Contributi e Opinioni 4 Novembre 2020 10:58

Il secondo giorno in un reparto di emergenza Covid-19

È uno spaccato di vita ai tempi del Covid-19 quello raccontato dall’Igienista Dentale Paola Lastella, colpita dal virus. Paola ha deciso di mettere nero su bianco i momenti difficili e spiegare le sensazioni che si provano in un reparto Covid-19. Così ha raccontato la sua storia in un diario in sette giorni in cui i ricordi di quei giorni difficili si intrecciano a sensazioni e stati d’animo

di Paola Lastella, Igienista dentale

Leggi il racconto del primo giorno

Roma, 17 ottobre 2020 (secondo giorno)

La mattina provo a dire che non posso dormire in questo stato, le risposte variano dall’elusivo al titubante, mi dicono “adesso vediamo” (la brandina non mi sarà mai cambiata per 6 notti)… cerco di chiedere una coperta per imbottire un po’ il letto, ma gli infermieri spariscono nel dedalo dei corridoi del pronto soccorso, con movimenti da astronauti nelle loro gigantesche tute bianche e non tornano, dicono che le coperte non possono entrare in questo reparto perché poi le devono buttare. Finalmente un infermiere impietosito mi porta una coperta, che metto sotto la schiena per resistere in quella situazione scomoda. La notte fa freddo, il ricambio d’aria è talmente forte che si gela, abbiamo dei lenzuolini in TNT, mi metto il piumino, la sciarpa e i primi due giorni dormo vestita.

Inizia il calvario dei buchi, ad ogni cambio di turno entrano medici o infermieri, non si riconoscono, ti domandano come ti chiami, mille volte, mi chiedono se sono diabetica, dico che ho la cosiddetta “Ridotta tolleranza al glucosio”, mi classificano come diabetica, ulteriore fattore di rischio per il Covid, nel frattempo mi dicono che sono in lista per il trasferimento allo Spallanzani: mi si stringe il cuore, perché devono portarmi via? Nessuno mi dice nulla, questo è un reparto emergenza, ancora non hanno allestito il reparto di degenza, che sarà costituito da lì a pochi giorni.

Io resterò sempre su quella brandina, giorno dopo giorno. La febbre mi passa, i parametri sono discreti, la sera mi sento affaticata, ho tosse, mal di testa, ma respiro. Qui la gente arriva continuamente e viene attaccata ai respiratori, l’ossigeno, il casco, arrivano ragazzi di trent’anni, io respiro, sono fortunata, la saturazione si abbassa di poco, il rischio è la crisi respiratoria, ma sono fortunata, sto leggermente meglio, anche se mi dicono che sono sempre in lista per lo Spallanzani.

La notte mi alzo continuamente, non riesco a stare su quella brandina, mi addormento sfinita, per non più di venti minuti e mi sveglio continuamente dai dolori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale