Salute 28 Agosto 2020 15:43

«Chiediamo di poter scegliere lezioni da remoto». Gli appelli di alunni e insegnanti “fragili”

Le richieste rivolte a Istituzioni e Cts. In cima alla lista la possibilità per alunni e insegnanti fragili di scegliere la didattica a distanza, restando al sicuro

«Chiediamo di poter scegliere lezioni da remoto». Gli appelli di alunni e insegnanti “fragili”

Nel rientro a scuola, sulle cui regole cominciano a vedersi le prime decisioni, saranno coinvolte anche persone fragili tra alunni e personale scolastico. Fand (Associazione nazionale diabetici) si è fatta portatrice dei loro appelli, rivolti alle Istituzioni, le confederazioni e al Comitato Tecnico Scientifico. Lo ha fatto condividendo alcune lettere inviate, tra gli altri, ai ministri Speranza e Azzolina, da parte di soggetti fragili o con familiari fragili, ricche di soluzioni e ipotesi. «Per cercare di assicurare a tutti il sacrosanto e fondamentale diritto allo studio, ma sempre nel prioritario rispetto della tutela della salute di ognuno», si legge. 

«CHIEDIAMO PER GLI ALUNNI FACOLTÀ DI SCEGLIERE LA DAD»

La prima lettera è da parte di genitori e insegnanti del gruppo “Scuola e Sicurezza”, oltre 3 mila famiglie che si dicono preoccupate. Bocciano la proposta che vorrebbe far indossare la mascherina solo agli alunni con situazioni di fragilità. Sia perché da sola non protegge se gli altri non la indossano, sia per il rischio di bullismo derivato da una condizione di “diversità”.

La richiesta che segue è «la possibilità di scelta tra didattica a distanza e didattica in presenza per ogni ordine e grado scolastico fino a quando non verrà individuata una cura certa ed efficace e/o il vaccino». Specie perché così ulteriori spazi potrebbero essere liberati in classe e gli alunni starebbero più al sicuro in casa. «La socializzazione si può sempre recuperare – conclude la lettera – ma una vita umana no».

«CONSENTIRE A INSEGNANTI FRAGILI LEZIONI POMERIDIANE DA REMOTO»

La seconda lettera arriva invece da un gruppo di insegnanti di scuola secondaria, ritenuti “soggetti fragili” durante l’emergenza Covid-19 per patologie croniche. Tre le proposte per consentire il prosieguo delle lezioni senza mettere in pericolo chi è a rischio:

  • Permettere solo agli insegnanti fragili per patologia di svolgere le lezioni da remoto, «collocando i propri orari nei pomeriggi o negli spazi antimeridiani»;
  • Consentire ai docenti fragili di supportare gli alunni con disabilità. «La didattica in presenza, per effetto del distanziamento, potrebbe non consentire la qualità dell’insegnamento-apprendimento, mentre una didattica di sostegno e recupero in ore pomeridiane sarebbe una didattica compensativa ed integrata a quella in presenza», si legge.
  • Collocare i docenti fragili in mansioni che non riguardino inidoneità e che assicurino adempimenti in lavoro agile.

«Noi vorremmo comunque davvero continuare a fare lezione ai nostri alunni, pur nella nostra condizione di salute, così come abbiamo fatto quest’anno scolastico appena concluso», conclude la missiva.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale