24
NOV17

Forum PA Lombardia “Innovare per prendersi cura dei cittadini. Modelli regionali a confronto”

  • Milano Palazzo Lombardia, Milano, MI, Italia
  • Sala Marco Biagi, Palazzo Lombardia
  • 24 Novembre 2017
  • 24 Novembre 2017

Partendo dalla Delibera 6164/2017 della Giunta Regionale della Lombardia, che lancia un sistema proattivo per la presa in carico di pazienti cronici, orientato ai bisogni della persona, basato su un Patto di Cura tra la struttura sanitaria e paziente, garantito da Gestori responsabili, FORUM PA Lombardia vuole essere un momento di confronto e scambio tra le Regioni sui diversi modelli assistenziali adottati e su cosa cambia per i cittadini in ciascun territorio.
In quale modo il paziente viene accompagnato nei diversi percorsi di cura e di accompagnamento della cronicità? Quali tecnologie saranno a supporto della presa in carico? Quali gli attori principali della filiera della continuità assistenziale?
Un confronto a più voci sui differenti paradigmi assistenziali volti tutti a migliorare qualità del servizio erogato e risultati di salute per i cittadini.

Relazione introduttiva di Giulio Gallera, assessore al welfare Regione Lombardia. On line il programma dei lavori.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila