03
LUG18

HEALTHCARE 4.0: DIGITALIZZAZIONE, DALL’INDUSTRIA FARMACEUTICA ALL’OSPEDALE

  • Roma Via Álvaro del Portillo, 21, Roma, RM, Italia
  • Università Campus Bio-Medico di Roma – Sala Conferenze Prabb
  • 03 Luglio 2018
  • 03 Luglio 2018

L’evento si inserisce nel filone delle attività che vedono l’Università Campus Bio-Medico di Roma hub nazionale per Ospedale 4.0 nell’ambito del centro di alta specializzazione Artes 4.0 recentemente finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico. Università Campus Bio-Medico di Roma è l’unico nodo nel Lazio della rete di centri di alta specializzazione che parteciperanno al progetto Artes 4.0.

Nel corso dell’incontro verrà inoltre presentato il progetto HANSEL, finanziato dalla Regione Lazio, che mira al trasferimento tecnologico di competenze nel settore dell’automazione industriale con specifico interesse per gli ambiti ospedalieri e farmaceutici. Nell’ambito del progetto si sono integrate diverse tecnologie fornite da una pluralità di partner industriali al fine di creare un ambiente che possa fungere sia da prova per la verifica della funzionalità e compatibilità delle diverse tecnologie sia per attività di esercitazione, oltre che per l’analisi di problematiche di cyber-security.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano