Contributi e Opinioni 23 Luglio 2020

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia “soft” non funziona, abbiamo perso troppe vite»

di 25 dottori e scienziati svedesi
Immagine articolo

«La Svezia è stata spesso considerata un Paese leader quando si tratta di questioni umanitarie globali, considerata un faro di luce in campi quali l’accettazione dei rifugiati e la battaglia contro il riscaldamento globale. Nella pandemia di Covid-19, la Svezia ha anche suscitato interesse in tutto il mondo seguendo un approccio “soft” – senza lockdown, introducendo per lo più restrizioni volontarie e respingendo l’uso delle mascherine.

Questo approccio è stato percepito come più liberale e il “Be Like Sweden” si è imposto nei cartelli e nei canti delle proteste negli Stati Uniti. Ovunque le misure siano state indulgenti, tuttavia, i tassi di mortalità sono stati altissimi. Negli Stati Uniti, le aree che sono uscite presto dal lockdown sono ora in difficoltà e stiamo vedendo lo stesso anche in altri Paesi.

Le motivazioni dell’approccio “leggero” dell’Agenzia di Sanità Pubblica svedese sono in qualche modo un mistero. Altri paesi che inizialmente hanno utilizzato questa strategia, l’hanno abbandonata rapidamente quando il bilancio delle vittime ha iniziato ad aumentare, optando invece per lockdown ritardati. Ma la Svezia è stata fedele alla sua scelta.

Perché? Ottenere l’immunità di gregge, dove un gran numero di persone (preferibilmente i più giovani) vengono infettate e quindi sviluppano l’immunità, non è stato un obiettivo ufficiale dell’Agenzia di sanità pubblica svedese. Ma è stato detto che l’immunità nella popolazione avrebbe potuto aiutare a sopprimere la diffusione della malattia e alcune dichiarazioni dell’Agenzia suggeriscono che sia l’obiettivo segreto.

UN TASSO DI MORTALITA’ SPAVENTOSO

Un’ulteriore prova di ciò è che l’Agenzia insiste sulla scolarizzazione obbligatoria per i bambini piccoli, l’importanza dei test è stata sminuita per lungo tempo, l’Agenzia ha rifiutato di riconoscere l’importanza della diffusione asintomatica del virus (in maniera piuttosto preoccupante, ha anzi incoraggiato le persone con individui infetti Covid-19 in famiglia ad andare al lavoro e a scuola) e si rifiuta ancora di raccomandare mascherine in pubblico, nonostante le prove schiaccianti della loro efficacia. Inoltre, l’obiettivo dichiarato delle autorità svedesi non è mai stato quello di ridurre al minimo l’epidemia, ma piuttosto di rallentarla, in modo che il sistema sanitario non ne venisse sopraffatto.

Diverse autorità, tra cui l’Organizzazione mondiale della Sanità, hanno condannato l’immunità al gregge come strategia. “Può portare a un calcolo aritmetico molto brutale che non mette le persone, la loro vita e sofferenza al centro di tale equazione”, ha dichiarato il dott. Mike Ryan, direttore esecutivo del Programma per le emergenze sanitarie dell’Oms, in una conferenza stampa di maggio.

Indipendentemente dal fatto che l’immunità del gregge sia un obiettivo o un effetto collaterale della strategia svedese, come ha funzionato? Non così bene, secondo i risultati dei test dell’Agenzia. Si stima che la percentuale di svedesi che trasportano anticorpi sia inferiore al 10%, quindi in nessun modo vicino all’immunità del gregge. Eppure, il tasso di mortalità svedese è spaventoso. La Svezia ha un bilancio delle vittime maggiore degli Stati Uniti: 556 morti per milione di abitanti, rispetto a 425, al 20 luglio.

La Svezia ha anche un bilancio delle vittime più di quattro volte e mezzo superiore a quello degli altri quattro Paesi nordici messi insieme – oltre sette volte maggiore per milione di abitanti. Per un certo numero di settimane, la Svezia è stata tra le prime al mondo in termini di decessi pro capite attualmente registrati. E nonostante ciò, la strategia in sostanza rimane la stessa.

IMPARARE DAGLI ERRORI DELLA SVEZIA

È possibile che l’autorità della sanità pubblica credesse davvero che l’approccio svedese fosse il più appropriato e sostenibile, e che gli altri Paesi, molti dei quali avevano scelto il lockdown, avrebbero fatto di peggio. Forse questa, e non l’immunità del gregge, è la ragione principale per cui le autorità si aggrappano disperatamente alla loro strategia. O forse la riluttanza ad ammettere i primi errori e ad assumersi la responsabilità di migliaia di morti inutili gioca in questa resistenza al cambiamento. Tuttavia, il risultato in questa fase è inequivocabile.

Crediamo che la Svezia possa essere utilizzata come modello, ma non nel modo in cui inizialmente si pensava. Può invece fungere da gruppo di controllo e rispondere alla domanda su quanto siano efficienti il ​​distanziamento volontario e le misure libere in Svezia rispetto al lockdown, ai test aggressivi, alla tracciabilità e all’uso delle maschere.

In Svezia, questa strategia ha portato alla morte, al dolore e alla sofferenza e per di più non ci sono indicazioni che l’economia svedese abbia avuto risultati migliori rispetto a molti altri Paesi. Al momento, abbiamo dato l’esempio per il resto del mondo su come non affrontare una malattia infettiva mortale.

Alla fine anche questo passerà e si tornerà alla normalità. Nuovi trattamenti medici arriveranno e miglioreranno la prognosi. Speriamo che ci sia un vaccino. Resistete fino ad allora. E non fatelo nella maniera svedese».

 

Sigurd Bergmann, Ph.D., Emeritus Professor, Norwegian University of Science and Technology

Dr. Leif Bjermer. Ph.D., Professor, Respiratory Medicine and Allergology, Lund University

Barbara Caracciolo, Ph.D., in Epidemiology

Marcus Carlsson, Ph.D., Associate Professor of Mathematics, Lund University

Dr. Lena Einhorn, Ph.D., in Virology

Dr. Stefan Einhorn, Ph.D., Professor of Molecular Oncology, Karolinska Institutet

Andrew Ewing, Ph.D., Professor of Chemistry and Molecular Biology, University of Gothenburg

Dr. Manuel Felices, Ph.D., Head of Endocrine Surgery, NÄL Hospital

Dr. Jonas Frisén, Ph.D., Professor of Stem Cell Research, Karolinska Institutet

Marie Gorwa, Ph.D., Professor of Microbiology, Lund University

Dr. Åke Gustafsson, Ph.D., Clinical Microbiology, Uppsala University Hospital

Dr. Olle Isacsson, Ph.D., Professor of Endocrinology, University of Gothenburg

Dr. Claudia Hanson, Ph.D., Associate professor, Global public health, Karolinska Institutet

Dr. Stefan Hanson, Ph.D., International Health, Karolinska Institutet.

Dr. Jan Lötvall, Ph.D., Professor of Clinical Allergy, University of Gothenburg

Dr. Bo Lundbäck, Ph.D., Professor of Epidemiology of Respiratory Diseases, University of Gothenburg

Åke Lundkvist, Ph.D., Professor of Virology, Uppsala University

Dr. Cecilia Söderberg-Nauclér, Ph.D., Professor of Microbial Pathogenesis, Karolinska Institutet

Finn Nilson, Ph.D., Associate Professor of Risk Management, Karlstad University

Andreas Nilsson, Ph.D., Professor of Psychology, University of Gothenburg 

Dr. Björn Olsen, Ph.D., Professor of Infectious Diseases, Uppsala University

Jens Stilhoff Sörensen, Ph.D., Associate Professor, School of Global Studies, University of Gothenburg

Jakob Svensson, Ph.D., Scientific Data Analysis, Max Planck Institute, Greifswald

Dr. Anders Vahlne, Ph.D., Professor of Clinical Virology, Karolinska Institutet 

Dr. Anders Wahlin, Ph.D., Professor Emeritus of Hematology, University of Umeå

*Lettera pubblicata su Usa Today

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...