27
GIU18

24° CONGRESSO NAZIONALE ANAAO ASSOMED – CI CURIAMO DEL FUTURO

  • Roma Via Salvatore Rebecchini, 145, 00148 Roma, RM, Italia
  • Hotel Sheraton Parco de' Medici
  • 27 Giugno 2018
  • 30 Giugno 2018

Il Congresso sarà inaugurato il 27 giugno alle ore 14.30 presso Spazio Novecento (Piazza Guglielmo Marconi 26) mentre i lavori congressuali si svolgeranno dal 28 al 30 giugno presso l’Hotel Sheraton Parco de’ Medici.

I dieci argomenti che saranno dibattuti: 1) la sostenibilità e il finanziamento del Ssn; 2) l’organizzazione e le condizioni di lavoro; 3) lo stato giuridico, il rapporto di lavoro della dirigenza sanitaria e la rifondazione del Sistema Sanitario Nazionale; 4) livelli e contenuti della contrattazione; 5) la governance delle aziende sanitarie tra regionalismo e centralismo; 6)fondi integrativi e polizze assicurative; 7) rappresentanza e autorità verso una sanità orientata dalle donne; 8) la sanità nel meridione; 9) le professioni sanitarie; 10) la programmazione pluriennale della formazione medico-specialistica.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano