30
MAG18

INNOVAZIONE E SANITÀ

  • Milano Via Francesco Daverio, 7, Roma, RM, Italia
  • Sala D'Ars
  • 30 Maggio 2018
  • 30 Maggio 2018

“Dati e progetti innovativi sui pazienti fragili: politiche di buone pratiche, presentazione di iniziative di associazioni italiane ed estere, fondi per una loro migliore gestione in famiglia e nella società”.

Il corso fornirà elementi formativi e di aggiornamento con dati aggiornati sulla salute, dati relativi a progetti innovativi a favore dei pazienti fragili (anziani, bambini, donne in gravidanza), l’evoluzione delle politiche sanitarie per la prevenzione, progetti per l’assistenza e la tutela della maternità per chi ha patologie neurologiche, tecnologie e reti territoriali a favore di chi ha patologie oncologiche, reumatologiche o di altro genere che ne migliorino la qualità di vita.

Modera la dottoressa Cinzia Boschiero. Intervengono: Barbara Garavaglia (Presidente CUG), Cinzia Gallera (Presidente associazione BeWin), Renato Mantegazza (Presidente Comitato Scientifico AIM), Fernando Cornelio (Presidente AIM), Marino Ambrogio (Ambrafarm), Antonio Schiavo, Cesare Matteis, Silvia Ostuzzi (Alomar), Danilo Mazzacane (Segretario Generale GOAL), Emanuela Basso Petrino (Fondazione Theodora Onlus).

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano