Ambiente 9 Novembre 2022 11:59

Smog: esposizione in gravidanza compromette neurosviluppo del bambino

Uno studio condotto a Taiwan ha dimostrato che l’esposizione allo smog in gravidanza può causare ritardi nello sviluppo motorio e psicosociale del bambino durante la sua crescita

Smog: esposizione in gravidanza compromette neurosviluppo del bambino

L’esposizione a minuscole particelle di inquinamento atmosferico, chiamate polveri sottili, durante la gravidanza è collegato a ritardi nello sviluppo motorio e psico-sociale dei bambini. A scoprire il legame tra smog e neurosviluppo è stato un gruppo di ricercatori della National Taiwan University Medical School and Hospital. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Developmental Medicine & Child Neurology.

Lo smog causa ritardi nello sviluppo motorio e psico-sociale

Lo studio è stato condotto a Taiwan e ha coinvolto 17.863 bambini nati a termine della gravidanza senza malformazioni congenite. I ricercatori hanno svolto valutazioni dei piccoli a domicilio quando avevano 6 e 18 mesi di vita. Ebbene, dai risultati dello studio è emerso che per ogni aumento di 10 μg/m3 dell’esposizione al particolato fine durante il secondo trimestre di gravidanza è associato a un rischio maggiore del 9% di ritardo nelle tappe dello sviluppo neuromotorio. Livelli di rischio simili sono stati osservati per lo sviluppo motorio fine e le abilità personali-sociali.

Gli effetti dello smog sono più forti prima della nascita anziché dopo

Gli autori sono convinti che l’esposizione al particolato fine prima della nascita abbia effetti più forti dell’esposizione dopo la nascita. «La protezione dei bambini dagli inquinanti atmosferici deve essere avviata durante la gravidanza delle loro madri», commenta Yue Leon Gu della National Taiwan University Medical School and Hospital, autore dello studio. Questo non è primo studio ad aver dimostrato che l’esposizione allo smog in gravidanza può causare problemi sulla salute futura dei bambini.

Trovate tracce di inquinanti negli organi in via di sviluppo di feti

Qualche settimana fa una ricerca condotta dagli dell’Università di Aberdeen, nel Regno Unito, e dell’Università di Hasselt, in Belgio, hanno trovato particelle di agenti inquinanti negli organi in via di sviluppo di bambini non ancora nati. I risultati, pubblicati sulla rivista Lancet Planetary Health, indicano che le particelle di smog respirate dalla madre possono arrivare attraverso il sangue nella placenta e da qui raggiungere i polmoni e altri organi del feto, già nei primi mesi di gravidanza. Questo potrebbe significare che le donne incinte che vivono nelle parti più inquinate del paese sono maggiormente a rischio di aborti spontanei, nascite pre-termine e di dare alla luce bambini con problemi di salute.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Bambini in terapia intensiva, la proposta SIN: «Allargare le TIN anche ai primi mesi pediatrici»
In Italia carenza e disomogeneità di Terapie Intensive Pediatriche, ma il ricovero nelle TI per adulti non garantisce appropriatezza delle cure e aumenta la mortalità
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
Gravidanze indesiderate, è record in Campania. Il progetto per promuovere empowerment femminile e contraccezione
L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo insieme a Organon, ha come obiettivo la formazione e l’informazione di ragazzi, famiglie, e operatori in materia di sessualità consapevole
Vaccinazione pediatrica flop? L’Italia dona dosi alla Tunisia
La vaccinazione pediatrica non decolla. Fino ad oggi sono stati vaccinati poco più del 35% dei bambini 5-11 anni. Su 6.726.393 dosi disponibili, ne sono state usate 2.595.995. L'Italia dona 150mila dosi alla Tunisia
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa