09
JUN20

LA SANITÀ ITALIANA DOPO IL CORONAVIRUS

  • 09 June 2020
  • 09 June 2020

L’emergenza del Covid-19 impone una riflessione su come sono state impostate le politiche sanitarie negli ultimi anni.
La valutazione riguardo ai vari meccanismi di sostegno in via di definizione a livello comunitario costituisce un’occasione unica per apportare modifiche e integrazioni in tema di programmazione e organizzazione del servizio sanitario.


Le nuove tecnologie, in particolare la telemedicina, costituiscono una ulteriore opportunità da sfruttare per assicurare una spesa più efficiente, garantendo sul territorio un adeguato livello di servizio e rendendo meno stringente il vincolo di bilancio sul costo complessivo del servizio stesso. Il seminario è focalizzato su una analisi di tali temi al fine di favorire un migliore orientamento delle scelte, assai delicate, che nei prossimi mesi dovranno essere adottate a livello centrale e locale.

PROGRAMMA

Saluto di apertura Enrico LETTA | AREL
Introduce i lavori Alberto BIANCARDI | AREL
Coordina Luigi FERRATA | AREL
Relazione Francesco Saverio MENNINI | Università di Tor Vergata
Interventi Fabiola BOLOGNA | Camera dei deputati
Renato LOIERO | Servizio del Bilancio, Senato della Repubblica
Beatrice LORENZIN | Camera dei deputati
Alessandro NOCE | Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco