25
MAG18

L’EFFICACIA EDUCATIVA NEL CONTRASTO ALLA VIOLENZA

  • Roma Via Salaria, 113, Roma, RM, Italia
  • Aula “Mauro Wolf” della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università “La Sapienza”
  • 25 Maggio 2018
  • 25 Maggio 2018

Venerdì 25 maggio 2018, alle ore 14.00, FIABA e l’Associazione Nazionale Sociologi, nell’intento di riportare l’attenzione sul valore positivo del rispetto nei rapporti interpersonali, improntati al dialogo civile e al confronto costruttivo, organizzano l’incontro formativo “La scuola che sceglie: sì al rispetto e no alla violenza. L’efficacia educativa nel contrasto alla violenza dentro e fuori le aule”.

Aprono i lavori Giuseppe Trieste, Presidente FIABA, Pietro Zocconali Presidente ANS, Pasquale Capo Presidente CTS Dipartimento Scuola FIABA e Rosaria Brocato Coordinatrice Dipartimento Scuola FIABA. Continueranno i lavori:

– Pierpaola Meledandri, Riflessioni sul fenomeno del bullismo nelle scuole

– Speranzina Ferraro, Violenza nelle aule: addio educazione

– Maria Teresa Sigari, Le parole non bastano

– Antonio Polifrone Segretario Nazionale ANS

Sempre più spesso al centro dell’attenzione mediatica, ormai in ogni periodo dell’anno scolastico, la scuola vive momenti di difficile convivenza all’interno delle aule, con scontri generazionali e alterata comunicazione che trascendono di preferenza in episodi di violenza.

Il ruolo dell’insegnante, che nel corso degli anni ha perso la dignità e l’autorevolezza educativa necessarie a mantenere vivi e rispettosi i rapporti con gli alunni/studenti e con i genitori, si è trasformato fino a diluire di efficacia il suo intervento.

Di solito poco considerata/o, sovraccaricata/o di responsabilità e con impegni gravosi al suo attivo, l’insegnante prova solitudine e frustrazione a fronte di incarichi educativi complessi, nell’ambito di una generale assenza di punti di riferimento genitoriali e sociali.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila