Contributi e Opinioni 4 Novembre 2020

Il secondo giorno in un reparto di emergenza Covid-19

È uno spaccato di vita ai tempi del Covid-19 quello raccontato dall’Igienista Dentale Paola Lastella, colpita dal virus. Paola ha deciso di mettere nero su bianco i momenti difficili e spiegare le sensazioni che si provano in un reparto Covid-19. Così ha raccontato la sua storia in un diario in sette giorni in cui i ricordi di quei giorni difficili si intrecciano a sensazioni e stati d’animo

di Paola Lastella, Igienista dentale

Leggi il racconto del primo giorno

Roma, 17 ottobre 2020 (secondo giorno)

La mattina provo a dire che non posso dormire in questo stato, le risposte variano dall’elusivo al titubante, mi dicono “adesso vediamo” (la brandina non mi sarà mai cambiata per 6 notti)… cerco di chiedere una coperta per imbottire un po’ il letto, ma gli infermieri spariscono nel dedalo dei corridoi del pronto soccorso, con movimenti da astronauti nelle loro gigantesche tute bianche e non tornano, dicono che le coperte non possono entrare in questo reparto perché poi le devono buttare. Finalmente un infermiere impietosito mi porta una coperta, che metto sotto la schiena per resistere in quella situazione scomoda. La notte fa freddo, il ricambio d’aria è talmente forte che si gela, abbiamo dei lenzuolini in TNT, mi metto il piumino, la sciarpa e i primi due giorni dormo vestita.

Inizia il calvario dei buchi, ad ogni cambio di turno entrano medici o infermieri, non si riconoscono, ti domandano come ti chiami, mille volte, mi chiedono se sono diabetica, dico che ho la cosiddetta “Ridotta tolleranza al glucosio”, mi classificano come diabetica, ulteriore fattore di rischio per il Covid, nel frattempo mi dicono che sono in lista per il trasferimento allo Spallanzani: mi si stringe il cuore, perché devono portarmi via? Nessuno mi dice nulla, questo è un reparto emergenza, ancora non hanno allestito il reparto di degenza, che sarà costituito da lì a pochi giorni.

Io resterò sempre su quella brandina, giorno dopo giorno. La febbre mi passa, i parametri sono discreti, la sera mi sento affaticata, ho tosse, mal di testa, ma respiro. Qui la gente arriva continuamente e viene attaccata ai respiratori, l’ossigeno, il casco, arrivano ragazzi di trent’anni, io respiro, sono fortunata, la saturazione si abbassa di poco, il rischio è la crisi respiratoria, ma sono fortunata, sto leggermente meglio, anche se mi dicono che sono sempre in lista per lo Spallanzani.

La notte mi alzo continuamente, non riesco a stare su quella brandina, mi addormento sfinita, per non più di venti minuti e mi sveglio continuamente dai dolori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Campagna vaccinazione anti-Covid, cosa prevede nel dettaglio il piano strategico
Dalle categorie che dovranno sottoporsi subito alla vaccinazione all’organizzazione dei punti vaccinali e delle figure coinvolte, dall’implementazione dei sistemi informatici e della comunicazione al monitoraggio di eventuali reazioni avverse
Con le USCAR i fisioterapisti a casa dei pazienti Covid positivi: in Toscana la prima sperimentazione in Italia
Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale Riabilitativa attivate nella USL Toscana Centro andranno dai pazienti per accoglierli nel percorso riabilitativo. «In questo modo gli ospedali dimetteranno con più facilità» spiega il fisioterapista Fabio Bracciantini
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli