Salute 6 Ottobre 2022 18:34

50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame

Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale

La fusione tra due o più apparecchiature di diagnostica per immagini è una delle ultime frontiere della radiologia medica. «Si chiama imaging ibrido – spiega Andrea Giovagnoni, Presidente Eletto SIRM, la Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica -. E la sua innovazione è rcchiusa nel significato del termine “ibrido”, ovvero l’unione di diverse tecnologie in unica ed innovativa macchina».

Il 50° Congresso Nazionale SIRM

Le nuove applicazione della diagnostica per immagini, con l’intelligenza artificiale e la radiologia interventistica, sono al centro del nostro del 50° Congresso Nazionale della SIRM, in corso al “Roma Convention Center – La Nuvola”, dal 6 all’8 ottobre. «La Rm-Pet – continua Giovagnoni – è un ottimo esempio di imaging ibrido: si tratta di una tra le tecnologie più avanzate, capace di fondere medicina nucleare e radiologia in un’unica macchina. Utilizzandola si otterranno, con una sola indagine, i vantaggi e i risultati che normalmente si avrebbero sottoponendo il paziente a due diversi esami diagnostici». Ma i benefici delle nuove tecnologie non finiscono qui. «Queste apparecchiature di ultima generazione consentono non solo di ridurre il  numero di esami a cui deve sottoporsi un singolo paziente, ma anche la quantità di radiazioni a cui lo si espone». Tutti questi vantaggi non riguardano solo l’ambito diagnostico: la radiologia medica, infatti, con le sue innovazioni tecnologiche, arriva fin dentro le sale operatorie: «Esistono delle sale ibride in cui convivono diagnostica interventistica e chirurgia: il paziente è al centro della stanza e le diverse equipe si muovono intorno a lui, senza trasportarlo da una parte all’altra», aggiunge il Presidente Eletto SIRM.

La casistica ragionata

Diagnostica ed interventistica sono, dunque, strettamente correlate nella pratica della professione. «E il loro connubio (quello tra diagnostica ed interventistica, ndr) è al centro del nostro Congresso», sottolinea Antonio Orlacchio, Presidente del Congresso Sirm. L’appuntamento con la radiologia medica prevede tre giorni di laboratori, tavole rotonde, formazione simulata, ma anche esercitazioni di casistica ragionata: «Presenteremo alcuni casi clinici, cosicché i colleghi possano misurare la propria esperienza nel fare diagnosi. Verrà fatta una valutazione preliminare e, poi, un’altra al termine delle giornate congressuali, per valutare il livello di apprendimento raggiunto», dice Orlacchio. Il medico radiologo, più di qualunque altro specialista, ha a che fare con le più svariate malattie: «Dobbiamo essere in grado di riconoscere le diverse patologie, ma ogni radiologo è, poi, specializzato in alcune. Tanto che, in caso di necessità – dice Orlacchio -, ci supportiamo a vicenda attraverso il teleconsulto. Siamo abituati a lavorare in equipe e quindi la multidisciplinarietà è il requisito base di ogni nostra attività».

Le tavole rotonde

Oltre ai 22 slot di Casistica Ragionata interattiva con televoter (body, neuro, interventistica), ai 36 percorsi di simulazione di Radiologia Interventistica, 31 Laboratori in Diagnostica per Immagini, 22 di Radiologia Interventistica, sono previste molte tavole rotonde. «Prenderò personalmente parte a due di queste, sulle quali ho investito molto – dice Vittorio Miele, presidente SIRM -. La prima sarà presentata da SIRM con il Censis. Insieme abbiamo condotto un’indagine per capire qual è la percezione del ruolo del radiologo nella popolazione. Abbiamo ottenuto risultati molto interessanti che utilizzeremo per migliorare il rapporto e la comunicazione tra radiologi e pazienti. L’altra tavola rotonda, in cui sono coinvolto in prima persona, è incentrata sulla responsabilità amministrativo-contabile:  parteciperanno il Procuratore Aggiunto della Corte dei Conti, il dottor Tommaso Miele, il direttore di struttura complessa di Radiologia del Lazio, il dottor Scevola e il direttore generale dell’Asl Roma3, la dottoressa Francesca Milito. È un appuntamento davvero importante, poiché la responsabilità contabile, soprattutto per chi ha compiti di responsabilità gestionale è diventato un argomento di grande attenzione. Approfondiremo tutti gli aspetti relativi alle responsabilità sia di un direttore di struttura di radiologia, quindi di un primario radiologo, che di un direttore generale di un’azienda pubblica».

Il ruolo delle donne

Una tavola rotonda sarà dedicata anche alle donne radiologo: «Le donne nella nostra Società scientifica e le donne radiologo in generale sono in aumento, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 25 e 55 anni – commenta Nicoletta Gandolfo, Coordinatore della Commissione Donne Radiologo SIRM e moderatrice della tavola rotonda -. Le donne radiologo rappresentano ormai oltre il 50% dell’intera categoria professionale. Per questo, è fondamentale fermarsi a riflettere sul ruolo che hanno non solo all’interno della nostra Società scientifica, ma anche nel mondo accademico ed ospedaliero. In occasione di questa tavola rotonda – conclude Gandolfo – intendiamo porre le basi per un cambiamento che possa offrire a tutte le donne gli strumenti utili alla conciliazione delle esigenze familiari, lavorative ed affettive».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa