21
MAY20

WEBINAR AFI-SIMEF

  • 21 May 2020
  • 21 May 2020

Nell’ambito della ricerca clinica e nella situazione attuale, quali sono i rischi di una interpretazione estremamente restrittiva dei requisiti di privacy?
L’attuale contesto emergenziale dovuto a COVID19 e la successiva ripartenza, renderanno sfidante il necessario controllo dei dati originati dai protocolli sperimentali.
L’attività di Source Data Verification è indispensabile per assicurare la qualità dei dati e quindi la robustezza dell’analisi statistica successiva, allo scopo di poter sviluppare prodotti medicinali sicuri ed efficaci. È altresì importante per la sicurezza dei pazienti.
D’altro canto, la tutela della privacy è un requisito fondamentale e deve essere garantito ai partecipanti agli studi, così come descritto nei moduli di consenso informato.
Il periodo di emergenza Coronavirus ha fatto emergere anche altri importanti spunti di discussione, oltre alla possibilità di verificare le cartelle cliniche da remoto: la possibilità di spedire il farmaco a casa dei partecipanti agli studi, una diversa gestione dei report di laboratorio ed altre valutazioni cliniche.
I DPO degli ospedali ricoprono un ruolo cruciale per garantire che ci sia il giusto equilibrio fra la possibilità di accesso ai dati, così come previsto dalle GCP, e la garanzia che la sperimentazione avvenga in linea con i requisiti del caso.
In questo webinar AFI e SIMeF coinvolgono diversi attori (promotori, ospedali, pazienti) per discutere del giusto equilibrio tra controllo/ gestione dei dati e la privacy dei pazienti.

CLICCA PER QUI PER L’ISCRIZIONE

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco