18
GEN18

Convegno: Osa, idoneità alla guida e al lavoro

  • Roma Piazza Capranica, Roma, RM, Italia
  • Sala dell'Istituto di Santa Maria in Aquiro al Senato
  • 18 Gennaio 2018
  • 18 Gennaio 2018

La patologia cronica delle apnee ostruttive nel sonno (Osa) ha un impatto epidemiologico importante, si stima che almeno il 10% nella popolazione ne soffra. Il recente recepimento, nel febbraio 2016, della normativa europea 2014 ha regolamentato il giudizio di idoneità alla guida per i pazienti Osa, ma al momento permangono difficoltà attuative nella corretta valutazione medico-legale. L’incontro vede la partecipazione di: Maurizio Romani (senatore Idv, vicepresidente della commissione Sanità), Luca Roberti (presidente AAI Onlus), Giuseppe Insalaco (pneumolgo, Cnr/Aipo), Carmelo Causarano (Medicina del lavoro e Apnoici italiani), Fabio Cirignotta (neurologo), Maria Giuseppina Lecce (direttore Ufficio II – Direzione generale prevenzione sanitaria, ministero della Salute), Laura Rosa Fenudi (Medicinalegale, Comlas) e Giovanni Costa (Medicina del lavoro).

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano