Contributi e Opinioni 17 Settembre 2020 12:33

«L’importanza del tecnico sanitario di radiologia medica nella lotta al Covid-19»

di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Gennaio 2020 è il periodo in cui tutto prende vita, la Cina annuncia che ha identificato un nuovo virus come la SARS, facente parte della famiglia del coronavirus, Covid-19.
È il 31 Gennaio del 2020, periodo in cui il Presidente del Consiglio annuncia i primi due casi di contagio riscontrati in Italia.

Gennaio 2020, una data da ricordare, una data che ha segnato la rapida ascesa della Sanità sia Pubblica che Privata, una data in cui gli “eroi” così definiti dalla persone, aprono i loro camici e sulla pelle compare un segno indelebile, quello dei TSRM.

Si è parlato e si parla spesso della situazione Covid in Italia, di tutti i professionisti sanitari che si trovano a fronteggiare situazioni di Emergenza, circostanze in cui si rischia il tutto per tutto.

Si è parlato poco però della categoria professionale dei tecnici sanitari di radiologia medica, professionisti che operano in prima linea, persone prima di tutto, che lavorano a diretto contatto con pazienti affetti da Covid-19, eseguendo esami di prima istanza come le Radiografie, la Tomografia computerizzata, ma senza dimenticare Radioterapia, Medicina Nucleare, Risonanza Magnetica, RX Domiciliare.

Sono professionisti che lavorano sia in prima linea, sia nelle retrovie, danno il cuore rischiando di contagiarsi ed essere loro stessi veicolo del virus.

Una categoria professionale di notevole importanza, che lavora a stretto e diretto contatto con professionisti di tutti i reparti sia della Sanità Pubblica che quella Privata. I Tecnici Sanitari di Radiologia Medica utilizzano apparecchiature molto sofisticate, si trovano a fronteggiare situazioni molto complicate a seconda del reparto di appartenenza. È una categoria professionale in via di evoluzione.

Come ho accennato in precedenza sono schierati in prima linea nella lotta al Covid. Infatti la Radiografia del torace, sia per la sanità privata, che per quella pubblica (pronto soccorso, RX a letto nei reparti) rappresenta l’esame più eseguito per l’identificazione di focolai da Covid 19.

È proprio in questa circostanza che viene fuori la notevole importanza di questa categoria professionale, esposta a rischi molto elevati ma protetta da dispositivi di protezione individuali forniti dall’azienda sia Pubblica che Privata. Situazione in cui ti trovi a tu per tu con pazienti affetti da Covid-19 e devi prestare la massima attenzione.

La Radiografia del torace pone il TSRM a diretto contatto con il paziente, infatti il professionista deve istruire il paziente sulla metodica d’esame, deve posizionarlo per eseguire l’indagine e deve eseguire l’esame. Tutto diventa molto difficile per pazienti allettati come nelle terapie intensive, dove il TSRM deve eseguire RX del torace a letto, trovandosi a fronteggiare delle situazioni molto difficili.

Un altro esame di notevole importanza per l’identificazione di focolai da Covid-19 è la Tomografia Computerizzata, un’indagine diagnostica che attraverso piccole fette del nostro corpo riesce a fornire informazioni determinanti per l’identificazione di questa influenza. Anche la TC come la radiografia pone l’operatore sanitario a diretto contatto con il paziente, e quindi lo espone a possibile rischi, seppur ben protetto da tutti i dispositivi di protezione forniti dall’azienda.

Sono indagini diagnostiche di estrema importanza e il TSRM è il professionista che determina, attraverso questi esami, validi supporti di aiuto a tutte le figure mediche che dovranno poi fare una diagnosi appropriata.

Il Tecnico di Radiologia è un punto cardine di tutto il comparto della diagnostica per immagini e per tutte le figure mediche e paramediche coinvolte, in quanto si trova a stretto contatto con il paziente, preparandolo per la metodica d’indagine ed eseguendo l’esame stesso nella maniera più appropriata.

Il TSRM è una figura versatile, si adatta a tutte le circostanze, lavora in diversi settori della diagnostica per immagini, affianca tutti i professionisti medici e paramedici, svolge un ruolo determinante come accennato in precedenza nella lotta al Covid-19.

Dietro ogni referto del medico Radiologo c’è il lavoro svolto nelle retrovie dal TSRM. Il Tecnico di Radiologia è dunque una colonna portante della sanità sia Pubblica che Privata, una figura di estremo valore morale e professionale, è un professionista invisibile, ma fondamentale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Radioprotezione e lavoro di équipe, i TSRM del Lazio a convegno rilanciano le parole chiave della professione
Il presidente della commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica di Roma e Provincia Andrea Lenza ha aperto il convegno: «Il diritto alla salute deve essere garantito e preservato attraverso un importante lavoro multidisciplinare di équipe». Presente anche il Presidente della commissione Sanità della Regione Lazio Rodolfo Lena e la presidente della Cda dei TSRM Carmela Galdieri
50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame
Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale
Orlacchio (Sirm): «Il futuro della radiologia si basa sul connubio tra diagnostica e interventistica»
Il Congresso Nazionale della Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica è la manifestazione più importante della associazione in cui i Radiologi si incontrano, si confrontano, si aggiornano scientificamente e sulle novità della tecnologia. Inizierà il 6 ottobre a Roma
di Redazione
Asl Roma 4, in un mese eseguite 16 prestazioni di radiologia mobile
Turci (Direzione del Dipartimento Aziendale delle Professioni Sanitarie e Sociali): «Con questo servizio diminuiamo gli accessi in ospedali di pazienti fragili»
Radiologia domiciliare e rinnovo delle apparecchiature diagnostiche, TSRM protagonisti della sanità del futuro
Parla Carmela Galdieri, presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Radiologia Medica: «Rimodernare il parco macchine all’interno delle aziende permetterebbe di ottenere dei risultati migliori sia per l’esame stesso che per la riduzione della dose di esposizione dalle apparecchiature che utilizzano radiazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa