Covid-19, che fare se...? 27 Novembre 2020 13:50

Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus

L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19

Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus

Il numero “ufficiale” di decessi che ogni giorno vengono attribuiti all’infezione da SARS-CoV-2 ha da sempre suscitato dubbi e perplessità in una buona fetta di popolazione che continua a chiedersi: «Ma quelle persone sono morte per il Covid-19 o con il Covid-19?». Per chiarire una volta per tutte come vengono contate e classificate le morti riconducibili al Covid-19, l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato i criteri utilizzati per la raccolta dei dati necessari per stabilire se un decesso è dovuto al Covid-19 oppure no.

Come vengono raccolti i dati dei casi di Covid-19 nel sistema di sorveglianza dell’ISS?

Il Sistema di Sorveglianza dell’ISS rileva i pazienti positivi sulla base di tampone molecolare all’infezione da SARS-CoV-2 diagnosticati sul territorio italiano. I dati vengono inviati e validati dalle 19 Regioni e 2 Province Autonome al Sistema di Sorveglianza dell’ISS che produce le statistiche nazionali. Il sistema non solo misura l’incidenza di diffusione della malattia ma raccoglie anche i dati sui decessi.

Come si definiscono i decessi dovuti al Covid-19?

Nel riportare i decessi Covid-19 sul Sistema di Sorveglianza, l’ISS suggerisce di seguire le indicazioni di ECDC e OMS. Queste indicazioni sono state riprese in un Rapporto sulla definizione, certificazione e classificazione delle cause di morte per Covid-19 che contiene le indicazioni per la definizione di un decesso come dovuto a Covid-19 e per compilazione dei certificati di morte.

Come posso essere sicuro che la morte sia causata dal Covid-19 e non da un’altra patologia?

I criteri per definire un decesso per Covid-19 sono indicati nel rapporto citato e comprendono:

  • Decesso occorso in un paziente definibile come caso confermato microbiologicamente (tampone molecolare) di Covid-19
  • Presenza di un quadro clinico e strumentale suggestivo di Covid-19
  • Assenza di una chiara causa di morte diversa dal Covid-19
  • Assenza di periodo di recupero clinico completo tra la malattia e il decesso.

Se un evento non immediatamente riconducibile al Covid-19 causa la morte di un soggetto, ma questo è positivo, come deve essere classificato il decesso?

L’ISS spiega che «la positività al SARS-CoV-2 non è sufficiente per considerare il decesso come dovuto al Covid-19, ma è necessaria la presenza di tutte le condizioni sopra menzionate, inclusa l’assenza di chiara altra causa di morte». Non sono inoltre da considerarsi tra le chiare cause di morte diverse da Covid-19 «le patologie pre-esistenti che possono aver favorito o predisposto ad un decorso negativo dell’infezione». Vengono considerate cause di morte associate a Covid-19 «le complicazioni o gli esiti collegati a patologie pre-esistenti che possono aver favorito o predisposto ad un decorso negativo un paziente con quadro clinico compatibile con Covid-19». Se, ad esempio, l’infarto avviene in un paziente cardiopatico con una polmonite Covid-19, è ipotizzabile che l’infarto rappresenti una complicanza del Covid-19. Per questo il decesso deve essere classificato come dovuto a Covid-19».

Come si può stimare l’impatto del Covid-19 sui decessi?

L’Istituto Superiore di Sanità spiega che una delle strategie più efficaci per misurare l’impatto del Covid-19 sui decessi è quello di misurare l’eccesso di mortalità. Questo dato indica quanti morti in più (per ogni tipo di causa) ci sono stati nel Paese rispetto agli anni precedenti. Questo eccesso di mortalità viene solitamente espresso come una percentuale (quanto percentualmente sono aumentati i decessi per tutte le cause nel paese rispetto agli anni precedenti). Un recente rapporto dell’Ocse sottolinea che l’eccesso di mortalità può fornire un’indicazione dell’impatto complessivo del Covid-19. Questo non solo tenendo conto dei decessi attribuiti direttamente a Covid-19 ma anche quelli che possono essere persi o indirettamente collegati.

Quale è l’eccesso di mortalità rispetto agli anni scorsi in Italia e negli altri Paesi Europei?

Il rapporto OCSE ha analizzato l’eccesso di mortalità in determinati Paesi europei in un periodo di 10 settimane che va da Marzo in poi. Il numero totale di decessi registrati in Spagna ha registrato un aumento del 61% rispetto alla media nello stesso periodo nei 5 anni precedenti. Il Regno Unito ha registrato il 56% di morti in più rispetto agli anni precedenti. Italia e Belgio hanno registrato aumenti del 40%. Germania, Danimarca e Norvegia hanno riportato circa il 5% di decessi aggiuntivi in ​​un periodo di 10 settimane. L’OCSE sottolinea però che questi dati vanno interpretati con cautela. La prima fase dell’epidemia è variabile da Paese a Paese ed è necessario un periodo di osservazione più lungo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...