Salute 21 ottobre 2014

Ebola, l’obiettivo è evitare la pandemia. In Europa scattano misure più stringenti

Ma è guardia alta in tutto il mondo: un morto in Germania, due contagiati in Usa

Immagine articolo

Si aggrava in modo preoccupante il bilancio delle vittime di Ebola: non solo in Africa, dove ormai i contagiati sfiorano le diecimila unità e i decessi sono circa la metà.

La Germania registra il primo morto da Ebola a Lipsia: era un dipendente dell’Onu ammalatosi in Liberia e poi rimpatriato, mentre la Spagna tira un sospiro di sollievo per la guarigione dell’infermiera Teresa Romero.
Gli Usa, invece, stanno pagando lo scotto di alcune leggerezze procedurali: dopo il contagio dell’operatrice sanitaria che aveva assistito il paziente zero – poi deceduto – sono scattati controlli a tappeto che hanno portato all’individuazione di un’altra infermiera contagiata, impiegata nello stesso ospedale di Dallas. I falsi allarmi, in tutta Europa, non si contano più: a Roma e a Milano, nei giorni scorsi, sono scattate le procedure di emergenza per due cittadini africani vittime di un malore, in seguito al quale è scattato il ricovero in ospedale, che ha poi escluso il contagio.

Il vertice che si è tenuto il 16 ottobre a Bruxelles ha fatto il punto sul coordinamento delle azioni degli Stati membri contro il virus e sull’efficacia delle procedure di screening in vigore nei Paesi colpiti. La strategia è quella di curare i malati nei luoghi del contagio, potenziando gli ospedali locali, prima che partano per l’Europa. La Francia, dal canto suo ha annunciato che avvierà controlli medici negli aeroporti su tutti i passeggeri in arrivo da Paesi colpiti dall’epidemia, mentre il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha insistito, nei giorni scorsi, sulla necessità di assicurare la tracciabilità dei viaggiatori provenienti dall’Africa occidentale. Anche il presidente Usa, Obama, ha annunciato un vertice per individuare nuove misure di sicurezza alla luce della preoccupante situazione a Dallas. L’approccio con cui si affronta l’emergenza Ebola negli Stati Uniti “sarà cambiato sostanzialmente”, afferma il responsabile del Center for Desease Control, Thomas Frieden – perché ogni singolo contagio è del tutto inaccettabile”.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...