30
MAY20

RESPONSABILITÀ MEDICA IN EPOCA COVID: POSSIBILI SCENARI INCOMBENTI

  • 30 May 2020
  • 30 May 2020

Da “eroi” cantati dai balconi a possibile bersaglio di sequele giudiziarie per eventi avversi Covid correlati; ciò incombe sui sanitari impegnati in condizioni di estrema difficoltà logistica o assegnati a compiti ben lontani dalla propria preparazione naturale o costretti a “trascurare” i non Covid. Le norme giuridiche esistenti (“stato di necessità” – “speciale difficoltà”) bastano a creare uno scudo protettivo dalle azioni incongrue dacchè i compiti facili diventano difficili in condizioni di impellenza? Sono abortiti molti emendamenti volti a limitare la procedibilità giudiziaria solo ai casi di colpa grave o dolo; nel frattempo, a prescindere da eventuali novelle legislative, OmceoMi ed Amla (07.04.20) hanno congiuntamente pubblicamente evidenziato che già le norme deontologiche vincolano i potenziali attori, pur senza violare i diritti dei virtuali danneggiati, a massimi rigore e prudenza; questi precetti, tutt’altro che minori, sono vincolanti e la loro violazione è illecito deontologico; è sperabile che questo innovativo richiamo sia foriero di arricchito senso di responsabilità nell’affrontare incarichi così delicati.

GUARDA IL PROGRAMMA DEL WEBINAR ECM DELL’OMCEO DI MILANO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco