29
SET17

Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute

  • Firenze Leopolda, Firenze, FI, Italia
  • Stazione Leopolda
  • 29 Settembre 2017
  • 30 Settembre 2017

Il Forum della Leopolda 2017 si apre con un propositivo confronto multi-stakeholder sulla governance del SSN i cui aspetti politici, organizzativi e professionali richiedono un’alleanza con cittadini e pazienti che non possono più mantenere il ruolo di fruitori passivi, ma devono essere protagonisti attivi nella valutazione e programmazione dei servizi sanitari e, al tempo stesso, ridurre le aspettative per una medicina mitica e una sanità infallibile. Partecipano: Nino Cartabellotta (GIMBE), Tonino Aceti (Cittadinanzattiva), Luigi D’Ambrosio Lettieri (Senato), Fernanda Gellona (Assobiomedica), Enrique Hausermann (Assogenerici), Angelo Lino Del Favero (Federsanità ANCI), Mario Marazziti (Camera dei Deputati), Rosanna Massarenti (Altroconsumo), Mario Melazzini (AIFA); Paolo Petralia (AOPI), Walter Ricciardi (Istituto Superiore Sanità), Francesco Ripa di Meana (FIASO), Stefania Saccardi (Regione Toscana), Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria), Vincenzo Schiavone (AIOP), Marco Vecchietti (RBM salute), Sergio Venturi (Regione Emilia Romagna).

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano