Politica 27 Agosto 2020

La Conferenza delle Regioni dice sì alle “Indicazioni Iss per la gestione dei focolai nelle scuole”

La Conferenza delle Regioni e Province autonome ha dato un parere positivo sul documento proposto dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Istruzione con Iss e Inail. Lo ha confermato il presidente Toma

La Conferenza delle Regioni dice sì alle “Indicazioni Iss per la gestione dei focolai nelle scuole”

È via libera della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome alle “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia”, predisposte da Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione e Inail.

TOMA: «EVITARE FRAMMENTAZIONE»

«La Conferenza delle Regioni prosegue con responsabilità istituzionale l’interlocuzione con il Governo in vista della riapertura della scuola – ha detto il presidente del Molise, Donato Toma, che oggi ha presieduto la riunione –  ed oggi ha espresso un parere sostanzialmente favorevole al documento predisposto dai ministeri competenti e da Iss e Inail».

Le indicazioni su come gestire il rientro a scuola in tempo di pandemia e l’eventuale comparsa di nuovi focolai circolavano già da qualche giorno. Un documento che ora condivideranno tutte le regioni italiane perché, ha ribadito Toma, «basate su evidenze e buone pratiche di sanità pubblica». Finalizzate sopratutto ad evitare «frammentazione e disomogeneità», come indicato nel documento.

Tra le richieste arrivate dalla Conferenza delle Regioni c’è quella di poter svolgere «gruppi stabili nei servizi educativi per l’infanzia», lasciando agli istituti il compito di valutare le loro dimensione. «Ed abbiamo presentato anche – ha concluso Toma – una raccomandazione sulla didattica a distanza, per classi e per plesso, nel caso in cui si dovessero verificare cluster che ne impongano la riattivazione».

GRIECO: «PROPENDIAMO PER MISURAZIONE FEBBRE A CASA»

Conferma la positività verso il documento anche l’assessore regionale all’istruzione della Toscana Cristina Grieco, coordinatrice della Commissione Istruzione. «È importante – sottolinea Grieco -, avremo una linea di condotta unitaria in tutto il territorio nazionale. Si tratta di un tassello verso un’uniformità di comportamento, regole uguali per tutti».

Durante la discussione, ha aggiunto Grieco, è emerso che «propendiamo per la misurazione della temperatura a casa per tre motivi: per responsabilizzare le famiglie, per evitare i rischi di un periodo “grigio” nella fase intermedia tra l’uscita di casa e l’arrivo a scuola e per motivi organizzativi visto che imporre un obbligo alle scuole di misurazione della temperatura potrebbe comportare difficoltà organizzative».
Articoli correlati
Cronaca del primo giorno di scuola. Lo psicologo Ricci: «Preparare i ragazzi dal punto di vista emozionale»
Com'è andato il primo giorno di scuola per i ragazzi di 13 regioni italiane? Prime positività e qualche disagio, ma si deve ripartire. Ricci (Esperto Scuola OdP Lazio): «Socializzare è importante, aiutiamoli a trovare nuove forme»
Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»
Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti
«Chiediamo di poter scegliere lezioni da remoto». Gli appelli di alunni e insegnanti “fragili”
Le richieste rivolte a Istituzioni e Cts. In cima alla lista la possibilità per alunni e insegnanti fragili di scegliere la didattica a distanza, restando al sicuro
«La riapertura delle scuole non ha influenzato l’aumento dei contagi in Europa», parola dell’ECDC
Un rapporto del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che mette insieme la letteratura scientifica europea sul tema, mostra che le scuole non sono più pericolose delle loro stesse comunità se vengono adottate le misure di distanziamento e igiene
Riapertura scuole: come sono coinvolti medici di famiglia e pediatri?
Cosa sappiamo finora sul ruolo di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta nelle scuole durante l'emergenza Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli