19
OTT17

La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione

  • Roma Via di Campo Marzio, 24, Roma, RM, Italia
  • Sala Aldo Moro
  • 19 Ottobre 2017
  • 19 Ottobre 2017

A sei mesi dall’entrata in vigore della Legge Gelli sulla responsabilità professionale sanitaria, quali sono, in concreto, le novità in campo penale, civile e assicurativo? Negli ultimi vent’anni in Italia il contenzioso medico-legale in sanità ha raggiunto livelli critici, con un incremento di pratiche mediche diagnostiche e terapeutiche eccessive e talvolta inappropriate, al solo scopo di evitare cause in tribunale. Questo fenomeno, definito “medicina difensiva”, costa oltre 12 miliardi di euro all’anno al Sistema Sanitario Nazionale.
Per capire appieno come la Legge Gelli abbia cambiato i connotati della responsabilità medico-sanitaria, e a che punto sia la piena attuazione del nuovo dettato normativo, il network di studi legali Consulcesi & Partners e “Sanità Sicura” presentano – il 19 ottobre alle ore 11, presso la Sala Aldo Moro di via di Campo Marzio 24 a Roma – il libro dal titolo “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione” a cura dell’Onorevole Federico Gelli. Il volume, edito da Giuffrè e firmato dallo stesso relatore della Legge con la collaborazione di illustri giuristi, rappresenta un’indispensabile guida per medici, avvocati, operatori sanitari, società scientifiche, manager del settore e compagnie assicurative.

Introduce l’Onorevole Federico Gelli. Intervengono Paola Frati (Ordinario Medicina Legale Università Sapienza di Roma, Sanità Sicura), Vittorio Fineschi (Ordinario Medicina Legale Università Sapienza di Roma, Sanità Sicura), Avv. Francesco Del Rio (Consulcesi & Partners, legale specializzato in Responsabilità sanitaria), Avv. Maurizio Hazan (Avvocato Studio Legale Taurini e Hazan). Modera l’incontro Vira Carbone, giornalista di Rai Uno.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...