03
LUG18

HEALTHCARE 4.0: DIGITALIZZAZIONE, DALL’INDUSTRIA FARMACEUTICA ALL’OSPEDALE

  • Roma Via Álvaro del Portillo, 21, Roma, RM, Italia
  • Università Campus Bio-Medico di Roma – Sala Conferenze Prabb
  • 03 Luglio 2018
  • 03 Luglio 2018

L’evento si inserisce nel filone delle attività che vedono l’Università Campus Bio-Medico di Roma hub nazionale per Ospedale 4.0 nell’ambito del centro di alta specializzazione Artes 4.0 recentemente finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico. Università Campus Bio-Medico di Roma è l’unico nodo nel Lazio della rete di centri di alta specializzazione che parteciperanno al progetto Artes 4.0.

Nel corso dell’incontro verrà inoltre presentato il progetto HANSEL, finanziato dalla Regione Lazio, che mira al trasferimento tecnologico di competenze nel settore dell’automazione industriale con specifico interesse per gli ambiti ospedalieri e farmaceutici. Nell’ambito del progetto si sono integrate diverse tecnologie fornite da una pluralità di partner industriali al fine di creare un ambiente che possa fungere sia da prova per la verifica della funzionalità e compatibilità delle diverse tecnologie sia per attività di esercitazione, oltre che per l’analisi di problematiche di cyber-security.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila