12
NOV18

GIORNATE FORMATIVE SUI TEMI LEGATI ALLA MEDICINA DELLE MIGRAZIONI

  • Roma Via degli Etruschi, 7, Roma, RM, Italia
  • Sede ONG Engim
  • 12 Novembre 2018
  • 15 Novembre 2018

ll Corso “Salute e migrazione: curare e prendersi cura – La tutela delle persone richiedenti asilo e rifugiate portatrici di esigenze particolari”, organizzato nell’ambito del Progetto Sanità di Frontiera dell’Osservatorio Internazionale per la Salute (OIS) in collaborazione con UNHCR, si svolgerà a Roma nei giorni 12,13,14 e 15 Novembre 2018 presso la sede della ONG Engim, in via degli Etruschi 7.

Tale corso rappresenta la continuazione del percorso intrapreso a Lampedusa nel dicembre 2016, proseguito con i corsi organizzati a Roma in collaborazione rispettivamente con il Centro Astalli, la Croce Rossa Italiana, MSF e Save the Children, che hanno visto la partecipazione delle principali organizzazioni che, a diverso titolo, sono impegnate in questo settore in Italia.

Il programma, che è articolato in quattro sessioni, intende offrire un panorama completo delle questioni relative alla medicina delle migrazioni:

• la prima sessione “Il Contesto” sarà dedicata dapprima ad un inquadramento del fenomeno migratorio a livello globale, poi all’analisi del contesto italiano con particolare riferimento alle evoluzioni delle politiche migratorie ed a quelle più strettamente sanitarie in atto. Orario 9.00 – 17.00;

• la seconda sessione “Ferite invisibili e interculturalità: saper riconoscere un problema nascosto” affronterà la tematica attuale dell’approccio interculturale alla salute, che diviene tanto più rilevante nei casi in cui i traumi subiti dai migranti coinvolgano anche la sfera psichica e che richiedano quindi all’operatore sanitario di avvalersi di competenze più ampie rispetto a quelle strettamente mediche. Orario 9.30 – 17.00;

• la terza sessione “La tutela delle persone richiedenti asilo e rifugiate portatrici di esigenze particolari” inquadrerà il sistema italiano in favore di richiedenti asilo e rifugiati per poi illustrare gli aspetti più strettamente sanitari e trattare alcuni focus tematici legati alle violenze sessuali e di genere. Orario 9.15 – 17.00;

• la quarta sessione “L’accoglienza: stato dell’arte e buone pratiche” intende fornire ai partecipanti una panoramica sulle modalità di accoglienza in atto, sulle principali problematiche riscontrate in campo sanitario e sulle modalità virtuose di risposta e superamento di tali problematiche, nella convinzione che la messa in rete delle esperienze sia una chiave preziosa di mutuo apprendimento, di sviluppo di nuove strade e dunque una preziosa opportunità di progresso. Orario 9.30 – 16.30.

Insieme agli esperti di UNHCR che hanno collaborato alla organizzazione del corso, saranno coinvolti, tra gli altri, relatori del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, dell’OIM, di Save the Children, dell’ASGI, di MEDU, di Medici Contro la Tortura, del SAMIFO-Asl Roma1.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...