09
GIU20

LA SANITÀ ITALIANA DOPO IL CORONAVIRUS

  • 09 Giugno 2020
  • 09 Giugno 2020

L’emergenza del Covid-19 impone una riflessione su come sono state impostate le politiche sanitarie negli ultimi anni.
La valutazione riguardo ai vari meccanismi di sostegno in via di definizione a livello comunitario costituisce un’occasione unica per apportare modifiche e integrazioni in tema di programmazione e organizzazione del servizio sanitario.


Le nuove tecnologie, in particolare la telemedicina, costituiscono una ulteriore opportunità da sfruttare per assicurare una spesa più efficiente, garantendo sul territorio un adeguato livello di servizio e rendendo meno stringente il vincolo di bilancio sul costo complessivo del servizio stesso. Il seminario è focalizzato su una analisi di tali temi al fine di favorire un migliore orientamento delle scelte, assai delicate, che nei prossimi mesi dovranno essere adottate a livello centrale e locale.

PROGRAMMA

Saluto di apertura Enrico LETTA | AREL
Introduce i lavori Alberto BIANCARDI | AREL
Coordina Luigi FERRATA | AREL
Relazione Francesco Saverio MENNINI | Università di Tor Vergata
Interventi Fabiola BOLOGNA | Camera dei deputati
Renato LOIERO | Servizio del Bilancio, Senato della Repubblica
Beatrice LORENZIN | Camera dei deputati
Alessandro NOCE | Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto