Salute 28 Marzo 2023 16:42

Dal team multidisciplinare all’accesso ai nuovi farmaci, le richieste di FAND per i pazienti diabetici

L’Associazione italiana Diabetici punta sulla Rete clinica diabetologica socio-sanitaria e chiede che nelle Case di Comunità ci sia uno specialista o almeno un infermier specializzato. Il presidente Benini: «Non servono nuove leggi ma il coinvolgimento dei pazienti nei tavoli decisionali»

Dal team multidisciplinare all’accesso ai nuovi farmaci, le richieste di FAND per i pazienti diabetici

Un team multidisciplinare che sappia prendere in carico a 360 gradi il paziente con diabete, più risorse per i farmaci e i device di nuova generazione e il coinvolgimento delle associazioni nei tavoli al ministero. Sono queste alcune delle richieste che la FAND – Associazione Italiana Diabetici, rivolge al ministro della Salute Orazio Schillaci, a cui va il plauso per la volontà di inserire l’attività sportiva all’interno dei LEA con la possibilità della prescrizione medica.

Emilio Augusto Benini, presidente FAND, spiega a Sanità Informazione le priorità dei pazienti con diabete, una patologia negli ultimi anni in costante crescita: oltre quattro milioni di persone colpite più un milione e mezzo che non sanno di avere il diabete, oltre quattro milioni quelle ad alto rischio di sviluppare la patologia.

Diabete e Case di Comunità

Numeri importanti che richiedono una risposta pronta da parte delle istituzioni. In primis sul fronte della riforma dell’assistenza territoriale e sul ruolo che possono giocare le Case di Comunità per una patologia cronica come il diabete: «Ci aspettiamo molto dalle Case di Comunità – sottolinea Benini -. Dovrebbero essere il luogo più vicino alla persona con diabete cui fare riferimento e dove svolgere attività di prevenzione su patologie correlate come retinopatia o cardiopatia. Noi stiamo lanciando un progetto importante che è quello della Rete clinica diabetologica socio-sanitaria. La rete non è prevista in diabetologia, noi invece la vorremmo perché la rete clinica ospedaliera che si integra con il territorio permette di avere nelle Case di Comunità lo specialista oppure, se non è possibile, almeno un infermiere specializzato o con cultura metabolica che può dare risposte importante».

L’accesso ai nuovi farmaci

Ma la riforma dell’assistenza territoriale è solo il primo tassello di un puzzle più complesso. Perché oggi i nuovi farmaci o i nuovi device possono migliorare molto la qualità di vita del paziente ma non sempre sono accessibili: «Servono risorse adeguate – spiega il presidente FAND -. I budget limitano spesso i diabetologi nella prescrizione dei nuovi farmaci o di nuove tecnologie. Questo è molto limitante. Ci sono dei farmaci di nuova generazione che oltre a controllare il diabete danno risposte importanti per il cuore, che è la maggiore complicanza del diabete. Dato che questi nuovi farmaci hanno un costo più elevato rispetto ad altri, l’indicazione generale per rientrare nei budget è quella di limitare la loro prescrizione così come quella di sensori e microinfusori perché molto costosi».

Il team multidisciplinare e il ruolo dei MMG

Altro aspetto fondamentale, una richiesta comune ad altre categorie di pazienti, è quella della presenza di un team multidisciplinare all’interno dei centri diabetici: «Per noi l’educazione terapeutica e sanitaria è fondamentale per gestire al meglio la nostra tecnologia. Se io sono ben formato, riesco anche a gestirmi. C’è da lavorare sull’educazione alimentare, sull’attività motoria, ecc. Ma oggi nei centri, che sono pochi, c’è solo un medico e un infermiere».

Anche i Medici di medicina generale per FAND possono giocare un ruolo importante, ma è necessario che siano formati alla patologia diabetica. FAND chiede inoltre ad AIFA di eliminare la compilazione da parte del medico del Piano Terapeutico, di durata annuale. «Il Piano terapeutico è una pratica burocratica per il MMG perché lo redige lo specialista. Che senso ha rinnovare il piano terapeutico che è sempre lo stesso? Così diventa solo una pratica burocratica e ogni medico dovrà rinnovare una marea di piani terapeutici dato l’alto numero di pazienti» spiega Benini.

FAND poi rilancia il progetto del “diabetico guida”, un paziente o un caregiver appositamente formato che sia in grado di contribuire a educare all’autocontrollo e all’autogestione del diabete, migliorando le capacità di fornire aiuto e sostegno alle persone con diabete e ai loro familiari: una figura che per FAND dovrebbe essere presente nelle Case di Comunità.

Infine, ma non ultimo per importanza, la partecipazione ai tavoli ministeriali delle associazioni: «Non servono nuove leggi ma partecipazione. Oggi non partecipiamo ai tavoli decisionali sul diabete. C’è questo atto di indirizzo in cui si istituiscono i tavoli, speriamo si concretizzino al più presto» conclude Benini.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari
Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla diagnosi e il trattamento. Le linee guida valutano e riassumono le evidenze scientifiche disponibili al momento della loro stesura, con l’obiettivo di supportare gli operatori sanitari nel proporre il miglior approccio diagnostico o terapeutico
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...