Salute 21 ottobre 2014

Ebola, l’obiettivo è evitare la pandemia. In Europa scattano misure più stringenti

Ma è guardia alta in tutto il mondo: un morto in Germania, due contagiati in Usa

Immagine articolo

Si aggrava in modo preoccupante il bilancio delle vittime di Ebola: non solo in Africa, dove ormai i contagiati sfiorano le diecimila unità e i decessi sono circa la metà.

La Germania registra il primo morto da Ebola a Lipsia: era un dipendente dell’Onu ammalatosi in Liberia e poi rimpatriato, mentre la Spagna tira un sospiro di sollievo per la guarigione dell’infermiera Teresa Romero.
Gli Usa, invece, stanno pagando lo scotto di alcune leggerezze procedurali: dopo il contagio dell’operatrice sanitaria che aveva assistito il paziente zero – poi deceduto – sono scattati controlli a tappeto che hanno portato all’individuazione di un’altra infermiera contagiata, impiegata nello stesso ospedale di Dallas. I falsi allarmi, in tutta Europa, non si contano più: a Roma e a Milano, nei giorni scorsi, sono scattate le procedure di emergenza per due cittadini africani vittime di un malore, in seguito al quale è scattato il ricovero in ospedale, che ha poi escluso il contagio.

Il vertice che si è tenuto il 16 ottobre a Bruxelles ha fatto il punto sul coordinamento delle azioni degli Stati membri contro il virus e sull’efficacia delle procedure di screening in vigore nei Paesi colpiti. La strategia è quella di curare i malati nei luoghi del contagio, potenziando gli ospedali locali, prima che partano per l’Europa. La Francia, dal canto suo ha annunciato che avvierà controlli medici negli aeroporti su tutti i passeggeri in arrivo da Paesi colpiti dall’epidemia, mentre il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha insistito, nei giorni scorsi, sulla necessità di assicurare la tracciabilità dei viaggiatori provenienti dall’Africa occidentale. Anche il presidente Usa, Obama, ha annunciato un vertice per individuare nuove misure di sicurezza alla luce della preoccupante situazione a Dallas. L’approccio con cui si affronta l’emergenza Ebola negli Stati Uniti “sarà cambiato sostanzialmente”, afferma il responsabile del Center for Desease Control, Thomas Frieden – perché ogni singolo contagio è del tutto inaccettabile”.

Articoli correlati
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
Medici Senza Frontiere, parla la neo Presidente Lodesani: «Non associateci solo ai migranti, siamo in campo su guerre e disastri naturali»
Eletta alla guida di MSF Italia da un mese, la dottoressa ricorda il suo impegno sul campo, elenca le aree più calde del mondo e pone dei paletti ben chiari: «Non dobbiamo diventare un movimento troppo grande, altrimenti diventa ingestibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»