Professioni Sanitarie 10 Settembre 2020 13:08

Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»

Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti

Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»

«La pandemia ha avuto impatti significativi anche sulla formazione dei nostri bambini e ragazzi, precludendogli per lunghi mesi la possibilità di frequentare le strutture scolastiche e universitarie», a parlare è la FNO TSRM-PSTRP (Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche). «In previsione dell’inizio dell’anno scolastico – continua – nelle ultime settimane il tema della riapertura sicura delle scuole è stato una condivisibile priorità. Malgrado le oggettive difficoltà, il Governo e i Ministeri competenti hanno consentito la ripresa delle lezioni, che culminerà fra pochi giorni riportando più di 8 milioni di bambini e ragazzi nelle aule del nostro Paese. Tra le iniziative meno eclatanti ma di grande utilità, non solo sanitaria, la garanzia di una mascherina chirurgica al giorno per alunno, affinché il loro approvvigionamento non debba essere a carico delle famiglie e non possa in alcun modo configurarsi come elemento che crea distinzioni tra gli studenti».

ISTRUZIONE E SANITÀ

«Istruzione e Sanità sono due pilastri portanti del nostro Stato sociale; la pandemia ha reso evidente la necessità di potenziarli, migliorandone l’integrazione. Proprio per garantire la ripresa in sicurezza delle attività scolastiche, durante i mesi estivi si sono succedute una serie di proposte, a nostro giudizio tutte prive dell’ingrediente indispensabile a renderle pienamente efficaci: la prospettiva inter-professionale, senza la quale nessun intervento sanitario può soddisfare bisogni complessi, compresi quelli espressi dalla scuola», spiega la Federazione.

«Riteniamo, pertanto, utile riproporre un suggerimento molto caro alla nostra Federazione: progettare insieme, tenendo in considerazione tutti, con lo sguardo rivolto oltre l’emergenza. Il tema della sicurezza sanitaria nella scuola non deve essere limitato alle necessità dettate dall’attuale situazione; le soluzioni adottate dovranno essere tali da poter fronteggiare l’immediato e, al tempo stesso, prevedere ciò di cui gli studenti avranno bisogno quando l’emergenza sarà terminata».

NON SOLO MEDICI, MA TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

«Alla luce di queste premesse è evidente che l’Infermiere o il Medico scolastico non possano essere considerati la soluzione, come non potrebbe esserla qualsivoglia altra figura si proponga o venga pensata in tal modo. Sia il primo che il secondo sono una parte della soluzione, certamente utili, ma non sufficienti, perché non è possibile ricondurre la gestione della complessità dei bisogni sanitari a una o poche professioni, nemmeno in ambito scolastico. Per contro, le professioni sanitarie non possono essere pensate come gruppi di soggetti la cui specializzazione è determinabile attraverso l’aggiunta di aggettivi qualificativi alle loro denominazioni di partenza», il suggerimento.

«Le professioni sanitarie si fondano e giustificano sulle competenze che possiedono e che mettono a disposizione del sistema; competenze acquisibili frequentando con profitto appositi percorsi formativi universitari, di base e post-base, e facendo esperienza diretta nella pratica clinica. È proprio sulle competenze che si deve ragionare e investire, anche quando la sanità si interseca con l’istruzione, superando l’impostazione a comparti stagni che obbliga gli individui a suddividere la gestione dei loro bisogni in funzione di un’organizzazione a silos che, in questo caso, vede l’istruzione da una parte e la sanità dall’altra».

TERRITORIALIZZARE LA SANITÀ

«Relativamente al versante sanitario, nelle scuole serve il contributo dei Pediatri, ma anche dei Medici, ma anche degli Infermieri, ma anche degli Assistenti sanitari, ma anche dei Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, ma anche dei Dietisti, ma anche degli Ortottisti, ma anche dei Logopedisti, ma anche degli Igienisti dentali, ma anche degli Educatori professionali, etc…; serve ogni professione, per quel che le è proprio e per quel che è in grado di garantire a favore di una gestione inter-professionale della salute dei nostri bambini e ragazzi. Ciò non significa che gli istituti scolastici debbano diventare dei presidi sanitari, bensì che devono poter contare sul contributo delle professioni sanitarie, in una logica orizzontale, funzionale, inter-compartimentale (istruzione-sanità)».

«Infatti, territorializzare la sanità significa anche renderla agevolmente disponibile nei luoghi della formazione, per ciò che è gestibile in quei contesti, soprattutto in termini di prevenzione, e nelle forme in cui sarà ritenuto responsabile e possibile farlo. A esempio, si potrebbero integrare stabilmente le attività didattiche con incontri tra i diversi professionisti sanitari e gli studenti, al doppio fine di, da una parte, formare cittadini più consapevoli e responsabili nei confronti della loro salute e del Sistema sanitario e, dall’altra, fornire dei riferimenti fisici qualificati a cui i bambini e i ragazzi potrebbero agevolmente rivolgersi in caso di domande, dubbi o necessità di carattere sanitario».

«Confidando nella sensibilità che caratterizza i Ministri dell’Istruzione e della Salute – conclude – auspichiamo che anche su questo delicatissimo tema, di fondamentale importanza per la nostra Società, odierna e futura, si riesca a trasformare l’emergenza pandemica in opportunità, adottando provvedimenti atti a garantire alla scuola l’apporto di tutte le competenze professionali necessarie a tutelare la salute degli studenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva
Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola