Ambiente 13 Ottobre 2022 13:35

Inquinamento, trovate pericolose nanoparticelle negli organi di feti

Per la prima volta gli scienziati hanno trovato nanoparticelle derivanti dall’inquinamento atmosferico nei tessuti e negli organi in via di sviluppo di feti già nei primi 3 mesi di gravidanza

Inquinamento, trovate pericolose nanoparticelle negli organi di feti

Il pancione di una donna non può proteggere il feto dall’inquinamento atmosferico. Il «black carbon», le pericolose nanoparticelle che vengono in grandi quantità nelle aree più inquinate, possono entrare nel grembo materno, attraversare la placenta, finire nel flusso sanguigno della donna e raggiungere i tessuti e gli organi del feto. Le conseguenze non sono ancora perfettamente chiare, ma si ipotizza che possano esserci gravi effetti sulla salute del feti. A scoprirlo è stato uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Aberdeen, nel Regno Unito, e dell’Università di Hasselt, in Belgio. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Lancet Planetary Health.

Le nanoparticelle entrano nel feto già al terzo mese di gravidanza

I ricercatori hanno studiato le nanoparticelle di inquinamento atmosferico, chiamate black carbon o particelle di fuliggine, con lo scopo di determinare se potevano raggiungere o meno il feto. Per la prima volta gli studiosi hanno trovato evidenze che gli inquinanti entrano negli organi in via di sviluppo del feto, inclusi fegato, polmoni e cervello. In particolare, i ricercatori hanno trovato che le pericolose nanoparticelle possono attraversare la placenta e raggiungere il feto già a tre mesi dall’inizio della gravidanza. Lo studio, inoltre, ha evidenziato che a più inquinamento atmosferico sono state esposte le madri, maggiore è il livello di nanoparticelle inquinanti che raggiungono il bambino. Gli scienziati ritengono che questo possa significare che le donne incinte che vivono nelle aree più inquinate sono maggiormente a rischio di natimortalità e hanno probabilità più alte di mettere al mondo bambini con problemi di salute.

Tuteliamo il tuo diritto a respirare Aria Pulita: unisciti a noi!

Scopri se i Comuni in cui hai vissuto dal 2008 al 2018 hanno rispettato i parametri europei sull’inquinamento dell’aria. Compila il Questionario: bastano pochi minuti!

Inquinamento atmosferico intacca anche polmoni e cervello

«Quello che abbiamo dimostrato per la prima volta è che le nanoparticelle di inquinamento atmosferico, non solo entrano nella placenta nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza, ma possono poi farsi strada anche negli organi del feto in via di sviluppo, inclusi fegato e polmoni», scrivono gli autori dello studio. «Ciò che è ancora più preoccupante è che queste particelle di ‘black carbon‘ entrano anche nel cervello umano in via di sviluppo. Questo significa – concludono – che è possibile che queste nanoparticelle interagiscano direttamente con i sistemi di controllo all’interno di organi e cellule fetali umani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Inquinamento: l’Emilia Romagna investe 154 milioni nel prossimo Piano dell’Aria
Malgrado le osservazioni critiche dell'opposizione, disco verde della commissione Politiche per la Salute dell'Emilia-Romagna al prossimo Piano dell'Aria (Pair 2030) proposto dalla giunta regionale per ridurre gli effetti dell'inquinamento
di V.A.
Clima pazzo e inquinamento aumentano il rischio di maculopatie senili
La crisi climatica e l’inquinamento atmosferico ad essa legato rappresentano un’urgenza anche per la salute dei nostri occhi,  che va ben oltre quella finora considerata di congiuntiviti e occhio secco. Uno studio canadese, il più ampio mai realizzato, pubblicato il mese scorso su Ophthalmic Epidemiology e condotto su 1,7 milioni di americani over 65, ha evidenziato una correlazione significativa tra maggiore probabilità di gravi problemi alla vista e temperature più elevate
di V.A.
Il traffico aumenta la pressione sanguigna, un effetto che dura fino a 24 ore
Uno studio dell'Università di Washington, pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, ha rilevato che l'aria non filtrata proveniente dal traffico delle ore di punta aumenta significativamente la pressione sanguigna dei passeggeri, sia mentre si trovano in automobile che fino a ben 24 ore dopo
Inquinamento: la Corte Europea dei diritti dell’Uomo condanna l’Italia
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: “Sentenza storica: da Europa diritto a vivere in un ambiente salubre anche senza danno alla salute. Forti analogie con la nostra azione collettiva Aria Pulita, nn messaggio positivo anche per i 600 mila richiedenti"
Ue verso aria più pulita, parte carbon tax alle frontiere
Ridurre le emissioni inquinanti e, di conseguenze, ridurre il loro impatto sulla salute ambientale e dell'uomo. Queste sono solo alcuni degli ambiziosi obiettivi della Carbon Tax dell’Unione Europea alle frontiere, entrata in vigore da pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...