Ambiente 13 Ottobre 2022 13:35

Inquinamento, trovate pericolose nanoparticelle negli organi di feti

Per la prima volta gli scienziati hanno trovato nanoparticelle derivanti dall’inquinamento atmosferico nei tessuti e negli organi in via di sviluppo di feti già nei primi 3 mesi di gravidanza

Inquinamento, trovate pericolose nanoparticelle negli organi di feti

Il pancione di una donna non può proteggere il feto dall’inquinamento atmosferico. Il «black carbon», le pericolose nanoparticelle che vengono in grandi quantità nelle aree più inquinate, possono entrare nel grembo materno, attraversare la placenta, finire nel flusso sanguigno della donna e raggiungere i tessuti e gli organi del feto. Le conseguenze non sono ancora perfettamente chiare, ma si ipotizza che possano esserci gravi effetti sulla salute del feti. A scoprirlo è stato uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Aberdeen, nel Regno Unito, e dell’Università di Hasselt, in Belgio. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Lancet Planetary Health.

Le nanoparticelle entrano nel feto già al terzo mese di gravidanza

I ricercatori hanno studiato le nanoparticelle di inquinamento atmosferico, chiamate black carbon o particelle di fuliggine, con lo scopo di determinare se potevano raggiungere o meno il feto. Per la prima volta gli studiosi hanno trovato evidenze che gli inquinanti entrano negli organi in via di sviluppo del feto, inclusi fegato, polmoni e cervello. In particolare, i ricercatori hanno trovato che le pericolose nanoparticelle possono attraversare la placenta e raggiungere il feto già a tre mesi dall’inizio della gravidanza. Lo studio, inoltre, ha evidenziato che a più inquinamento atmosferico sono state esposte le madri, maggiore è il livello di nanoparticelle inquinanti che raggiungono il bambino. Gli scienziati ritengono che questo possa significare che le donne incinte che vivono nelle aree più inquinate sono maggiormente a rischio di natimortalità e hanno probabilità più alte di mettere al mondo bambini con problemi di salute.

Inquinamento atmosferico intacca anche polmoni e cervello

«Quello che abbiamo dimostrato per la prima volta è che le nanoparticelle di inquinamento atmosferico, non solo entrano nella placenta nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza, ma possono poi farsi strada anche negli organi del feto in via di sviluppo, inclusi fegato e polmoni», scrivono gli autori dello studio. «Ciò che è ancora più preoccupante è che queste particelle di ‘black carbon‘ entrano anche nel cervello umano in via di sviluppo. Questo significa – concludono – che è possibile che queste nanoparticelle interagiscano direttamente con i sistemi di controllo all’interno di organi e cellule fetali umani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
È la pelle la nuova sentinella di inquinamento ambientale
Mezzana (SIMA): «Analizzando la cute di un individuo sarà possibile identificare il grado di inquinamento del luogo in cui vive o ha vissuto. Nessun test invasivo, come la biopsia, ma sensori cutanei in grado di rilevare i parametri della pelle, in profondità e in tempo reale»
Oltre 46 mld di mascherine usate in Italia. SIMA: «Tsunami per l’ambiente»
Da quando è iniziata la pandemia sono state usate in Italia oltre 46 miliardi di mascherine. Dalla SIMA allarme per inquinamento mari
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa