Covid-19, che fare se...? 27 Novembre 2020 13:50

Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus

L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19

Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus

Il numero “ufficiale” di decessi che ogni giorno vengono attribuiti all’infezione da SARS-CoV-2 ha da sempre suscitato dubbi e perplessità in una buona fetta di popolazione che continua a chiedersi: «Ma quelle persone sono morte per il Covid-19 o con il Covid-19?». Per chiarire una volta per tutte come vengono contate e classificate le morti riconducibili al Covid-19, l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato i criteri utilizzati per la raccolta dei dati necessari per stabilire se un decesso è dovuto al Covid-19 oppure no.

Come vengono raccolti i dati dei casi di Covid-19 nel sistema di sorveglianza dell’ISS?

Il Sistema di Sorveglianza dell’ISS rileva i pazienti positivi sulla base di tampone molecolare all’infezione da SARS-CoV-2 diagnosticati sul territorio italiano. I dati vengono inviati e validati dalle 19 Regioni e 2 Province Autonome al Sistema di Sorveglianza dell’ISS che produce le statistiche nazionali. Il sistema non solo misura l’incidenza di diffusione della malattia ma raccoglie anche i dati sui decessi.

Come si definiscono i decessi dovuti al Covid-19?

Nel riportare i decessi Covid-19 sul Sistema di Sorveglianza, l’ISS suggerisce di seguire le indicazioni di ECDC e OMS. Queste indicazioni sono state riprese in un Rapporto sulla definizione, certificazione e classificazione delle cause di morte per Covid-19 che contiene le indicazioni per la definizione di un decesso come dovuto a Covid-19 e per compilazione dei certificati di morte.

Come posso essere sicuro che la morte sia causata dal Covid-19 e non da un’altra patologia?

I criteri per definire un decesso per Covid-19 sono indicati nel rapporto citato e comprendono:

  • Decesso occorso in un paziente definibile come caso confermato microbiologicamente (tampone molecolare) di Covid-19
  • Presenza di un quadro clinico e strumentale suggestivo di Covid-19
  • Assenza di una chiara causa di morte diversa dal Covid-19
  • Assenza di periodo di recupero clinico completo tra la malattia e il decesso.

Se un evento non immediatamente riconducibile al Covid-19 causa la morte di un soggetto, ma questo è positivo, come deve essere classificato il decesso?

L’ISS spiega che «la positività al SARS-CoV-2 non è sufficiente per considerare il decesso come dovuto al Covid-19, ma è necessaria la presenza di tutte le condizioni sopra menzionate, inclusa l’assenza di chiara altra causa di morte». Non sono inoltre da considerarsi tra le chiare cause di morte diverse da Covid-19 «le patologie pre-esistenti che possono aver favorito o predisposto ad un decorso negativo dell’infezione». Vengono considerate cause di morte associate a Covid-19 «le complicazioni o gli esiti collegati a patologie pre-esistenti che possono aver favorito o predisposto ad un decorso negativo un paziente con quadro clinico compatibile con Covid-19». Se, ad esempio, l’infarto avviene in un paziente cardiopatico con una polmonite Covid-19, è ipotizzabile che l’infarto rappresenti una complicanza del Covid-19. Per questo il decesso deve essere classificato come dovuto a Covid-19».

Come si può stimare l’impatto del Covid-19 sui decessi?

L’Istituto Superiore di Sanità spiega che una delle strategie più efficaci per misurare l’impatto del Covid-19 sui decessi è quello di misurare l’eccesso di mortalità. Questo dato indica quanti morti in più (per ogni tipo di causa) ci sono stati nel Paese rispetto agli anni precedenti. Questo eccesso di mortalità viene solitamente espresso come una percentuale (quanto percentualmente sono aumentati i decessi per tutte le cause nel paese rispetto agli anni precedenti). Un recente rapporto dell’Ocse sottolinea che l’eccesso di mortalità può fornire un’indicazione dell’impatto complessivo del Covid-19. Questo non solo tenendo conto dei decessi attribuiti direttamente a Covid-19 ma anche quelli che possono essere persi o indirettamente collegati.

Quale è l’eccesso di mortalità rispetto agli anni scorsi in Italia e negli altri Paesi Europei?

Il rapporto OCSE ha analizzato l’eccesso di mortalità in determinati Paesi europei in un periodo di 10 settimane che va da Marzo in poi. Il numero totale di decessi registrati in Spagna ha registrato un aumento del 61% rispetto alla media nello stesso periodo nei 5 anni precedenti. Il Regno Unito ha registrato il 56% di morti in più rispetto agli anni precedenti. Italia e Belgio hanno registrato aumenti del 40%. Germania, Danimarca e Norvegia hanno riportato circa il 5% di decessi aggiuntivi in ​​un periodo di 10 settimane. L’OCSE sottolinea però che questi dati vanno interpretati con cautela. La prima fase dell’epidemia è variabile da Paese a Paese ed è necessario un periodo di osservazione più lungo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale