26
GEN18

La cronicità: dall’ospedale al territorio, una realtà in evoluzione

  • Milano Palazzo Lombardia, Milano, MI, Italia
  • Palazzo Lombardia, Auditorium G. Testori
  • 26 Gennaio 2018
  • 26 Gennaio 2018

Un’efficace gestione del paziente con multiple comorbidità, spesso anziano e fragile, non può prescindere dal concetto di alleanza terapeutica, basato sulla collaborazione tra professionisti nell’interesse del malato.
Nasce in Lombardia un nuovo modello di presa in carico dei 3,5 milioni di pazienti lombardi affetti da patologie croniche, che stratifica la domanda di salute in cinque livelli, di cui i primi tre comprendono le persone con diversi gradi di complessità, prevedendo percorsi di cura specifici a seconda del livello di gravità per 62 patologie croniche.
Con questi presupposti il Congresso incentrato sul tema della cronicità e delle malattie respiratorie, affronterà temi attuali tra cui la gestione del paziente cronico con comorbidità dalla fase acuta a quella sub acuta, l’aderenza terapeutica nell’anziano e la gestione della cronicità da parte del medico di medicina generale, nonché del ruolo delle Associazioni dei pazienti, organizzazioni indispensabili nell’incoraggiare politiche sanitarie mirate da parte di tutti i protagonisti

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano