Sanità internazionale 30 Novembre 2021 11:54

Variante Omicron, Cooke (EMA): «Vaccini possono essere adattati alle mutazioni del virus»

La direttrice esecutiva di EMA afferma di sperare nel meglio, ma di prepararsi al peggio. I vaccini restano la migliore speranza per impedire ulteriori mutazioni del virus, in arrivo anche quello proteico Novavax. Primi dati sull’efficacia di quelli attuali sulla variante Omicron tra 2-3 settimane

Variante Omicron, Cooke (EMA): «Vaccini possono essere adattati alle mutazioni del virus»

«Sappiamo che i virus mutano e siamo preparati. Abbiamo in vigore delle linee guida che consentono alle compagnie farmaceutiche di avere un percorso accelerato per i vaccini adattati alle varianti del Sars-CoV-2. Non sappiamo se ce ne sarà bisogno, ma abbiamo in vigore dei piani di emergenza. Ci prepariamo al peggio, anche se speriamo ancora per il meglio». Le parole di Emer Cooke, direttrice esecutiva di EMA, provano ad essere rassicuranti in un momento in cui tutto il mondo scientifico guarda con il fiato sospeso alla variante Omicron.

L’importanza della vaccinazione e Novavax in arrivo

In audizione alla commissione Envi del Parlamento Europeo, a Bruxelles, il clima è comunque teso in attesa dei primi dati, che in ogni caso non potranno essere disponibili che tra 2-3 settimane. Cooke ha voluto ribadire che i vaccini contro Covid sono ad oggi la migliore arma che abbiamo, anche per affrontare questa nuova variante. Alla pletora di quelli disponibili andrà poi presto ad aggiungersi Novavax, che la direttrice esecutiva di EMA assicura potrebbe essere approvato in qualche settimana. Si tratta di un vaccino proteico, che utilizza dunque la tecnica brevettata che da oltre 30 anni è quella standard per realizzare i vaccini. Un prodotto che forse potrebbe in qualche modo convincere i nìvax più testardi, trovandosi di fronte a una tecnica ben rodata e non nuova quanto quella dei vaccini ad mRna.

In Irlanda, ha ricordato la Cooke, «è vaccinato il 93% della popolazione adulta e si registrano 15 morti per milione di abitanti. In Paesi Ue in cui il tasso di vaccinazione della popolazione adulta è inferiore al 50% il tasso di mortalità è intorno ai 250 per milione di abitanti».

I vaccini contro Omicron funzioneranno?

«Dai dati vediamo che i vaccini contro la Covid-19 rimangono efficaci e continuano a proteggere dalla malattia grave e dalla morte. Anche se la nuova variante diventerà più diffusa, i vaccini continueranno a dare protezione», ha assicurato ancora. Questa è la principale preoccupazione degli esperti al momento: è molto difficile che i vaccini, implementati sulla variante Alfa (ormai soppiantata dalla Delta), possano impedire l’infezione da variante Omicron ma è essenziale che proteggano da malattia grave ed esito nefasto.

Il parere di Karikò (Pfizer-BioNTech)

«Il vaccino probabilmente non protegge dall’infezione perché abbiamo avuto dei casi, ma forse protegge dalla terapia intensiva – ha confermato la vicepresidente di Pfizer-BioNTech Katalin Karikò, intervistata da La Stampa –. Ci sono più livelli di protezione: la positività, i sintomi, il ricovero in ospedale, la rianimazione. Ma la situazione è in continua evoluzione, molto difficile da prevedere. Vedo molti colleghi fare esternazioni più o meno rassicuranti ma sono solo speculazioni. Nessuno sa con esattezza cosa accadrà. Una cosa però si può dire: quando venne scoperta la variante Delta, molte persone corsero a vaccinarsi e fecero bene. Perché più persone si vaccinano e meno possibilità ha il virus di evolvere e mutare. E quindi di continuare a diffondersi».

«Non sappiamo, per esempio – ha spiegato ancora la scienziata parlando anche con il Corriere della Sera – quanti dei contagiati in Sudafrica erano vaccinati, quanti di loro si sono ammalati, quanto gravemente. Se hai 1 o 2 casi, serve a poco: occorrono numeri alti. La verità è che per ora non sappiamo. Tutti guardano ai numeri dei contagi in crescita. Però sappiamo anche quante differenti varianti sono già comparse finora: un’altra sudafricana, una giapponese, l’inglese, l’indiana, la latino-americana, ce n’è stata una in California. Semplicemente, il virus evolve continuamente. Questo però non significa che per ogni variante serva un nuovo vaccino. Magari possiamo scoprire che è diminuita l’efficacia contro l’infezione, ma la protezione resta comunque molto alta contro la malattia».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
Da Ema via libera ai vaccini «aggiornati» per Omicron
Il comitato per i medicinali umani dell'Agenzia europea del farmaco ha raccomandato di autorizzare due vaccini aggiornati per fornire una protezione più ampia contro Covid-19. Si tratta delle due versioni di Pfizer/BioNTech e Moderna adattati contro la variante Omicron 1
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
EMA: allo studio effetti avversi dei vaccini e nuove varianti del Covid per definire la campagna d’autunno
Alla presentazione dell’accordo quadro tra Istituto Ortopedico Galeazzi e Fondazione Fadoi per la Ricerca, Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici dell’Agenzia Europea dei Medicinali, dà le linee di indirizzo sulla quarta dose e anticipa quelli che saranno i virus da affrontare in futuro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola