03
DEC20

NON SOLO COVID-19: DARE PRIORITÀ ALLE PATOLOGIE CARDIO-CEREBROVASCOLARI

  • 03 December 2020
  • 03 December 2020

Le malattie cardio-cerebrovascolari, nonostante la diminuzione della mortalità degli ultimi anni, continuano a rappresentare in Italia una delle principali cause di morbosità, invalidità e mortalità. In questi mesi di emergenza sanitaria, la riduzione dei ricoveri e dell’attività ambulatoriale e la sospensione delle attività elettive e della riabilitazione cardiologica, ha provocato conseguenze immediate sulla mortalità ma sta avendo e continuerà ad avere impatti sulla salute, in termini di numerosità di pazienti con quadri clinici più complessi da gestire (a causa di ritardi nelle diagnosi e nei trattamenti) e sull’organizzazione stessa dei servizi sanitari. Quali interventi attuare nel breve e medio termine?

Nel corso dell’evento si discuterà di:

–              Gestione dei pazienti cardio-cerebrovascolari all’epoca del COVID-19

–              Superamento della visione ospedale-territorio per un’assistenza sanitaria unitaria

–              Prevenzione e innovazione per generare valore per il paziente e il sistema

Verrà inoltre presentato il documento contenente le 10 linee di azione di Meridiano Cardio per riorganizzare i percorsi di diagnosi e cura dei pazienti cardio-cerebrovascolari. In allegato il programma.

L’iniziativa è realizzata da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Fondazione Italiana per il Cuore e con il contributo di Amgen, Daiichi Sankyo ed Edwards Lifesciences.

 

PROGRAMMA

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco