Covid-19, che fare se...? 27 Novembre 2020 13:50

Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus

L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19

Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus

Il numero “ufficiale” di decessi che ogni giorno vengono attribuiti all’infezione da SARS-CoV-2 ha da sempre suscitato dubbi e perplessità in una buona fetta di popolazione che continua a chiedersi: «Ma quelle persone sono morte per il Covid-19 o con il Covid-19?». Per chiarire una volta per tutte come vengono contate e classificate le morti riconducibili al Covid-19, l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato i criteri utilizzati per la raccolta dei dati necessari per stabilire se un decesso è dovuto al Covid-19 oppure no.

Come vengono raccolti i dati dei casi di Covid-19 nel sistema di sorveglianza dell’ISS?

Il Sistema di Sorveglianza dell’ISS rileva i pazienti positivi sulla base di tampone molecolare all’infezione da SARS-CoV-2 diagnosticati sul territorio italiano. I dati vengono inviati e validati dalle 19 Regioni e 2 Province Autonome al Sistema di Sorveglianza dell’ISS che produce le statistiche nazionali. Il sistema non solo misura l’incidenza di diffusione della malattia ma raccoglie anche i dati sui decessi.

Come si definiscono i decessi dovuti al Covid-19?

Nel riportare i decessi Covid-19 sul Sistema di Sorveglianza, l’ISS suggerisce di seguire le indicazioni di ECDC e OMS. Queste indicazioni sono state riprese in un Rapporto sulla definizione, certificazione e classificazione delle cause di morte per Covid-19 che contiene le indicazioni per la definizione di un decesso come dovuto a Covid-19 e per compilazione dei certificati di morte.

Come posso essere sicuro che la morte sia causata dal Covid-19 e non da un’altra patologia?

I criteri per definire un decesso per Covid-19 sono indicati nel rapporto citato e comprendono:

  • Decesso occorso in un paziente definibile come caso confermato microbiologicamente (tampone molecolare) di Covid-19
  • Presenza di un quadro clinico e strumentale suggestivo di Covid-19
  • Assenza di una chiara causa di morte diversa dal Covid-19
  • Assenza di periodo di recupero clinico completo tra la malattia e il decesso.

Se un evento non immediatamente riconducibile al Covid-19 causa la morte di un soggetto, ma questo è positivo, come deve essere classificato il decesso?

L’ISS spiega che «la positività al SARS-CoV-2 non è sufficiente per considerare il decesso come dovuto al Covid-19, ma è necessaria la presenza di tutte le condizioni sopra menzionate, inclusa l’assenza di chiara altra causa di morte». Non sono inoltre da considerarsi tra le chiare cause di morte diverse da Covid-19 «le patologie pre-esistenti che possono aver favorito o predisposto ad un decorso negativo dell’infezione». Vengono considerate cause di morte associate a Covid-19 «le complicazioni o gli esiti collegati a patologie pre-esistenti che possono aver favorito o predisposto ad un decorso negativo un paziente con quadro clinico compatibile con Covid-19». Se, ad esempio, l’infarto avviene in un paziente cardiopatico con una polmonite Covid-19, è ipotizzabile che l’infarto rappresenti una complicanza del Covid-19. Per questo il decesso deve essere classificato come dovuto a Covid-19».

Come si può stimare l’impatto del Covid-19 sui decessi?

L’Istituto Superiore di Sanità spiega che una delle strategie più efficaci per misurare l’impatto del Covid-19 sui decessi è quello di misurare l’eccesso di mortalità. Questo dato indica quanti morti in più (per ogni tipo di causa) ci sono stati nel Paese rispetto agli anni precedenti. Questo eccesso di mortalità viene solitamente espresso come una percentuale (quanto percentualmente sono aumentati i decessi per tutte le cause nel paese rispetto agli anni precedenti). Un recente rapporto dell’Ocse sottolinea che l’eccesso di mortalità può fornire un’indicazione dell’impatto complessivo del Covid-19. Questo non solo tenendo conto dei decessi attribuiti direttamente a Covid-19 ma anche quelli che possono essere persi o indirettamente collegati.

Quale è l’eccesso di mortalità rispetto agli anni scorsi in Italia e negli altri Paesi Europei?

Il rapporto OCSE ha analizzato l’eccesso di mortalità in determinati Paesi europei in un periodo di 10 settimane che va da Marzo in poi. Il numero totale di decessi registrati in Spagna ha registrato un aumento del 61% rispetto alla media nello stesso periodo nei 5 anni precedenti. Il Regno Unito ha registrato il 56% di morti in più rispetto agli anni precedenti. Italia e Belgio hanno registrato aumenti del 40%. Germania, Danimarca e Norvegia hanno riportato circa il 5% di decessi aggiuntivi in ​​un periodo di 10 settimane. L’OCSE sottolinea però che questi dati vanno interpretati con cautela. La prima fase dell’epidemia è variabile da Paese a Paese ed è necessario un periodo di osservazione più lungo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici no vax sui social, Tortorella (Consulcesi): «Formazione chiave per scongiurare derive antivacciniste»
La best practice Consulcesi: il 30% dei medici ha già concluso nei primi tre mesi del 2021 i 50 crediti annuali grazie alla FAD
Dalla SIMG un vademecum per la gestione del paziente domiciliare affetto da Covid-19 in forma lieve o moderata
Il presidente Cricelli: «È necessario utilizzare indicazioni semplici e comprensibili sulla base delle evidenze scientifiche disponibili e delle raccomandazioni ufficiali del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità»
Vaccini, Regimenti (Lega): «Strategia lacunosa, Ue informi su negoziati con azienda Novavax»
L'eurodeputata della Lega ha presentato una interrogazione in cui chiede alla Commissione Ue «quali misure intende adottare per garantire la trasparenza delle negoziazioni dei contratti pubblici di acquisto dei vaccini» con la casa farmaceutica Novavax
Covid-19, conferenza tra i parlamentari europei promossa dal Portogallo. Lorefice: «Tutti concordi sull’aumentare la cooperazione»
«Occorre puntare sulla ricerca e sul rafforzamento della strategia europea sui vaccini facendo sì, innanzitutto, che le aziende farmaceutiche rispettino gli impegni contrattuali e operino in maniera trasparente» spiega la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
Covid, MSF: «Vaccinare persone ad alto rischio nei Paesi in via di sviluppo prima di quelle a basso rischio nei Paesi ricchi»
La presidente di Medici Senza Frontiere Claudia Lodesani: «Il 75% dei vaccini somministrato in 10 Paesi del mondo. Ci sono Stati che non hanno ricevuto ancora una singola dose. I brevetti vanno sospesi per tutta la durata della pandemia»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 aprile, sono 137.467.864 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.959.675 i decessi. Ad oggi, oltre 805,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...