Sanità internazionale 13 ottobre 2015

Sanità internazionale 

Vita e dolori di un Junior Doctor

Tempi duri per i giovani medici in Europa. A cominciare dall’Inghilterra, dove nelle ultime settimane è in atto una vera e propria rivolta dei 53mila camici bianchi in erba contro un rinnovo contrattuale che non avrebbe mantenuto le promesse, né soddisfatto le pretese. Si parla di turni da 90 ore a settimana a fronte di uno stipendio decurtato dal 15% al 40%. Facile comprendere la levata di scudi e le minacce di scioperi, nonostante il segretario alla salute Jeremy Hunt abbia dichiarato di voler rivedere queste misure (“The Guardian”). E i medici italiani non sembrano passarsela molto meglio: reduci dai test di accesso alle scuole di specializzazione resta comunque, per chi ce l’ha fatta, una forte incertezza: complice il blocco del turn over e una programmazione di risorse inadeguata, entrare in modo stabile nel mondo del lavoro appare un’utopia. Tutto sommato, sono i cugini francesi ad avere meno motivi di lamentele: Oltralpe, infatti, i posti messi a disposizione nelle scuole di specializzazione sono pari al numero di candidati, un fattore che riduce enormemente le disparità tra domanda e fabbisogno reale. Chi riesce a entrare, insomma, è dentro davvero.

Articoli correlati
Pizza e birra al posto dello stipendio. Giovani medici protestano su Facebook: «No alla sanità low cost»
È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere […]
Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»
«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione
Giovani medici, Enpam stanzia 30 milioni per studi professionali
«Stiamo lavorando per passare da un welfare delle necessità a un welfare delle opportunità in modo da utilizzare il patrimonio non solo per offrire sicurezza agli iscritti, ma anche per facilitare la loro attività» spiega Alberto Oliveti, Presidente Enpam
Specializzazioni: Grasselli (FVM) scrive al Premier Gentiloni
Scuole di specializzazione e esami di stato di abilitazione per l’esercizio della professione di medico: su questo tema il Presidente della Federazione Veterinari e Medici, Dott. Aldo Grasselli, ha inviato al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni una lettera, di seguito il contenuto. Egr. Sig. Presidente del Consiglio, esponenti del suo stesso Governo esortano i giovani a […]
Scuole di specializzazione: ecco il bando. Iscrizioni dal 5 al 16 ottobre: ecco i dettagli sull’esame e sulle graduatorie
Disponibile il bando tanto atteso per le scuole di specializzazione. La prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo. Le borse a disposizione sono 6.676
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...