Contributi e Opinioni 11 Novembre 2020 11:47

Il settimo giorno in un reparto di emergenza Covid-19

È uno spaccato di vita ai tempi del Covid-19 quello raccontato dall’Igienista Dentale Paola Lastella, colpita dal virus. Paola ha deciso di mettere nero su bianco i momenti difficili e spiegare le sensazioni che si provano in un reparto Covid-19. Così ha raccontato la sua storia in un diario in sette giorni in cui i ricordi di quei giorni difficili si intrecciano a sensazioni e stati d’animo

di Paola Lastella, Igienista dentale

Leggi il racconto del primo giorno

Leggi il racconto del secondo giorno

Leggi il racconto del terzo giorno

Leggi il racconto del quarto giorno

Leggi il racconto del quinto giorno

Leggi il racconto del sesto giorno

Roma, 22 ottobre 2020 (settimo giorno)    

È quasi mezzogiorno, quando ci avvisano che ci stanno venendo a prendere. Preparo velocemente la borsa, sono pronta. Ci avviciniamo all’uscita, quel famoso cancello apparentemente inespugnabile, da dove sono entrata solo una settimana prima: è finita, è finita! Il cancello si apre su una via di passaggio in mezzo alle persone, in pieno giorno, la gente si avvicina incuriosita, l’autista grida “Allontanatevi! Questo è un reparto Covid”. Mi sento “un’appestata” mentre entro nel pulmino insieme ad altre tre persone, “gli untori”.

Il pulmino è tutto rivestito di plastica, si apre solo da un lato, io abito vicino, ma devono portare prima altre due persone nel quartiere limitrofo e poi si ritorna verso casa mia. Durante il viaggio, provo un senso di sconcerto, di desolazione e di solitudine, la signora accanto a me chiama la figlia e piange.

Penso “speriamo che non mi veda nessuno quando scendo”. Arrivo finalmente a casa, saluto e ringrazio il conducente e mi infilo velocemente nel portone. Salgo con l’ascensore, per fortuna non incontro nessuno nel palazzo, non avrei la forza di parlare. Varcata la soglia, sulla porta, mi spoglio e metto tutti i vestiti che ho addosso in un sacco della spazzatura che mi ha preparato mio figlio e lo lascio all’ingresso, saluto Arturo ed entro nella doccia, ho ancora addosso i patches dell’ecg (me li hanno fatti lasciare attaccati).

Cerco di decontaminarmi, cerco di togliermi di dosso tutto il dolore che ho vissuto e le lacrime mi attraversano il viso. Sotto l’acqua che porta via tutto, mi passa tutto davanti, il paziente morto, i respiratori, la paura… Io ce l’ho fatta, sono a casa!

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale