Salute 6 Ottobre 2022 18:34

50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame

Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale

La fusione tra due o più apparecchiature di diagnostica per immagini è una delle ultime frontiere della radiologia medica. «Si chiama imaging ibrido – spiega Andrea Giovagnoni, Presidente Eletto SIRM, la Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica -. E la sua innovazione è rcchiusa nel significato del termine “ibrido”, ovvero l’unione di diverse tecnologie in unica ed innovativa macchina».

Il 50° Congresso Nazionale SIRM

Le nuove applicazione della diagnostica per immagini, con l’intelligenza artificiale e la radiologia interventistica, sono al centro del nostro del 50° Congresso Nazionale della SIRM, in corso al “Roma Convention Center – La Nuvola”, dal 6 all’8 ottobre. «La Rm-Pet – continua Giovagnoni – è un ottimo esempio di imaging ibrido: si tratta di una tra le tecnologie più avanzate, capace di fondere medicina nucleare e radiologia in un’unica macchina. Utilizzandola si otterranno, con una sola indagine, i vantaggi e i risultati che normalmente si avrebbero sottoponendo il paziente a due diversi esami diagnostici». Ma i benefici delle nuove tecnologie non finiscono qui. «Queste apparecchiature di ultima generazione consentono non solo di ridurre il  numero di esami a cui deve sottoporsi un singolo paziente, ma anche la quantità di radiazioni a cui lo si espone». Tutti questi vantaggi non riguardano solo l’ambito diagnostico: la radiologia medica, infatti, con le sue innovazioni tecnologiche, arriva fin dentro le sale operatorie: «Esistono delle sale ibride in cui convivono diagnostica interventistica e chirurgia: il paziente è al centro della stanza e le diverse equipe si muovono intorno a lui, senza trasportarlo da una parte all’altra», aggiunge il Presidente Eletto SIRM.

La casistica ragionata

Diagnostica ed interventistica sono, dunque, strettamente correlate nella pratica della professione. «E il loro connubio (quello tra diagnostica ed interventistica, ndr) è al centro del nostro Congresso», sottolinea Antonio Orlacchio, Presidente del Congresso Sirm. L’appuntamento con la radiologia medica prevede tre giorni di laboratori, tavole rotonde, formazione simulata, ma anche esercitazioni di casistica ragionata: «Presenteremo alcuni casi clinici, cosicché i colleghi possano misurare la propria esperienza nel fare diagnosi. Verrà fatta una valutazione preliminare e, poi, un’altra al termine delle giornate congressuali, per valutare il livello di apprendimento raggiunto», dice Orlacchio. Il medico radiologo, più di qualunque altro specialista, ha a che fare con le più svariate malattie: «Dobbiamo essere in grado di riconoscere le diverse patologie, ma ogni radiologo è, poi, specializzato in alcune. Tanto che, in caso di necessità – dice Orlacchio -, ci supportiamo a vicenda attraverso il teleconsulto. Siamo abituati a lavorare in equipe e quindi la multidisciplinarietà è il requisito base di ogni nostra attività».

Le tavole rotonde

Oltre ai 22 slot di Casistica Ragionata interattiva con televoter (body, neuro, interventistica), ai 36 percorsi di simulazione di Radiologia Interventistica, 31 Laboratori in Diagnostica per Immagini, 22 di Radiologia Interventistica, sono previste molte tavole rotonde. «Prenderò personalmente parte a due di queste, sulle quali ho investito molto – dice Vittorio Miele, presidente SIRM -. La prima sarà presentata da SIRM con il Censis. Insieme abbiamo condotto un’indagine per capire qual è la percezione del ruolo del radiologo nella popolazione. Abbiamo ottenuto risultati molto interessanti che utilizzeremo per migliorare il rapporto e la comunicazione tra radiologi e pazienti. L’altra tavola rotonda, in cui sono coinvolto in prima persona, è incentrata sulla responsabilità amministrativo-contabile:  parteciperanno il Procuratore Aggiunto della Corte dei Conti, il dottor Tommaso Miele, il direttore di struttura complessa di Radiologia del Lazio, il dottor Scevola e il direttore generale dell’Asl Roma3, la dottoressa Francesca Milito. È un appuntamento davvero importante, poiché la responsabilità contabile, soprattutto per chi ha compiti di responsabilità gestionale è diventato un argomento di grande attenzione. Approfondiremo tutti gli aspetti relativi alle responsabilità sia di un direttore di struttura di radiologia, quindi di un primario radiologo, che di un direttore generale di un’azienda pubblica».

Il ruolo delle donne

Una tavola rotonda sarà dedicata anche alle donne radiologo: «Le donne nella nostra Società scientifica e le donne radiologo in generale sono in aumento, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 25 e 55 anni – commenta Nicoletta Gandolfo, Coordinatore della Commissione Donne Radiologo SIRM e moderatrice della tavola rotonda -. Le donne radiologo rappresentano ormai oltre il 50% dell’intera categoria professionale. Per questo, è fondamentale fermarsi a riflettere sul ruolo che hanno non solo all’interno della nostra Società scientifica, ma anche nel mondo accademico ed ospedaliero. In occasione di questa tavola rotonda – conclude Gandolfo – intendiamo porre le basi per un cambiamento che possa offrire a tutte le donne gli strumenti utili alla conciliazione delle esigenze familiari, lavorative ed affettive».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...