Salute 7 Settembre 2020

Riapertura scuole, chi è e cosa farà il referente Covid. Il vademecum dell’Associazione Nazionale Presidi

Richiesto anche il ripristino della figura del medico scolastico

Riapertura scuole, chi è e cosa farà il referente Covid. Il vademecum dell’Associazione Nazionale Presidi

La partita più importante della fase 3, quella legata alla riapertura delle scuole, sembra ancora eccessivamente legata al caso, per non dire al “che Dio ce la mandi buona”. Eppure, di carte in tavola ne sono state messe tante in questi mesi. Ma tra conferme e smentite, tra annunci e dietrofront improvvisi, strategie e piani d’azione spesso strumentalizzati per fini politici, è passata l’estate e si è arrivati alla vigilia del ritorno sui banchi senza notizie certe, senza un piano integrato, strutturato e unitario che garantisca la ripresa del sistema scolastico in sicurezza per docenti e discenti.

A cominciare da una rimodulazione della figura del medico competente, già prevista come obbligatoria dall’art. 18 del DL 811/2008 per gli istituti scolastici che presentino un aumentato rischio chimico e biologico (per la presenza di laboratori ecc.), e che per l’anno scolastico in procinto di iniziare, come si legge nel Protocollo d’Intesa del Miur, dovrà essere nominato ad hoc se non già presente (anche consorziando vari istituti) per garantire una maggiore sorveglianza sanitaria. Ad oggi, però, non si hanno notizie sulla loro effettiva nomina negli istituti scolastici.

Carenze messe in luce nei giorni scorsi dall’Associazione Nazionale Presidi (ANP), il cui Presidente Antonello Giannelli ha dichiarato, concordando con quanto affermato dal coordinatore del CTS Agostino Miozzo, che «la figura del medico scolastico risulterebbe decisiva per la vigilanza sanitaria nelle scuole. Momenti come quello che stiamo vivendo testimoniano la necessità che la si ripristini e auspichiamo che le scelte del decisore politico vadano in questa direzione».

In tal senso va anche la lettera firmata dal presidente ANP e indirizzata al Ministro Azzolina per chiedere una serie di chiarimenti riguardo alla gestione di alcune problematiche, tra cui quelle relative ai lavoratori e agli studenti “fragili” (per quanto riguarda i primi, si legge nella lettera «vi è al momento una lacuna che riguarda da un lato la gestione dell’assenza di chi non può lavorare né in presenza né a distanza, dall’altro la gestione di chi non può lavorare in presenza ma potrebbe a distanza», mentre, per gli studenti fragili «non è ancora intervenuta l’ordinanza contenuta nel DL 22/2020 per tutelare gli studenti la cui salute sarebbe posta a rischio dalla frequenza in presenza alle lezioni, e per i quali l’unica alternativa sembrerebbe l’istruzione domiciliare»).

E ancora, si chiedono chiarimenti per le sostituzioni del personale assente, alcune specifiche tecniche sull’utilizzo della mascherina per i bambini dai 6 anni in su, e sulla riammissione a scuola degli studenti dopo malattia, sia essa Covid o no; linee guida in tal senso sono infatti state stabilite solo per la scuola dell’infanzia e non per gli altri ordini di istruzione.

Dal canto suo, proprio l’ANP ha stilato un vademecum per chiarire alcuni aspetti relativi alla figura del “referente Covid” nelle scuole, introdotta dal Rapporto ISS Covid-19 n°58/2020. Nel vademecum è specificato che il referente Covid può essere il dirigente scolastico, un docente o un membro del personale ATA e che svolgerà un ruolo di interfaccia con il Dipartimento di prevenzione presso la Asl territoriale di riferimento, creando una rete con altre figure analoghe nelle scuole del territorio. In questo ruolo si occuperà di promuovere azioni di informazione e sensibilizzazione rivolte a personale e famiglie sull’importanza di individuare precocemente segni e sintomi e comunicarli tempestivamente, ricevere comunicazioni e segnalazioni su eventuali contatti stretti tra alunni o personale scolastico e casi confermati Covid e trasmetterle alla Asl competente, concertare in collaborazione con i pediatri di libera scelta e i medici di base strategie per tutelare gli studenti fragili.

Leggi il vademecum

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 è legge
La Camera ha approvato definitivamente il decreto che proroga lo stato di emergenza sanitaria, 252 voti a favore e 203 contrari
Scudo penale, arriva Ddl con ‘clausola di salvaguardia’ per operatori sanitari. Russo (FI): «Ma non sarà colpo di spugna»
Il parlamentare ha annunciato che, oltre al disegno di legge, presenterà un emendamento alla legge di Bilancio: «Credo sia il tempo giusto per poter garantire questo ombrello di dignità. Ai familiari dei pazienti deceduti per Covid sarà garantito il diritto a chiedere l’eventuale possibile risarcimento»
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
Covid, il biofisico Bianconi: «Con le “leggi dello sviluppo dei sistemi viventi” abbiamo capito come si muove l’epidemia»
Il biofisico, attraverso studi quantitativi, si è concentrato sulla velocità di crescita o rallentamento dell’epidemia. E, dati alla mano, ha scoperto che il metodo applicato in Oriente, il “Case Finding and Mobile Tracing”, è molto più efficace nel contenimento dell’epidemia rispetto al “Lockdown Stop and Go”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli