Salute 18 novembre 2014

Ebola, per combattere il virus l’imperativo è: informare

Linea diretta del Ministero per rispondere a dubbi a domande. Prosegue la sperimentazione del vaccino Okairos

Immagine articolo

Ebola continua a far paura, ma gli sforzi attuati dai governi, dai medici, volontari e scienziati stanno danno i loro frutti: le contromisure per affrontare l’epidemia si stanno rivelando sensate e, in alcuni casi, efficaci. La sperimentazione del vaccino messo a punto dal team italiano dell’azienda Okairos prosegue con ottimi risultati.

Di questo passo, centinaia di migliaia di dosi sarebbero disponibili entro il 2016. L’ultimo bollettino diffuso dall’Oms attesta che i deceduti per Ebola sono pressoché stabili a 5160 per un totale di circa14mila casi. Nel Mali sono stati registrati finora 4 casi, con altrettanti decessi. Nonostante ciò, il quadro generale mostra i primi segnali di rallentamento del virus, o almeno di una stabilizzazione dell’epidemia in Liberia e Guinea.

Intanto, il Ministero della Salute ha istituito la linea di pubblica utilità 1500, attiva su due livelli di risposta: il primo, costituito da circa 40 operatori che risponderanno a tutti i quesiti base dei cittadini;  un secondo, costituito da 60 professionisti sanitari che risponderanno a domande di carattere tecnico-scientifico. Il Ministro Lorenzin ha dichiarato: “Abbiamo formato appositamente il personale per dare tutte le informazioni che saranno richieste dai cittadini sul virus Ebola, ma ribadisco che attualmente qualsiasi allarmismo è ingiustificato”.

E si è anche deciso di venire incontro, in modo concreto, ai professionisti sanitari che lamentavano una scarsa informazione e preparazione nei confronti di un’eventuale gestione dell’emergenza: a Milano, nei giorni scorsi, è stata eseguita la prima simulazione italiana di evacuazione medica per una finta malata di Ebola atterrata all’aeroporto di Malpensa e poi trasferita all’ospedale Sacco per il ricovero, con l’obiettivo di testare la preparazione di medici e infermieri e verificare la presenza di passaggi critici. La prova di trasporto in sicurezza è stata organizzata dall’Aeronautica militare insieme al ministero della Salute e alla regione Lombardia.

D’impatto, infine, l’iniziativa tra la multinazionale Ericsson – specializzata nelle reti mobili e nel software – e l’Irc  – agenzia focalizzata nell’affrontare crisi umanitarie e nel salvataggio di profughi: le due realtà hanno annunciato un accordo che riguarda progetti comuni, iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e l’impegno di impiegati volontari dell’azienda a sostegno delle operazioni di emergenza dell’Irc.

Articoli correlati
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...