionale e premiato quelle regioni che hanno puntato sulla medicina di territorio. Ora però dagli slogan è necessario passare ai fatti, considerando anche il possibile arrivo […]
di Andrea Lenza, Presidente CdA TSRM Roma e Provincia
Giornata mondiale della Radiologia, i tecnici: «Il nostro contributo per la sicurezza dei pazienti»
In occasione della Giornata mondiale della radiologia, l’International Society of Radiographers and Radiological Technologists (ISRRT) ha realizzato una pubblicazione alla cui stesura  hanno partecipato i TSRM Roberta Gerasia (ISMETT di Palermo) e e Matteo Migliorini 
Professioni sanitarie, Bortone (CONAPS): «Pronti a collaborare per elezioni Commissioni d’Albo. All’orizzonte c’è sfida culturale»
Il presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni professioni sanitarie sottolinea: «Molti detrattori pronosticavano un insuccesso di questa casa comune, invece abbiamo vinto sfida». Poi aggiunge: «Attendiamo ancora un decreto ministeriale che rappresenta la composizione della Commissione nazionale degli Albi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...